Discussione:
analisi prezzi per configurazione server Linux per WISP
(troppo vecchio per rispondere)
gdss
2008-03-22 13:20:31 UTC
Permalink
Ciao a tutti,
stiamo redigendo un progetto per la realizzazione di una rete wireless
(che sarà utilizzata per realizzare un Wisp),
e ci troviamo nella necessità di effettuare un'analisi dei prezzi
riguardo alla configurazione di alcuni server da utililzzare in questa
rete. L'analisi a questo punto è anc
ora approssimativa, giusto per valutarne l'ordine di grandezza (ma più
siete precisi, meglio è :)).

I server da configurare sono questi:

Quello che avevamo pensato è di distribuire i servizi su due server, e
poi duplicarli (cioè ognuno dei server ha una sua copia, questo sia
per bilanciare il carico che per ridondanza e quindi maggiore
affidabilità). A monte delle coppie di server vi sarà un dispositivo
hardware (un router sostanzialmente), altamente affidabile, che smista
le connessioni in ingresso su uno dei due server copia, eventualmente
escludendone uno se in avaria. E' un buon approccio secondo voi?
Quello che ci interessa è che la rete sia affidabile, cioè richieda il
meno possibile di risorse per la sua manutenzione.

Allora, sui primi due server va:
un demone di posta (ad esempio postfix)
un server per il dns
un server radius

Su i secondi due:
squid e pppoe server

Pensiamo di prendere server abbastanza buoni, ma non spropositati
(diciamo 1500 EURO l'uno), dato che la somma delle utenze
difficilmente
supererà la centinaia.

Il prezzo che mi interessa è quello relativo alla configurazione e
messa in servizio di tutti questi server (magari in assistenza da
remoto), con magari un periodo di assistenza di un mese, da remoto,
nel caso che qualcosa vada storto (considerando comunque che ad
amministrare la rete ogni giorno ci sarà un utente non proprio a
digiuno di Linux e di configurazione dei server su riportati).

Lo so che fare un preventivo così al volo non è facile, se vi viene
più facile indicatemi pure qualche prezzo singolo, giusto per aiutarmi
a fare un'idea. I prezzi si riferiscono solo all'installazione e
configurazione dei servizi, non dell'hardware.

Grazie.
NC
2008-03-23 18:58:00 UTC
Permalink
Post by gdss
affidabilità). A monte delle coppie di server vi sarà un dispositivo
hardware (un router sostanzialmente), altamente affidabile, che smista
le connessioni in ingresso su uno dei due server copia, eventualmente
escludendone uno se in avaria.
Piu' che un router (che tipicamente non e' in grado di valutare
lo stato di un server e decidere quindi se girargli una richiesta
o meno) penso tu intenda un load balancer che puo' essere hardware,
che so ad es. Radware per dire una marca, o che puo' anche essere
realizzato con dei server normali sempre linux based (vedi il
progetto LVS).
In ogni caso, spero che anche questo apparato sia ridondato (tipo
due apparati/appliance in cluster tra di loro) in modo da non diventare
lui stesso un SPOF.
Post by gdss
Quello che ci interessa è che la rete sia affidabile, cioè richieda il
meno possibile di risorse per la sua manutenzione.
Pensiamo di prendere server abbastanza buoni, ma non spropositati
(diciamo 1500 EURO l'uno), dato che la somma delle utenze
difficilmente supererà la centinaia.
1500euro non sono tantissimi, penso sia la cifra quasi minima per
riuscire a comprare un server una garanzia triennale di marca
sufficientemente affidabile. Ovviamente se ti tiri in piedi un
pc assemblato e' un altro discorso, ma non vuoi impazzire per
la sua manutenzione, io andrei su una marca nota con copertura
quantomeno 8x5 NBD per 3 anni (Dell, HP, Fujitsu, IBM etc..)

Per quanto riguarda la "duplicazione" dei server per ridondanza,
in alcuni casi le cose vengono abbastanza automatiche, in altre
c'e' del lavoro da fare: ad es. avete gia' valutato come replicare
tra le due macchine ad es. il db del radius?
gdss
2008-03-24 16:30:19 UTC
Permalink
Post by NC
Post by gdss
affidabilità). A monte delle coppie di server vi sarà un dispositivo
hardware (un router sostanzialmente), altamente affidabile, che smista
le connessioni in ingresso su uno dei due server copia, eventualmente
escludendone uno se in avaria.
In ogni caso, spero che anche questo apparato sia ridondato (tipo
due apparati/appliance in cluster tra di loro) in modo da non diventare
lui stesso un SPOF.
Ma magari essendo hardware è molto affidabile e al limite può essere
sostituito velocemente.
Cmq la soluzione del cluster potrebbe interessarmi. Come sono
collegati? Nel caso in cui utilizzi questi apparati in cluster, come
avviene la suddivisione delle richieste in entrata?
Post by NC
Post by gdss
Quello che ci interessa è che la rete sia affidabile, cioè richieda il
meno possibile di risorse per la sua manutenzione.
Pensiamo di prendere server abbastanza buoni, ma non spropositati
(diciamo 1500 EURO l'uno), dato che la somma delle utenze
difficilmente supererà la centinaia.
1500euro non sono tantissimi, penso sia la cifra quasi minima per
riuscire a comprare un server una garanzia triennale di marca
sufficientemente affidabile. Ovviamente se ti tiri in piedi un
pc assemblato e' un altro discorso, ma non vuoi impazzire per
la sua manutenzione, io andrei su una marca nota con copertura
quantomeno 8x5 NBD per 3 anni (Dell, HP, Fujitsu, IBM etc..)
Vero, infatti sono passato a considerare server Dell Power Edge con
doppio processore e dischi in raid (da circa 3000 EURO). Invece di
prenderne 4 penso che ne prenderemo 2, mettendo tutti i servizi su un
solo server e poi duplicandolo. Penso di isolare i servizi sul server
con una tecnologia di virtualizzazione; al momento pensavo a vserver.
Post by NC
Per quanto riguarda la "duplicazione" dei server per ridondanza,
in alcuni casi le cose vengono abbastanza automatiche, in altre
c'e' del lavoro da fare: ad es. avete gia' valutato come replicare
tra le due macchine ad es. il db del radius?
Questo fa parte della configurazione dei servizi (per cui volevo fare
un'analisi dei server). In ogni caso non credo sia difficile duplicare
le modifiche (adesso mi viene in mente la procedura di aggiunta e
cancellazione di un utente) sui due database.
NC
2008-03-25 19:02:48 UTC
Permalink
Post by gdss
Ma magari essendo hardware è molto affidabile e al limite può essere
sostituito velocemente.
se ne hai un'altro in casa... o ti vuoi fidare del vendor che ti dice
entro domani ti mandiamo il pezzo sostitutivo.. e se poi non arriva?
che fai stai fermo dei giorni? l'hardware dedicato MAGARI sara'
anche piu' affidabile (anche se considera che molti "hardware" poi
non sono altro che appliance simil-pc) ma e' pur sempre soggetto
a failure (te lo dice uno che ha visto esplodere in 3 anni gli
alimentatori di 6 switch su 18 in una infrastruttura Cisco)
Post by gdss
Cmq la soluzione del cluster potrebbe interessarmi. Come sono
collegati? Nel caso in cui utilizzi questi apparati in cluster, come
avviene la suddivisione delle richieste in entrata?
dipende dall'implementazione, per LVS dai un occhio qui
http://www.linuxvirtualserver.org/
nello specifico per la parte di Load Balancing:
http://kb.linuxvirtualserver.org/wiki/Load_balancing

banalmente potresti anche farlo con un semplice roundrobin su DNS,
ma poi avresti il problema delle sessioni, dell'incapacita' di
verificare se il server dietro e' vivo o meno etc...
Post by gdss
Post by NC
Per quanto riguarda la "duplicazione" dei server per ridondanza,
in alcuni casi le cose vengono abbastanza automatiche, in altre
c'e' del lavoro da fare: ad es. avete gia' valutato come replicare
tra le due macchine ad es. il db del radius?
Questo fa parte della configurazione dei servizi (per cui volevo fare
un'analisi dei server). In ogni caso non credo sia difficile duplicare
le modifiche (adesso mi viene in mente la procedura di aggiunta e
cancellazione di un utente) sui due database.
dipende, alcuni sistemi nascono gia' per essere distribuiti (che so,
in ambito windows Active Directory e i servizi sopra appoggiati,
come AD stesso, il DNS etc..) altri invece devono essere configurati
ad hoc, eventualmente con sviluppi applicativi...
gdss
2008-03-25 21:53:20 UTC
Permalink
Post by gdss
Cmq la soluzione del cluster potrebbe interessarmi. Come sono
collegati? Nel caso in cui utilizzi questi apparati in cluster, come
avviene la suddivisione delle richieste in entrata?
dipende dall'implementazione, per LVS dai un occhio quihttp://www.linuxvirtualserver.org/
nello specifico per la parte di Load Balancing:http://kb.linuxvirtualserver.org/wiki/Load_balancing
Mi riferivo al cluster realizzato in hardware. Linuxvirtualserver è
una soluzione interessante, ma da una rapida occhiata sembra che sia
un po' vecchiotta (non supporta il kernel 2.6 e non usa iptables per
il firewall).
Post by gdss
Post by NC
Per quanto riguarda la "duplicazione" dei server per ridondanza,
in alcuni casi le cose vengono abbastanza automatiche, in altre
c'e' del lavoro da fare: ad es. avete gia' valutato come replicare
tra le due macchine ad es. il db del radius?
Questo fa parte della configurazione dei servizi (per cui volevo fare
un'analisi dei server). In ogni caso non credo sia difficile duplicare
le modifiche (adesso mi viene in mente la procedura di aggiunta e
cancellazione di un utente) sui due database.
dipende, alcuni sistemi nascono gia' per essere distribuiti (che so,
in ambito windows Active Directory e i servizi sopra appoggiati,
come AD stesso, il DNS etc..) altri invece devono essere configurati
ad hoc, eventualmente con sviluppi applicativi...
Nel nostro caso abbiamo:
pppoe server: nessun dato da sincronizzare
squid: neanche, anche se in questo caso andrei a duplicare le
informazioni nella cache (any hints?)
radius: necessità di sincronizzazione; non difficile da ottenere
tramite la duplicazione delle operazione sui due server (quando
aggiungi un utente lo aggiungi ad entrambi i server, lo stesso per la
rimozione);
server dns: semplice duplicazione della configurazione
un demone di posta: qua forse c'è qualche problema per le email in
ingresso (a questo punto potremmo pure non duplicarlo).
gdss
2008-03-24 17:08:29 UTC
Permalink
Post by NC
1500euro non sono tantissimi, penso sia la cifra quasi minima per
riuscire a comprare un server una garanzia triennale di marca
sufficientemente affidabile. Ovviamente se ti tiri in piedi un
pc assemblato e' un altro discorso, ma non vuoi impazzire per
la sua manutenzione, io andrei su una marca nota con copertura
quantomeno 8x5 NBD per 3 anni (Dell, HP, Fujitsu, IBM etc..)
Cosa si intende per NBD? Per il momento pensavo di optare per solo un
anno, dati i limiti di budget, ritieni che sia una scelta azzardata?
Matteo
2008-03-24 17:53:45 UTC
Permalink
Post by gdss
Cosa si intende per NBD?
Next Business Day...
pingus
2008-03-28 11:23:21 UTC
Permalink
Post by gdss
Ciao a tutti,
snip
Post by gdss
Grazie.
dicci dove sei basato, la mail da usare, e ti facciamo una offerta...

ciao
Gdss
2008-03-28 11:51:28 UTC
Permalink
Post by pingus
Post by gdss
Ciao a tutti,
snip
Post by gdss
Grazie.
dicci dove sei basato, la mail da usare, e ti facciamo una offerta...
La rete è da realizzare in un piccolo paese in provincia di Salerno. Io di
solito sono basato a Napoli... la mail è questa: gdistasi at gmail dot com.
Contattatemi per maggiori informazioni.
A presto

Continua a leggere su narkive:
Loading...