Discussione:
RentACoder
(troppo vecchio per rispondere)
iccika
2004-07-23 09:33:54 UTC
Permalink
ho letto che qualcuno di voi a preso lavori da questo sito....sapreste
dirmi come funziona per gli aspetti fiscali? io sono un lavoratore
dipendente e non ho partita iva, ma mi piacerebbe prendere qualche
lavoretto per arrotondare....

grazie a chiunque mi sarà d'aiuto....
ciao
--
___ ____ ____ ___ _ __ _
|_ _/ ___/ ___|_ _| |/ / / \
| | | | | | || ' / / _ \
| | |__| |___ | || . \ / ___ \
|___\____\____|___|_|\_\/_/ \_\
Setec Astronomy
2004-07-23 12:35:04 UTC
Permalink
sapreste dirmi come funziona per gli aspetti fiscali?
Personalmente con autofattura (ho P.IVA), IMHO ti conviene chiedere ad
un commercialista.
--
I am what I am, I do what I can
L'uomo, conscio di sbagliare, persevera.
iccika
2004-07-23 12:43:28 UTC
Permalink
Post by Setec Astronomy
sapreste dirmi come funziona per gli aspetti fiscali?
Personalmente con autofattura (ho P.IVA), IMHO ti conviene chiedere ad
un commercialista.
si per quello che pagano mi sa che conviene non farne di niente..
--
___ ____ ____ ___ _ __ _
|_ _/ ___/ ___|_ _| |/ / / \
| | | | | | || ' / / _ \
| | |__| |___ | || . \ / ___ \
|___\____\____|___|_|\_\/_/ \_\
Kinglion
2004-07-23 12:58:46 UTC
Permalink
Post by Setec Astronomy
Personalmente con autofattura (ho P.IVA), IMHO ti conviene chiedere ad
un commercialista.
Scusa che intendi con autofattura??

Ciao,
Alessio (a.k.a. Kinglion)
Setec Astronomy
2004-07-23 13:46:41 UTC
Permalink
Post by Kinglion
Scusa che intendi con autofattura??
Una fattura che ha come intestazione me medesimo e come oggetto una
cosa del tipo:

Autofattura emessa ai sensi dell'art. 17 comma 4 lettera d) del dpr
633/72 - Fuori campo IVA.

Almeno questo e' quello che mi ha sempre fatto fare il commercialista.
--
I am what I am, I do what I can
L'uomo, conscio di sbagliare, persevera.
Kinglion
2004-07-23 14:56:17 UTC
Permalink
Post by Setec Astronomy
Una fattura che ha come intestazione me medesimo e come oggetto una
Autofattura emessa ai sensi dell'art. 17 comma 4 lettera d) del dpr
633/72 - Fuori campo IVA.
Almeno questo e' quello che mi ha sempre fatto fare il commercialista.
Mai sentita una cosa del genere...cioè in pratica se non posso/voglio
emettere fattura ad un cliente posso farmela da solo e stare in regola con
tasse, iva (almeno se sono nel campo di applicazione, etc.? Ma a che pro
"autofatturare"? Se non posso emettere fattura al datore di lavoro non è
meglio fare qualcosa del tipo "collaborazione occasionale"? E se proprio al
datore di lavoro non frega niente, ma perchè devo fatturare?? ;))

Lo so, lo so, it.discussioni.commercialisti ;)

Ciao,
Alessio (a.k.a. Kinglion)
Setec Astronomy
2004-07-23 18:13:51 UTC
Permalink
Mai sentita una cosa del genere...cioh in pratica se non posso/voglio
emettere fattura ad un cliente posso farmela da solo e stare in
regola con tasse, iva (almeno se sono nel campo di applicazione,
etc.? Ma a che pro "autofatturare"? Se non posso emettere fattura al
datore di lavoro non h meglio fare qualcosa del tipo "collaborazione
occasionale"? E se proprio al datore di lavoro non frega niente, ma
perchh devo fatturare?? ;))
La cosa riguarda le prestazioni intra/extra UE.
--
I am what I am, I do what I can
L'uomo, conscio di sbagliare, persevera.
Hanger Freisen
2004-07-23 22:33:09 UTC
Permalink
Post by Setec Astronomy
Autofattura emessa ai sensi dell'art. 17 comma 4 lettera d) del dpr
633/72 - Fuori campo IVA.
Almeno questo e' quello che mi ha sempre fatto fare il
commercialista.
Mai sentita una cosa del genere...cioŠ in pratica se non posso/voglio
emettere fattura ad un cliente posso farmela da solo e stare in regola
con tasse, iva (almeno se sono nel campo di applicazione, etc.? Ma a
che pro "autofatturare"? Se non posso emettere fattura al datore di
lavoro non Š meglio fare qualcosa del tipo "collaborazione
occasionale"? E se proprio al datore di lavoro non frega niente, ma
perchŠ devo fatturare?? ;))
Articolo 17
Soggetti passivi
http://www.tasse.it/lalegge/IVA/18.htm

4. Le disposizioni del secondo e del terzo comma non si applicano per le
operazioni effettuate da o nei confronti di stabili organizzazioni in
Italia di soggetti residenti all'estero.

Evidentemente o risiede all'estero oppure fattura nei confronti di chi ha
residenza all'estero

Altra risposta non vi e'.
Kinglion
2004-07-24 09:05:14 UTC
Permalink
Post by Hanger Freisen
Articolo 17
Soggetti passivi
http://www.tasse.it/lalegge/IVA/18.htm
4. Le disposizioni del secondo e del terzo comma non si applicano per le
operazioni effettuate da o nei confronti di stabili organizzazioni in
Italia di soggetti residenti all'estero.
Evidentemente o risiede all'estero oppure fattura nei confronti di chi ha
residenza all'estero
Altra risposta non vi e'.
Boh, da quello che intendo io della norma e che mi ricordo debolmente dai
banchi dell'università, io posso autofatturarmi quando il soggetto da cui ho
acquistato beni e/o servizi non mi emette fattura. Non che se io vendo
allora anzichè fatturare al cliente finale fatturo verso me stesso...
Per spiegarmi meglio, una autofattura la può fare il cliente, non il
fornitore...

Ciao,
Alessio (a.k.a. Kinglion)
Hanger Freisen
2004-07-24 18:23:10 UTC
Permalink
Subject: Re: RentACoder
Newsgroups: franz:it.lavoro.informatica
Post by Kinglion
Post by Hanger Freisen
Articolo 17
Soggetti passivi
http://www.tasse.it/lalegge/IVA/18.htm
Boh, da quello che intendo io della norma e che mi ricordo debolmente
dai banchi dell'universit…, io posso autofatturarmi quando il soggetto
da cui ho acquistato beni e/o servizi non mi emette fattura. Non che
se io vendo allora anzichŠ fatturare al cliente finale fatturo verso
me stesso... Per spiegarmi meglio, una autofattura la pu• fare il
cliente, non il fornitore...
Vi sono piu' motivazione quando emettere Autofattura.

Nel caso in questione riguarda quanto espresso all'art. 17 comma 4
lettera d) del dpr 633/72.

Poi vi sono altre motivazioni, ad esempio, per chi acquista beni o
servizi da produttori agricoli o ittici in regime di esonero, oppure
cooperative, consorzi e associazioni agricoli per i conferimenti di
prodotti agricoli art. 34, oppure chi non ciceve fattura entro 4 mesi
dall'effettuazione dell'operazione, ecc ecc.

Ciao
Maurus
2004-07-23 13:25:48 UTC
Permalink
Post by iccika
ho letto che qualcuno di voi a preso lavori da questo sito....sapreste
dirmi come funziona per gli aspetti fiscali? io sono un lavoratore
dipendente e non ho partita iva, ma mi piacerebbe prendere qualche
lavoretto per arrotondare....
grazie a chiunque mi sarà d'aiuto....
ciao
L'idea di Rentacoder non è male.
L'unico grosso neo è che dovrai competere con le offerte al ribasso di
sviluppatori cinesi e indiani che hanno il tuo stesso cervello ma a cui
basta 1 decimo di quello che chiederai tu.

Maurus
Marco
2004-07-23 13:35:07 UTC
Permalink
Post by Maurus
L'idea di Rentacoder non è male.
A proposito, ma non c'era il Ceglia che doveva uscire con una sua versione
italiana del rent a coder? Si è perso per strada?

marco
Giovanni Ceglia
2004-07-23 23:17:57 UTC
Permalink
Post by Marco
A proposito, ma non c'era il Ceglia che doveva uscire con una sua versione
italiana del rent a coder? Si è perso per strada?
Abbi fede.

Fra poco tirerò il coniglio dal cappello. In ogni caso a me interessa
vendere software, e non mi piace rentacoder.com, perchè è tutto a favore dei
compratori.

IL mio sito invece favorirà chi vende, cioè me.

Su rentacoder.com si lavora quasi gratis. Io sono riuscito a prendere 2
lavori, da 2 mesi, li ho finiti da 1 mese, ma non ho ancora visto 1
centesimo.

In pratica è anche vero che il compratore deve depositare i soldi, per avere
il software, ma il software l'ottiene prima che chi l'ha fatto viene pagato.
In pratica quei due si sono presi il mio programma, lo stanno utilizzando,
ma non hanno nessuna intenzione di rilasciare i soldi.

Solo che non sanno che io posso disattivare il mio programma premendo 1
bottone sul mio sito, infatti ho inserito una funzioncina che va a chiedere
prima l'autorizzazione al mio sito, se l'autorizzazione viene data, il
programma si sblocca per quella esecuzione, e funziona, altrimenti si blocca
e non funziona.

Io penso che non è tanto affidabile rentacoder.com, prima ci sono problemi
con la concorrenza degli indiani, poi se riesci a superare questo scoglio,
ci sono compratori che mettono progetti, ma poi li cancellano senza mai
assegnarli, in pratica bisogna fare centinaia di offerte (90% di questi
progetti vengono cancellati, il che fa supporre che non sono veritieri), poi
se caso mai riesci ad aggiudicarti un lavoro, allora sappi che è tutto a
favore del compratore, il che significa che il compratore potrebbe anche
mettertelo a quel posto.

Ovvero prendersi i soldi, e non rilasciare mai i soldi, con la scusa deve
prima testare il software, considerando il prezzo dei lavori, dire che è una
fregatura è poco.

rentacoder.com è una autentica perdita di tempo, almeno che non hai qualcosa
di già pronto, ma in ogni caso devi perdere tempo per fare centinaia di
offerte prima di aggiudicartene una, e quando te ne aggiundichi una, il
compratore ci mette tutto l'impegno per farti perdere il più tempo
possibile.

Direi che la concorrenza degli indiani non è niente in confronto al
comportamento dei compratori o di chi chiede i lavori.

L'unico che va bene è il sito, perchè quando il compratore versa i soldi, i
soldi il sito li prende, problemi tuoi poi se il compratore non li rilascia
e ci mette una vita per testare quello che gli hai dato.
Francesco
2004-07-24 05:55:39 UTC
Permalink
Post by Giovanni Ceglia
Su rentacoder.com si lavora quasi gratis. Io sono riuscito a prendere 2
lavori, da 2 mesi, li ho finiti da 1 mese, ma non ho ancora visto 1
centesimo.
Beh, fai sapere quando ti pagano, così ci offri da bere ( acqua Guizza ).
Post by Giovanni Ceglia
In pratica è anche vero che il compratore deve depositare i soldi, per avere
il software, ma il software l'ottiene prima che chi l'ha fatto viene pagato.
In pratica quei due si sono presi il mio programma, lo stanno utilizzando,
ma non hanno nessuna intenzione di rilasciare i soldi.
E in più il sito ci guadagna tramite una ""tassazione"" sul coder e non sul
cliente, già immagino che se ci dovessero essere casini, essendoci un
contratto gratuito tra il sito e il cliente per mettere le mani avanti, il
sito se ne lava le mani ( e magari fa lo stesso se i casini ce li abbia il
coder con il buyer ).
Post by Giovanni Ceglia
Solo che non sanno che io posso disattivare il mio programma premendo 1
bottone sul mio sito, infatti ho inserito una funzioncina che va a chiedere
prima l'autorizzazione al mio sito, se l'autorizzazione viene data, il
programma si sblocca per quella esecuzione, e funziona, altrimenti si blocca
e non funziona.
Sei sicuro che questo sia legale? Io credo non sia tanto legale a meno che
non sia esplicitamente pattuito e controfirmato, anzi credo sia molto
pericoloso operare in questo modo, dal punto di vista legale, intendo, ehi,
ma non sarai mica uno di quelli che propagandano l'open source???
Post by Giovanni Ceglia
Io penso che non è tanto affidabile rentacoder.com, prima ci sono problemi
con la concorrenza degli indiani, poi se riesci a superare questo scoglio,
ci sono compratori che mettono progetti, ma poi li cancellano senza mai
assegnarli, in pratica bisogna fare centinaia di offerte (90% di questi
progetti vengono cancellati, il che fa supporre che non sono veritieri), poi
effettivamente sembra che veramente chiunque possa inserire un progetto.
Post by Giovanni Ceglia
L'unico che va bene è il sito, perchè quando il compratore versa i soldi, i
soldi il sito li prende, problemi tuoi poi se il compratore non li rilascia
e ci mette una vita per testare quello che gli hai dato.
appunto, peccato, potrebbe essere un bel mercatino, chissà magari esiste
qualcosa di più serio che ancora non conosciamo.
Giovanni Ceglia
2004-07-24 06:46:53 UTC
Permalink
Post by Francesco
Post by Giovanni Ceglia
Solo che non sanno che io posso disattivare il mio programma premendo 1
bottone sul mio sito, infatti ho inserito una funzioncina che va a chiedere
prima l'autorizzazione al mio sito, se l'autorizzazione viene data, il
programma si sblocca per quella esecuzione, e funziona, altrimenti si blocca
e non funziona.
Sei sicuro che questo sia legale? Io credo non sia tanto legale a meno che
non sia esplicitamente pattuito e controfirmato, anzi credo sia molto
pericoloso operare in questo modo, dal punto di vista legale, intendo, ehi,
ma non sarai mica uno di quelli che propagandano l'open source???
E' più illegale non pagare per un lavoro fatto. Tutto ha dei costi, se uno
mi chiede qualcosa ma vuole pagare poco e dopo, allora ritengo che ho tutti
i diritti di tutelarmi, con le buone e con le cattive. Inoltre io non ho
detto che ho inserito un trojan, io ho detto che posso disattivare il
programma, il che significa che se uno non paga, è giusto che il servizio
gli viene troncato. Non ci vedo assolutamente niente di illegale. Perchè se
così non fosse, sarebbe illegale anche se ti staccano la corrente, perchè
non hai pagato.

In sostanza:

"Se paghi hai il servizio, se non paghi non hai niente."

Io gratis non ci lavoro, non sono mica Babbo Natale.

Per quanto riguarda l'open source, certo che sono a favore dell'open source,
ma quello è un'altro modello, è un modello più serio per lo sviluppatore.
Quando mi chiedono le sorgenti, o di sviluppare qualcosa di open source, io
mi faccio pagare in anticipo o ad ore con contratto, ed è normale che si
lavora così, perchè il committente non può assolutamente pretendere di
ricevere il lavoro e pagare "poi", perchè altrimenti potrebbe sempre far
continuare il lavoro ad un'altro non pagando mai nessuno, per questo motivo
deve per forza pagare in anticipo, altrimenti c'è sempre il software
compilato per quei committenti che non vogliono pagare in anticipo.
Nick The Lurker
2004-07-24 09:51:43 UTC
Permalink
Post by Giovanni Ceglia
Per quanto riguarda l'open source, certo che sono a favore dell'open source,
Ma non è un po' svavorevole il modello open source (GPL), a meno che non vendi
servizi?
Se non ho fraiteso la GPL, c'è scritto che NON puoi pretendere soldi per il
software (al più per la mera operazione di copia). Poi, chiunque viene in
possesso dei tuoi sorgenti - e sei obbligato a darglieli -, può ridistribuirli
liberamente.
Per esempio - IHMO - c'è la possibilità che qualcun altro fornisca una marea di
servizi intorno ad un tuo software, lucrando su quelli, e tu non puoi
pretendere nulla (al più, ciò che questo qualcuno è disposto a darti).
Sbaglio?
--
--------
Nick The Lurker

Inviato da www.mynewsgate.net
Setec Astronomy
2004-07-24 10:02:07 UTC
Permalink
Post by Nick The Lurker
Se non ho fraiteso la GPL, c'è scritto che NON puoi pretendere soldi
per il software (al più per la mera operazione di copia).
Hai frainteso.
--
I am what I am, I do what I can
L'uomo, conscio di sbagliare, persevera.
Nick The Lurker
2004-07-24 10:13:16 UTC
Permalink
Post by Setec Astronomy
Post by Nick The Lurker
Se non ho fraiteso la GPL, c'è scritto che NON puoi pretendere soldi
per il software (al più per la mera operazione di copia).
Hai frainteso.
Un po' sintetica come risposta, potresti essere più chiaro?

Per esempio copio-incollo dalla GPL "Our General Public Licenses are designed
to make sure that you have the freedom to distribute copies of free software
(and charge for this service if you wish), that you receive source code or can
get it if you want it, that you can change the software or use pieces of it in
new free programs; and that you know you can do these things".

C'è scritto che puoi chiedere soldi per il servizio di distribuzione. Da dove
si evince che chi riceve il tuo software comprensivo di sorgenti non può
ridistribuirlo a sua volta "liberamente" visto che è proprio questo lo scopo
della GPL?

--
--------
Nick The Lurker

Inviato da www.mynewsgate.net
Setec Astronomy
2004-07-24 12:09:01 UTC
Permalink
Post by Nick The Lurker
Un po' sintetica come risposta, potresti essere più chiaro?
Ci sono decine di discussioni al riguardo.

[ti quoto ***@mynewsgate.net]
Se non ho fraiteso la GPL, c'è scritto che NON puoi pretendere soldi
per il software
[/ti quoto]
Post by Nick The Lurker
C'è scritto che puoi chiedere soldi per il servizio di distribuzione.
Non c'e' scritto da nessuna perte che un programmatore (o team, o
societa' etc.) non possa vendere il proprio software e licenziarlo
sotto GPL.
--
I am what I am, I do what I can
L'uomo, conscio di sbagliare, persevera.
Nick The Lurker
2004-07-24 13:54:13 UTC
Permalink
Post by Setec Astronomy
Post by Nick The Lurker
Un po' sintetica come risposta, potresti essere più chiaro?
Ci sono decine di discussioni al riguardo.
Beh, quelle che ho avuto modo di leggere, non sciolgono le mie perplessità.
Post by Setec Astronomy
Se non ho fraiteso la GPL, c'è scritto che NON puoi pretendere soldi
per il software
[/ti quoto]
Post by Nick The Lurker
C'è scritto che puoi chiedere soldi per il servizio di distribuzione.
La parte del mio messaggio che hai quotato NON contraddice quella che hai
riportato subito dopo (se è questo quello che volevi mettere in evidenza).
Infatti appena un byte oltre "il software" avevo scritto tra parentesi "(al più
per la mera operazione di copia)" ossia "il servizio di distribuzione".
Post by Setec Astronomy
Non c'e' scritto da nessuna perte che un programmatore (o team, o
societa' etc.) non possa vendere il proprio software e licenziarlo
sotto GPL.
Non c'è un divieto esplicito, questo si, ma non mi sembra semplice farsi pagare.

Nella sezione 1, del paragrafo "terms and conditions for copying, distribution
and modification", c'è scritto "You may copy and distribute verbatim copies of
the Program's source code as you receive it, [...] publish on each copy an
appropriate copyright notice and disclaimer of warranty; [...] You may charge a
fee for the *physical act* of transferring a copy, and you may at your option
offer *warranty protection* in exchange for a fee".

Non dice che non puoi farti pagare per aver progettato/implementato un sw, ma
dice che puoi farti pagare solo per il *servizio* di copia/distributizione
(questo di farsi pagare per la sola distribuzione, è riportato anche in altri
punti), oppure per il *servizio* di garanzia.

Possibile scenario.

Tu progetti & implementi un Programma, e lo rendi disponibile on-line. Ciò che
ti assicura la GPL è che puoi chiedere soldi per consentirne il download, ossia
per il *servizio* di distribuzione.
Già qui per guadagnarci, devi farti pagare qualcosa in più delle semplici spese
per tener su il sito e consentire il download ("*physical act* of transferring
a copy"), e quindi già potrebbe essere una violazione alla sezione 1.
Potresti chiedere altri soldi anche per *servizi* di assistenza, training, e
quant'altro. La sezione "11." precisa che "because the program is licensed free
of charge, there is no warranty", ma puoi chiedere soldi anche in cambio del
*servizio* di garanzia (previsto dalla sezione 1).
Facendo la cresta su tutti questi *servizi*, puoi "spostare" una parte delle
entrate sui costi di progettazione, implementazione, manutenzione.

Nel paragrafo "preamble" c'è scritto che "Our General Public Licenses are
designed to make sure that you have the freedom to distribute copies of free
software (and charge for this service if you wish), that you receive source
code or can get it if you want it, that you can change the software or use
pieces of it in new free programs; and that you know you can do these things".

In pratica chi riceve il tuo sw (per esempio perchè ha pagato per scaricarselo)
può copiarlo e modificarlo liberamente, e non mi pare abbia obblighi nei tuoi
confronti, a parte quello di specificare - in caso di modifica -, che il sw è
stato modificato, e che l'autore originale rimani tu. A questo punto, per te
diventa impossibile guadagnare sulla tariffa che fai pagare per la
distribuzione, perchè da questo punto in poi il tizio che è in possesso del tuo
lavoro può redistribuirlo come meglio crede.
Di più. Pur senza modificarlo, potrebbe decidere di fornire *servizi* di
assistenza, training e quant'altro migiori dei tuoi, o a prezzi più competitivi
(lui non ha costi di progetto, sviluppo, manutenzione).

In sintesi.

Tutto ciò che puoi farti pagare sono i *servizi* sul software (forzando, puoi
includere tra i servizi "progettazione", "sviluppo", "manutenzione"), ma NON il
*software*.

Tuttavia non hai alcun controllo sulle copie del tuo lavoro che sono in giro,
perchè chiunque entri legalmente in possesso di una copia del to sw, può farne
ciò che vuole (entro i termini discussi sopra), perchè ha sul sw tutti i
diritti che hai tu ("you must give the recipients all the rights that you
have", sempre nel "Preamble").


--
--------
Nick The Lurker

Inviato da www.mynewsgate.net
Francesco
2004-07-24 14:24:48 UTC
Permalink
Post by Nick The Lurker
In pratica chi riceve il tuo sw (per esempio perchè ha pagato per scaricarselo)
può copiarlo e modificarlo liberamente, e non mi pare abbia obblighi nei tuoi
confronti, a parte quello di specificare - in caso di modifica -, che il sw è
stato modificato, e che l'autore originale rimani tu. A questo punto, per te
diventa impossibile guadagnare sulla tariffa che fai pagare per la
distribuzione, perchè da questo punto in poi il tizio che è in possesso del tuo
lavoro può redistribuirlo come meglio crede.
Ma certo, ma infatti il lavoro mica l'avrai fatto tutto tu, non sarai mica un
egocentrico?
Oppure se lo hai fatto tu allora l'hai fatto per passione, quindi non hai
bisogno di guadagnarci nulla.
Ma di solito il software non lo fa mai nessun individuo, il potere è del
popolo e il software è stato scritto a più mani da centinaia di persone
diverse, quindi il problema del guadagno non si pone.
Post by Nick The Lurker
Di più. Pur senza modificarlo, potrebbe decidere di fornire *servizi* di
assistenza, training e quant'altro migiori dei tuoi, o a prezzi più competitivi
(lui non ha costi di progetto, sviluppo, manutenzione).
Certo, perchè è più bravo di te, non penserai mica di essere il più bravo?
Post by Nick The Lurker
Tuttavia non hai alcun controllo sulle copie del tuo lavoro che sono in giro,
perchè chiunque entri legalmente in possesso di una copia del to sw, può farne
ciò che vuole (entro i termini discussi sopra), perchè ha sul sw tutti i
diritti che hai tu ("you must give the recipients all the rights that you
have", sempre nel "Preamble").
Esatto, tu non hai diritto a controllare il tuo lavoro, è come se non
esistesse la proprietà privata, io decido cosa si deve fare del tuo lavoro.
bunker
2004-07-24 14:32:00 UTC
Permalink
Post by Francesco
Esatto, tu non hai diritto a controllare il tuo lavoro, è come se non
esistesse la proprietà privata, io decido cosa si deve fare del tuo lavoro.
Hai una visione molto distorta del software libero te...
--
bunker
+++++++++++[>++++++>++++++++++++++++++++++++++++++++
+>++++++++++<<<-]>.>++++++++++.>.<----------.>---------.<+++++++.
Nick The Lurker
2004-07-24 16:31:25 UTC
Permalink
Post by bunker
Post by Francesco
Esatto, tu non hai diritto a controllare il tuo lavoro, è come se non
esistesse la proprietà privata, io decido cosa si deve fare del tuo lavoro.
Hai una visione molto distorta del software libero te...
Non mi pare che l'affermazione di Francesco sia così lontana dalla realtà.

Almeno per quel che comprendo io leggendo la GPL, chi riceve un Programma GPL
eredita tutti i diritti dell'autore, ad eccezione della proprietà intellettuale
("if you distribute copies of such a program, whether gratis or for a fee, you
must give the recipients all the rights that you have").
--
--------
Nick The Lurker

Inviato da www.mynewsgate.net
Setec Astronomy
2004-07-24 14:38:20 UTC
Permalink
Post by Nick The Lurker
In sintesi.
Tutto ciò che puoi farti pagare sono i servizi sul software
(forzando, puoi includere tra i servizi "progettazione", "sviluppo",
"manutenzione"), ma NON il software.
1^ Come autore del software sono libero di rilasciarlo sotto qualunque
licenze io decida.
2^ Concordo con un cliente lo sviluppo di un software e da contratto ci
si accorda per un rilascio sotto GPL.

Non posso farmi pagare "il software" (dovresti definire che cosa
intendi per "software")?
Mi faccio pagare per il tempo che ho speso per realizzarlo. Questo va
contro la GPL? No.
Post by Nick The Lurker
Tuttavia non hai alcun controllo sulle copie del tuo lavoro che sono
in giro, perchè chiunque entri legalmente in possesso di una copia
del to sw, può farne ciò che vuole (entro i termini discussi sopra),
perchè ha sul sw tutti i diritti che hai tu ("you must give the
recipients all the rights that you have", sempre nel "Preamble").
Tranne quelli di proprieta' intellettuale.

Per concludere, MySQL viene distribuito sotto GPL.
--
I am what I am, I do what I can
L'uomo, conscio di sbagliare, persevera.
Nick The Lurker
2004-07-24 16:15:03 UTC
Permalink
Post by Setec Astronomy
Post by Nick The Lurker
Tutto ciò che puoi farti pagare sono i servizi sul software
(forzando, puoi includere tra i servizi "progettazione", "sviluppo",
"manutenzione"), ma NON il software.
1^ Come autore del software sono libero di rilasciarlo sotto qualunque
licenze io decida.
Naturalmente, ci mancherebbe.
Post by Setec Astronomy
2^ Concordo con un cliente lo sviluppo di un software e da contratto ci
si accorda per un rilascio sotto GPL.
Anche questo puoi farlo, e farti pagare per il *servizio* di
analisi/progetto/sviluppo da quel cliente.
Post by Setec Astronomy
Non posso farmi pagare "il software" (dovresti definire che cosa
intendi per "software")?
Mi faccio pagare per il tempo che ho speso per realizzarlo. Questo va
contro la GPL? No.
No, non va contro la GPL. Se il cliente vuole un'altro Software deve darti
altri soldi per retribuirti del tempo che impiegherai per realizzarlo. Infatti
gli stai vendendo il *servizio* di analisi/progettazione/sviluppo.

Il *software* è l'output di questo processo, ed in esecuzione su uno o più
elaboratori espleta il compito per il quale è stato progettato.
Il tuo cliente ha diritto di copiare e ridistribuire il tuo software come
meglio crede (sezione 1 della GPL).
Tutti i soggetti ai quali viene ridistribuito il software possono fare
altrettanto, e non sono obbligati a pagarti (l'accordo è col tuo cliente, e per
il *servizio* non per il *software*).

Quindi.

Il *servizio* (progettazione, training, help desk,...) lo concordi col cliente
e ti fai pagare. Se altri soggetti desiderano lo stesso servizio, dovranno
pagarti pure loro.

Il *software* lo consegni al cliente come output del prcesso di sviluppo (che
ereditando da te tutti i diritti sul sw, può decidere di distribuirlo ad altri
soggetti). Se altri soggetti desiderano usare lo stesso software (GPL), non ti
devono nulla.

Solo il cliente ha pagato per il *servizio* di sviluppo.
Il *software* può circolare liberamente.
Ciò implica che il valore attribuito al *software* è zero.

A me pare che fili.
Post by Setec Astronomy
Post by Nick The Lurker
Tuttavia non hai alcun controllo sulle copie del tuo lavoro che sono
in giro, perchè chiunque entri legalmente in possesso di una copia
del to sw, può farne ciò che vuole (entro i termini discussi sopra),
perchè ha sul sw tutti i diritti che hai tu ("you must give the
recipients all the rights that you have", sempre nel "Preamble").
Tranne quelli di proprieta' intellettuale.
Certo, l'avevo scritto.
Post by Setec Astronomy
Per concludere, MySQL viene distribuito sotto GPL.
Ecco, il caso di MySQL mi pare quantomeno anomalo.

GPL (sezione 2): "You may modify your copy or copies of the Program or any
portion of it [...] and copy and distribute such modifications or work under
the terms of Section 1 (la section 1 dice che devono essere mantenuti i
riferimenti alla GPL, ndNTL), provided that you also meet all of these
conditions: [...] You must cause any work [...] that in whole or in part
contains or is derived from the Program [...] to be licensed as a whole at no
charge to all third parties under the terms of this License"

MySQL: "When your application is not licensed under either the GPL [...], and
you intend to distribute MySQL software (be that externally to customers or
internally within your organization), you must first obtain a commercial
license to the MySQL product"

In pratica, la GPL dice che qualsiasi Programma derivato da un Programma GPL,
diventa a sua volta GPL.
Per aggirare questo problema quelli di MySQL si sono inventati la "licenza
commerciale".

L'anomalia, almeno dal mio punto di vista, è che mentre la GPL impone che
qualsiasi prodotto derivato in tutto o in parte da un Programma GPL, sia
rilasciato a sua volta sotto GPL, per MySQL sia possibile imporre /anche/ una
licenza commerciale. Insomma, se un prodotto derivato da un programma GPL
*deve* essere GPL, NON può esistere un prodotto non GPL coincidente col
Programma GPL stesso. A me pare che fili.

Beninteso. Non pretendo che chi lavora su MySQL lo faccia gratuitamente (anzi),
ma questo tentativo di aggirare la licenza originale - IMVHO -, sembra proprio
il segnale che forse la GPL è ormai anacronistica.



--
--------
Nick The Lurker

Inviato da www.mynewsgate.net
Setec Astronomy
2004-07-24 16:52:02 UTC
Permalink
Solo il cliente ha pagato per il servizio di sviluppo.
Il software può circolare liberamente.
Ciò implica che il valore attribuito al software è zero.
Definisci "valore attribuito".
L'anomalia, almeno dal mio punto di vista, è che mentre la GPL impone
che qualsiasi prodotto derivato in tutto o in parte da un Programma
GPL, sia rilasciato a sua volta sotto GPL, per MySQL sia possibile
imporre anche una licenza commerciale. Insomma, se un prodotto
derivato da un programma GPL deve essere GPL, NON può esistere un
prodotto non GPL coincidente col Programma GPL stesso. A me pare che
fili.
[mi quoto]
1^ Come autore del software sono libero di rilasciarlo sotto qualunque
licenze io decida.
[/quoto]

MySQL e' rilasciato sotto una doppia licenza, MySQL AB ne permette
l'uso GPL sotto certi vincoli.
Anche PHP-NUKE e' GPL, ma non l'autore ha esplicitato il fatto che non
e' permesso rimuovere i riferimenti sul copyright presenti nel pie'
pagina.
Infine open source non e' solo GPL. Vedi la licenza BSD che ha permesso
alla Ms di utilizzare il codice di Unix rilasciato sotto BSD per
Windows 2000 (nello specifico gran parte del networking).
--
I am what I am, I do what I can
L'uomo, conscio di sbagliare, persevera.
Nick The Lurker
2004-07-24 18:50:30 UTC
Permalink
Post by Setec Astronomy
Solo il cliente ha pagato per il servizio di sviluppo.
Il software può circolare liberamente.
Ciò implica che il valore attribuito al software è zero.
Definisci "valore attribuito".
Beh, certo, se tagli tutto il discorso che avevo scritto sopra, non significa
più nulla.

Provo ad essere più sintetico: il cliente ti ha pagato per l’attività
intellettuale di produzione del software. Poiché il sw è rilasciato sotto GPL,
lui può liberamente redistribuirlo, il che significa che altri soggetti possono
riceverlo, usarlo ridistribuirlo a loro volta, senza alcuna restrizione.
Questi "altri soggetti" non ti devono corrispondere alcuna somma di denaro per
disporre del sw come meglio credono, ma sarebbero costretti a pagarti se
volessero commissionarti l’attività intellettuale di produzione di un altro
software.
Ti devono pagare per avere la tua consulenza, ma non ti devono nulla per usare
il software.
Se non ti devono corrispondere nulla per usare il tuo software, e tu riconosci
(GPL) che possono farlo, qual è il valore espresso in euri che tu e
questi “altri soggetti” state attribuendo al Programma? A me pare zero. Non so
se questa volta sono stato felice.
Post by Setec Astronomy
L'anomalia, almeno dal mio punto di vista, è che mentre la GPL impone
che qualsiasi prodotto derivato in tutto o in parte da un Programma
GPL, sia rilasciato a sua volta sotto GPL, per MySQL sia possibile
imporre anche una licenza commerciale. Insomma, se un prodotto
derivato da un programma GPL deve essere GPL, NON può esistere un
prodotto non GPL coincidente col Programma GPL stesso. A me pare che
fili.
[mi quoto]
1^ Come autore del software sono libero di rilasciarlo sotto qualunque
licenze io decida.
[/quoto]
Naturalmente stiamo parlando di MySQL.
Se da un lato si può dire che la trovata di MySQL AB ne consenta un impiego più
flessibile (posso usare MySQL in applicazioni non GPL), è pur vero che lo
spiriro della GPL è proprio quello di far si che un prodotto che nasce GPL non
possa diventare altro. Con la licenza commerciale (non ne conosco i dettagli,
quindi correggimi se sbaglio) potrei creare un prodotto che a partire da MySQL,
inizia ad evolvere per conto suo, con una licenza diversa, e closed source.
Praticamente è possibile fare con MySQL quello che la GPL cercava di evitare,
ossia “imporre restrizioni su un prodotto che nasce in tutto o in parte da un
prodotto GPL”.
Post by Setec Astronomy
MySQL e' rilasciato sotto una doppia licenza, MySQL AB ne permette
l'uso GPL sotto certi vincoli.
Francamente mi sembrano poco sicuri pure loro stessi, leggi un po’ qua:
"
Recommendations

Please note that MySQL AB can only give advice on which license is right for
you. The final judgment, of course can be made only by a court of law. With
that said, we recommend the commercial license to all commercial and government
organizations. This frees you from the broad and strict requirements of the GPL
license.

[...]

To anyone in doubt, we recommend the commercial license. It is never wrong.
Thanks to our cost-effective way of producing software, we are able to sell our
commercial licenses at prices well under the industry average.
"

Cioè, in sostanza io ci leggo "non è che siamo proprio sicuri, ci vorrebbe
un’avvocato, però se tu paghi stai tranquillo". E’ una mia impressione.

Poiché si parla di DBMS, cmq, la doppia licenza con la scusa dell’impiego in
progetti closed e non GPL, mi pare superflua. Dico questo perché mi sembra che
con PostgreSQL ed altri DBMS GPL (correggimi se a te risulta il contrario), si
possa "disaccoppiare" il sw commerciale dal DBMS GPL semplicemente interponendo
tra i due un driver LGPL. Vabbè, il livello di disaccoppiamento tale da
consentire l’uso di sw GPL in prodotti commerciali potrebbe essere oggetto di
un altro thread, quindi lasciamo perdere.
Post by Setec Astronomy
Anche PHP-NUKE e' GPL, ma non l'autore ha esplicitato il fatto che non
e' permesso rimuovere i riferimenti sul copyright presenti nel pie'
pagina.
Intendi dire nel senso che ha deciso di esplicitare una cosa prevista?
Ossia: "1. You may copy and distribute verbatim copies of the Program's source
code as you receive it [...] appropriately publish on each copy an appropriate
copyright notice and disclaimer of warranty [...]"

Se stiamo parlando dello stesso copyright, è lecito. Anzi (sezione "2.",
punto "c)") "If the modified program normally reads commands interactively when
run, you must cause it, when started [...], to print or display an
announcement including an appropriate copyright notice [...]".
Post by Setec Astronomy
Infine open source non e' solo GPL.
[...]
Lo so benissimo, ma le mie perplessità sono sulla GPL, e di questa intendevo
discutere. Le altre non le conosco, e pertanto non mi permetto di esprimere
alcun giudizio/opinione.

Forse è superfluo precisarlo, Setec, ma naturalmente il senso del mio
intervento è quello di cercare in modo razionale conferme & smentite alle idee
che mi sono fatto in merito, evitando guerre di religione.


--
--------
Nick The Lurker

Inviato da www.mynewsgate.net
Setec Astronomy
2004-07-25 08:34:32 UTC
Permalink
Post by Nick The Lurker
Se non ti devono corrispondere nulla per usare il tuo software, e tu
riconosci (GPL) che possono farlo, qual è il valore espresso in euri
che tu e questi “altri soggetti” state attribuendo al Programma?
Quale e' il valore di Open Office? Secondo il tuo ragionamento e' 0,
per un utente potrebbe aggirarsi tra 0 ed il costo di una licenza di Ms
Office se venisse utilizzato in sostituzione di Ms Office.

Il modello di business GPL e' diverso da quallo dei software basati
sulle licenza commerciali, questo e' evidente. E' rivolto allo sviluppo
e non alla "licenziazione" del software.
Post by Nick The Lurker
Con la licenza
commerciale (non ne conosco i dettagli, quindi correggimi se sbaglio)
potrei creare un prodotto che a partire da MySQL, inizia ad evolvere
per conto suo, con una licenza diversa, e closed source.
No, non e' cosi' e commercialmente sarebbe una suicidio.
Ad esempio permetterebbe a chiunque di prendere l'ultima versione
stabile, spendere 440 euro per la licenza, fare una piccola modifica e
rivendere il prodotto per 99 euro facendo concorrenza a MySQL stessa.

[quoto http://www.mysql.com/products/licensing/commercial-license.html]
The Commercial License is an agreement with MySQL AB for organizations
that do not want to release their application source code.
[/quoto]

Se utilizzi MySQL senza licenza commerciale sei obbligato dalla GPL a
rilasciarlo sotto GPL, se non vuoi farlo c'e' la licenza commerciale,
che NON ti permette di modificare MySQL e ridistribuirlo, ti permtte
solo di usarlo senza che il tuo software ricada sotto la GPL.
Post by Nick The Lurker
Cioè, in sostanza io ci leggo "non è che siamo proprio sicuri, ci
vorrebbe un’avvocato, però se tu paghi stai tranquillo". E’ una
mia impressione.
Questa e' una politica commerciale, niente altro.
Post by Nick The Lurker
Intendi dire nel senso che ha deciso di esplicitare una cosa
prevista? Ossia: "1. You may copy and distribute verbatim copies of
the Program's source code as you receive it [...] appropriately
publish on each copy an appropriate copyright notice and disclaimer
of warranty [...]"
Sono due cose diverse. Per soddisfare quanto sopra e' sufficiente
mantenere nel sorgente l'intestazione presente nei file PHP.
--
I am what I am, I do what I can
L'uomo, conscio di sbagliare, persevera.
NC
2004-07-25 09:46:56 UTC
Permalink
Post by Setec Astronomy
No, non e' cosi' e commercialmente sarebbe una suicidio.
Ad esempio permetterebbe a chiunque di prendere l'ultima versione
stabile, spendere 440 euro per la licenza, fare una piccola modifica e
rivendere il prodotto per 99 euro facendo concorrenza a MySQL stessa.
[quoto http://www.mysql.com/products/licensing/commercial-license.html]
The Commercial License is an agreement with MySQL AB for organizations
that do not want to release their application source code.
[/quoto]
Se utilizzi MySQL senza licenza commerciale sei obbligato dalla GPL a
rilasciarlo sotto GPL, se non vuoi farlo c'e' la licenza commerciale,
che NON ti permette di modificare MySQL e ridistribuirlo, ti permtte
solo di usarlo senza che il tuo software ricada sotto la GPL.
in realta' sulla pagina che quoti dicono anche che

"We have created a license exception which enables Free and Open Source
software ("FOSS") to be able to include the GPL-licensed MySQL client
libraries despite the fact that not all open source licenses are
compatible with the GPL.Read more about the exception"
e poi fa riferimento a
http://www.mysql.com/products/licensing/foss-exception.html

Quindi teoricamente potresti realizzare un sw gratuito secondo una
licenza meno "virale" rispetto GPL come LGPL o MPL o simili senza dover
comprare una licenza commerciale di mysql
Setec Astronomy
2004-07-25 12:18:33 UTC
Permalink
Post by NC
in realta' sulla pagina che quoti dicono anche che
"We have created a license exception which enables Free and Open
Source software ("FOSS") to be able to include the GPL-licensed MySQL
client libraries despite the fact that not all open source licenses
are compatible with the GPL.Read more about the exception" e poi fa
riferimento a
http://www.mysql.com/products/licensing/foss-exception.html
Quindi teoricamente potresti realizzare un sw gratuito secondo una
licenza meno "virale" rispetto GPL come LGPL o MPL o simili senza
dover comprare una licenza commerciale di mysql
Questa e' una delle ultime modifiche che sono state apportare alla
licenza di MySQL perche' la precedente versione ne limitava l'utilizzo
con PHP, infatti il supporto per MySQL era stato rimosso dal core e
spostato in due estensioni proprio perche' la PHP License non era
compatibile con la GPL.

Ovviamente si parla sempre di software open source (+ o meno) e vengono
comunque esclusi software closed source.
--
I am what I am, I do what I can
L'uomo, conscio di sbagliare, persevera.
Nick The Lurker
2004-07-26 19:14:36 UTC
Permalink
Post by Setec Astronomy
Post by Nick The Lurker
Se non ti devono corrispondere nulla per usare il tuo software, e tu
riconosci (GPL) che possono farlo, qual è il valore espresso in euri
che tu e questi “altri soggetti” state attribuendo al Programma?
Quale e' il valore di Open Office? Secondo il tuo ragionamento e' 0,
per un utente potrebbe aggirarsi tra 0 ed il costo di una licenza di Ms
Office se venisse utilizzato in sostituzione di Ms Office.
Il valore di mercato di un qualsiasi bene disponibile in quantità illimitata è
zero.
OpenOffice è disponibile in quantità illimitata, quindi il valore di mercato è
zero.

Quello che tu stai dicendo, invece, è che l'utente comprende che sta usando una
cosa che potrebbe valere quanto MS Office, ma è ben felice di non dover pagare
nessuno.

Questo nella migliore delle ipotesi. Perché l’utente potrebbe convincersi che
se OpenOffice è disponibile in quantità illimitata, tutti i sw dovrebbero
esserlo, e che quindi è MS Office a rappresentare l’anomalia.

Secondo me, promuove l’idea che il sw sia qualcosa che chiunque realizzare,
perché se così non fosse, non esisterebbero persone disposte a consentirne
l’uso senza chiedere un compenso. Non ti pare?

(Naturalmente evito di ribadire che l’autore può guadagnarci con l’assistenza,
la garanzia, ecc..., perché sono discorsi già fatti).
Post by Setec Astronomy
Il modello di business GPL e' diverso da quallo dei software basati
sulle licenza commerciali, questo e' evidente. E' rivolto allo sviluppo
e non alla "licenziazione" del software.
E’ rivolto allo sviluppo, nel senso che chiunque può metterci le mani dentro.
Il problema è che poi questo qualcuno ne può fare quello che vuole, e
guadagnare sul tuo lavoro.
Post by Setec Astronomy
Post by Nick The Lurker
Con la licenza
commerciale (non ne conosco i dettagli, quindi correggimi se sbaglio)
potrei creare un prodotto che a partire da MySQL, inizia ad evolvere
per conto suo, con una licenza diversa, e closed source.
No, non e' cosi' e commercialmente sarebbe una suicidio.
Ad esempio permetterebbe a chiunque di prendere l'ultima versione
stabile, spendere 440 euro per la licenza, fare una piccola modifica e
rivendere il prodotto per 99 euro facendo concorrenza a MySQL stessa.
E’ proprio il pericolo di cui parlavo, ma come ti ho detto, non ho letto in
dettaglio la licenza commerciale.
Post by Setec Astronomy
[quoto http://www.mysql.com/products/licensing/commercial-license.html]
The Commercial License is an agreement with MySQL AB for organizations
that do not want to release their application source code.
[/quoto]
Se utilizzi MySQL senza licenza commerciale sei obbligato dalla GPL a
rilasciarlo sotto GPL, se non vuoi farlo c'e' la licenza commerciale,
che NON ti permette di modificare MySQL e ridistribuirlo, ti permtte
solo di usarlo senza che il tuo software ricada sotto la GPL.
Resta il fatto che un imprecisato numero di volontari partecipa alla
manutenzione di MySQL/*GPL*, fixando bachi, migliorando il software, e facendo
si che MySQL sia ciò che è.
L’impresa *COMMERCIALE* MySQL AB trae beneficio da queste attività (magari
neppure esisterebbe senza di esse), ma non le retribuisce. Facile produrre
software di qualità a prezzi competitivi in questo modo: una parte vitale delle
persone coinvolte nel processo di produzione non viene retribuita.

E' un po' come IBM che "usa Linux sui suoi server". Se non usasse Linux, forse
alla IBM ci sarebbe qualche dipendente in più, e meglio retribuito.
Post by Setec Astronomy
Post by Nick The Lurker
Cioè, in sostanza io ci leggo "non è che siamo proprio sicuri, ci
vorrebbe un’avvocato, però se tu paghi stai tranquillo". E’ una
mia impressione.
Questa e' una politica commerciale, niente altro.
Post by Nick The Lurker
Intendi dire nel senso che ha deciso di esplicitare una cosa
prevista? Ossia: "1. You may copy and distribute verbatim copies of
the Program's source code as you receive it [...] appropriately
publish on each copy an appropriate copyright notice and disclaimer
of warranty [...]"
Sono due cose diverse. Per soddisfare quanto sopra e' sufficiente
mantenere nel sorgente l'intestazione presente nei file PHP.
Qui mi hai tagliato di nuovo. Subito sotto la parte che ha quotato, c’era
scritto:

[mi quoto]
Se stiamo parlando dello stesso copyright, è lecito. Anzi (sezione "2.",
punto "c)") "If the modified program normally reads commands interactively when
run, you must cause it, when started [...], to print or display an
announcement including an appropriate copyright notice [...]".
[/mi quoto]

Che sembra proprio il caso di PHP-NUKE (è interattivo, mostra a schermo le info
del copyright).

Ora, essendo tu un sostenitore della GPL (non parliamo di altre licenze che non
conosco e che magari potrei condividere), immagino che il tuo software sia GPL.
Non ti scoccerebbe, se io venissi in possesso dei tuoi lavori ed iniziassi a
lucrarci sopra?
Secondo me, sarei molto scorretto nei tuoi riguardi, perché riuscirei a trarre
profitto dal tuo lavoro senza averci partecipato, e senza riconoscerti una
parte del guadagno, ma sarei autorizzato dalla GPL a comportarmi così.

Nel frattempo, chi usa il tuo software e ne trae profitto per la propria
attività, sta usando una cosa che magari costa anni-uomo di lavoro, ma
magicamente questi costi spariscono dal suo bilancio.

In estrema sintesi, sì, _qualcuno può guadagnare_ con la GPL realizzando
prodotti di qualità rispettabile ad un prezzo competitivo, _perché qualcun
altro rinuncia_ spontanemente alla propria parte di compenso. Dici che è
sbagliata questa affermazione?

Io resto abbastanza diffidente rispetto a questa licenza.



--
--------
Nick The Lurker

Inviato da www.mynewsgate.net
Setec Astronomy
2004-07-26 19:47:24 UTC
Permalink
Post by Nick The Lurker
Il valore di mercato di un qualsiasi bene disponibile in quantità
illimitata è zero.
OpenOffice è disponibile in quantità illimitata, quindi il valore
di mercato è zero.
Potresti fare un esempio di un altro bene disponibile in quantita'
illimitata?
Post by Nick The Lurker
Secondo me, promuove l’idea che il sw sia qualcosa che chiunque
realizzare, perché se così non fosse, non esisterebbero persone
disposte a consentirne l’uso senza chiedere un compenso. Non ti
pare?
Scusa ma non capisco il senso della frase.
Post by Nick The Lurker
E’ rivolto allo sviluppo, nel senso che chiunque può metterci le
mani dentro. Il problema è che poi questo qualcuno ne può fare
quello che vuole, e guadagnare sul tuo lavoro.
No, parlo di modello di business, non di tecnologia. Il business GPL e'
orientato allo sviluppo e non alla vendita di licenze ossia di un
prodotto viene pagato lo sviluppo e non la licenza d'uso.
Post by Nick The Lurker
L’impresa COMMERCIALE MySQL AB trae beneficio da queste attività
(magari neppure esisterebbe senza di esse), ma non le retribuisce.
Facile produrre software di qualità a prezzi competitivi in questo
modo: una parte vitale delle persone coinvolte nel processo di
produzione non viene retribuita.
Per contro MySQL AB mette a disposizione di tutti gli sviluppatori O.S.
uno dei migliori DB al mondo. A me sembra una politica di scambio
vincente.
Post by Nick The Lurker
E' un po' come IBM che "usa Linux sui suoi server". Se non usasse
Linux, forse alla IBM ci sarebbe qualche dipendente in più, e meglio
retribuito.
La IBM e' una delle poche aziende sostenitrici del modello O.S. Ha
rilasciato sorgenti di software ed investito in altri progetti O.S. per
svariati milioni di dollari. Che poi tragga beneficio da questi
investimenti non vedo cosa ci sia di male, ma dire che farebbe meglio a
non usare Linux sui propri server non mi sembra ragionevole.
Post by Nick The Lurker
Ora, essendo tu un sostenitore della GPL (non parliamo di altre
licenze che non conosco e che magari potrei condividere), immagino
che il tuo software sia GPL. Non ti scoccerebbe, se io venissi in
possesso dei tuoi lavori ed iniziassi a lucrarci sopra?
Non avrei problemi, ho rilasciato decine di classi in PHP come O.S.,
codice Delphi ed altro ancora. Ovviamente dovrai rispettare la GPL in
questo tuo "lucrarci sopra". Come ho gia' detto, il modello di business
GPL e' orientato allo sviluppo, per guadagnarci rispettando la GPL
dovrai o sviluppare od offrire servizi. Nel primo caso ci "guadagnerei"
anche io perche' il tuo codice sarebbe comunque disponibile. Nel
secondo caso potrei tranquillamente offrire i tuoi stessi servizi con
il vantaggio che, essendo l'autore "primario" del software,
probabilmente sarei il piu' idoneo ad offrire servizi quali supporto ai
clienti e personalizzazioni.
Post by Nick The Lurker
In estrema sintesi, sì, _qualcuno può guadagnare_ con la GPL
realizzando prodotti di qualità rispettabile ad un prezzo
competitivo, _perché qualcun altro rinuncia_ spontanemente alla
propria parte di compenso. Dici che è sbagliata questa affermazione?
Se per te il compenso e' solo monetario allora potrei darti ragione, se
per compenso possiamo intendere qualsiasi vantaggio che una parte da
all'altra ritengo che la tua visione non guarda la globalita'.

P.S.
Per PHP-Nuke ti do ragione, per il quoting selvaggio scusam, ma sti
post stanno diventando enormi. =)
--
I am what I am, I do what I can
L'uomo, conscio di sbagliare, persevera.
Francesco
2004-07-29 02:28:54 UTC
Permalink
Post by Setec Astronomy
anche io perche' il tuo codice sarebbe comunque disponibile. Nel
secondo caso potrei tranquillamente offrire i tuoi stessi servizi con
il vantaggio che, essendo l'autore "primario" del software,
probabilmente sarei il piu' idoneo ad offrire servizi quali supporto ai
clienti e personalizzazioni.
Ah quindi è tipo il multi-level marketing? Esiste anche in questo modello la
piramide e tu sei il vertice in quanto autore "primario".

Che novità.
Setec Astronomy
2004-07-29 07:31:03 UTC
Permalink
Post by Francesco
Post by Setec Astronomy
anche io perche' il tuo codice sarebbe comunque disponibile. Nel
secondo caso potrei tranquillamente offrire i tuoi stessi servizi
con il vantaggio che, essendo l'autore "primario" del software,
probabilmente sarei il piu' idoneo ad offrire servizi quali
supporto ai clienti e personalizzazioni.
Ah quindi è tipo il multi-level marketing? Esiste anche in questo
modello la piramide e tu sei il vertice in quanto autore "primario".
Non mi sembra di avere scritto questo.
--
I am what I am, I do what I can
L'uomo, conscio di sbagliare, persevera.
Francesco
2004-08-07 21:22:30 UTC
Permalink
Post by Setec Astronomy
Post by Francesco
Post by Setec Astronomy
anche io perche' il tuo codice sarebbe comunque disponibile. Nel
secondo caso potrei tranquillamente offrire i tuoi stessi servizi
con il vantaggio che, essendo l'autore "primario" del software,
probabilmente sarei il piu' idoneo ad offrire servizi quali
supporto ai clienti e personalizzazioni.
Ah quindi è tipo il multi-level marketing? Esiste anche in questo
modello la piramide e tu sei il vertice in quanto autore "primario".
Non mi sembra di avere scritto questo.
A me pare che se tu sei l'autore primario ( al vertice della piramide quindi
), e gli altri lavorano per te, ma ottengono solamente una parte di quello che
tu puoi guadagnare perchè più idoneo
ad offrire servizi quali supporto ai clienti e personalizzazioni.

Beh, è multi level marketing questo.
Setec Astronomy
2004-08-08 09:01:08 UTC
Permalink
Post by Francesco
A me pare che se tu sei l'autore primario ( al vertice della piramide
quindi ),
La tua interpretazione di "primario" e' totalmente fuorviante.
--
I am what I am, I do what I can
L'uomo, conscio di sbagliare, persevera.
Nick The Lurker
2004-07-29 21:46:21 UTC
Permalink
Post by Setec Astronomy
[...]
Potresti fare un esempio di un altro bene disponibile in quantita'
illimitata?
Certo, la luce del sole, l'aria. Pur essendo beni indispensabili alla vita,
sono disponibili liberamente in quantità illimitata, e quindi il loro valore di
mercato è zero.
Post by Setec Astronomy
Secondo me, promuove l’idea [...]
Scusa ma non capisco il senso della frase.
Provo ad essere più sintetico, l'utente è indotto a pensare «se è gratis, vuol
dire che non vale nulla».
Post by Setec Astronomy
[...]
No, parlo di modello di business, non di tecnologia. Il business GPL e'
orientato allo sviluppo e non alla vendita di licenze ossia di un
prodotto viene pagato lo sviluppo e non la licenza d'uso.
Si, le intenzioni sono proprio quelle di consentire di fare business con tutto
quello che ci gira intorno (analisi/progettazione/implementazione, training,
ecc…), tranne che col software.
Pensaci: chi commissiona il software guadagnerà per sempre sui servizi di
training, assistenza, ecc... chi l’ha progettato/implementato, guadagnerà solo
all’inizio, a task (sempre che non la faccia a titolo gratuito). Però qui forse
inizio a ripetermi.
Post by Setec Astronomy
[...]
[...]
E' un po' come IBM che "usa Linux sui suoi server". Se non usasse
Linux, forse alla IBM ci sarebbe qualche dipendente in più, e meglio
retribuito.
La IBM e' una delle poche aziende sostenitrici del modello O.S. Ha
rilasciato sorgenti di software ed investito in altri progetti O.S. per
svariati milioni di dollari. Che poi tragga beneficio da questi
investimenti non vedo cosa ci sia di male, ma dire che farebbe meglio a
non usare Linux sui propri server non mi sembra ragionevole.
Se il motivo che li spinge ad usare Linux, è quello di tagliare sui costi del
personale (come avevo ipotizzato), beh, sarebbe meglio che non l’usasse!
Sicuramente alla IBM hanno ritenuto Linux la scelta migliore tra quelle
possibili.
Ma questa scelta sarà stata guidata anche da considerazioni economiche, non ti
pare?
Se IBM ha investito milioni di dollari in altri progetti O.S., vuol dire
semplicemente che trova la cosa conveniente (come osservi anche tu). Però io
continuo a pensare che questa convenienza è data dal contributo di un numero
imprecisato di persone che forniscono il loro apporto senza gravare sul
bilancio...

E' un po' come la Adecco, che anzicchè reclutare 20mila stagionali per i giochi
olimpici di Torino 2006, ha preferito puntare su 20mila *volontari*, che
*lavoreranno* con molto più entusiasmo, ma non riceveranno un centesimo [1]. Se
non fosse per l'ingenuità di questi 20mila "volontari", ci sarebbero 20mila
disoccupati in meno, seppur limitatamente al periodo della manifestazione.

Secondo me è inevitabile, ogni volta che qualcuno è disposto a lavorare sodo
senza chiedere soldi in cambio, sicuramente qualcun altro ne approfitterà per
guadagnare alle sue spalle.
Post by Setec Astronomy
Ora, essendo tu un sostenitore della GPL (non parliamo di altre
licenze che non conosco e che magari potrei condividere), immagino
che il tuo software sia GPL. Non ti scoccerebbe, se io venissi in
possesso dei tuoi lavori ed iniziassi a lucrarci sopra?
Non avrei problemi, ho rilasciato decine di classi in PHP come O.S.,
codice Delphi ed altro ancora. Ovviamente dovrai rispettare la GPL in
questo tuo "lucrarci sopra". Come ho gia' detto, il modello di business
GPL e' orientato allo sviluppo, per guadagnarci rispettando la GPL
dovrai o sviluppare od offrire servizi. Nel primo caso ci "guadagnerei"
anche io perche' il tuo codice sarebbe comunque disponibile. Nel
secondo caso potrei tranquillamente offrire i tuoi stessi servizi con
il vantaggio che, essendo l'autore "primario" del software,
probabilmente sarei il piu' idoneo ad offrire servizi quali supporto ai
clienti e personalizzazioni.
Certo, sempre nell'ipotesi che io e te giochiamo ad armi pari, e con un minimo
di correttezza.
Se dall'altra parte c'è una grossa azienda, con una solida organizzazione,
potrebbe comunque riuscire ad erogare servizi migliori dei tuoi, ecc, ecc..
il "nucleo" sul quale quell'azienda si basa, è il tuo lavoro, ma a te non sarà
corrisposto assolutamente nulla. Anche qui, però, ho l'impressione di ripetermi.
Post by Setec Astronomy
In estrema sintesi, sì, _qualcuno può guadagnare_ con la GPL
realizzando prodotti di qualità rispettabile ad un prezzo
competitivo, _perché qualcun altro rinuncia_ spontanemente alla
propria parte di compenso. Dici che è sbagliata questa affermazione?
Se per te il compenso e' solo monetario allora potrei darti ragione, se
per compenso possiamo intendere qualsiasi vantaggio che una parte da
all'altra ritengo che la tua visione non guarda la globalita'.
Ecco, adesso penserai che sono un po' veniale, ma senza soldi non si campa, e
con pochi al più si sopravvive anzicchè vivere.

Forse non c'hai mai pensato, ma nessuno ti negherà mai un sorriso, una pacca su
una spalla, o un complimento lusinghiero se in questo modo riesce ad ottenere
qualcosa in cambio. Tuttavia è quando questo qualcuno è disposto a mettere mano
al portafogli e la misura in cui è disposto a farlo, che ti consente di
valutare DAVVERO quanta considerazione ha di te e del tuo lavoro.
Post by Setec Astronomy
P.S.
Per PHP-Nuke ti do ragione, per il quoting selvaggio scusam, ma sti
post stanno diventando enormi. =)
Non preoccuparti, nessun problema. Questa volta ho tagliato pure io qualcosa su
cui credo di essermi già espresso (se non così fosse, fammelo pure notare),
anche per tentare di limitare la dimensione del messaggio.

--

[1] http://it.biz.yahoo.com/040323/2/2pr2n.html



--
--------
Nick The Lurker

Inviato da www.mynewsgate.net
Setec Astronomy
2004-07-30 08:23:39 UTC
Permalink
Post by Nick The Lurker
Certo, la luce del sole, l'aria.
Per l'aria, hai presente il protocollo di Kyoto?
Per il sole, dipende da cosa intendi per illimitato, hai presente la
notte?
Post by Nick The Lurker
Provo ad essere più sintetico, l'utente è indotto a pensare «se è
gratis, vuol dire che non vale nulla».
Seguendo il tuo ragionamento, l'aria non vale nulla, la luce del sole
non vale nulla.

Al massimo vuol dire che non costa nulla.
Post by Nick The Lurker
chi l’ha progettato/implementato, guadagnerà solo all’inizio, a
task
Post by Nick The Lurker
(sempre che non la faccia a titolo gratuito). Però qui forse inizio
a ripetermi.
Guadagnera' per lo sviluppo. Se il cliente vorra' nuove implementazione
le paghera', ora sono io a ripetermi.
Post by Nick The Lurker
Ma questa scelta sarà stata guidata anche da considerazioni
economiche, non ti pare?
Si, una scelta che fonda le sue radici da prima che Bill Gates gli
offrisse in licenza i suoi sistemi operativi, ossia avere un S.O. che
non gravi sui costi del prodotto in modo rilevante.
Post by Nick The Lurker
Secondo me è inevitabile, ogni volta che qualcuno è disposto a
lavorare sodo senza chiedere soldi in cambio, sicuramente qualcun
altro ne approfitterà per guadagnare alle sue spalle.
Se per te il compenso e' solo monetario allora ...
Post by Nick The Lurker
Se dall'altra parte c'è una grossa azienda, con una solida
organizzazione, potrebbe comunque riuscire ad erogare servizi
migliori dei tuoi, ecc, ecc.. il "nucleo" sul quale quell'azienda si
basa, è il tuo lavoro, ma a te non sarà corrisposto assolutamente
nulla. Anche qui, però, ho l'impressione di ripetermi.
Continuerai pure a ripeterti ma continui a non aggiungere nulla a
quello che hai gia' detto. Nulla vieta che il tuo esempio possa essere
ribaltato.
Post by Nick The Lurker
Tuttavia è quando questo qualcuno è disposto a mettere mano al
portafogli e la misura in cui è disposto a farlo, che ti consente di
valutare DAVVERO quanta considerazione ha di te e del tuo lavoro.
E' ovvio che se non si "mangia" non si vive, ma non credo che al mondo
tutti gli sviluppatori O.S. lo siano a tempo pieno.
--
I am what I am, I do what I can
L'uomo, conscio di sbagliare, persevera.
enricoe
2004-07-30 19:18:41 UTC
Permalink
Scusate se mi intrometto e se non quoto niente, sono uno troll e mi va
bene cosi.

Ho seguito la vostra discussione e vorrei soffermarmi su alcuni punti
:

1 - Quando si parla di OpenSource bisognerebbe parlarne solo tra
programmatori, tutti gli altri hanno un indubbio interesse e sono
contentissimi che si diffonda.

2 - Tutti i sistemisti/amatori di linux sono i primi promotori
dell'open source a tutti i livelli, ma non scrivono una riga di codice
decente, sfruttano lavoro di altri.

3 - Esistono i gestionali open source (vedi mosaico), l'azienda ha
pagato degli sviluppatori per farlo. Poi ha preso il sorgente e l'ha
fatto divetare open. E ci guadagna ! Ha un bel modello di bussines. Ma
questo porta a delle considerazioni :

*Altre aziende lo vendono, offrono supporto, e non hanno più bisogno
degli sviluppatori che sviluppavano in casa il loro gestionale
proprietario, ma solo di un ragazzotto per le personalizzazioni.

*La loro è concorrenza "sleale", una volta fatti i soldi, regalando il
loro prodotto hanno di fatto azzerato il valore degli altri proddotti
analoghi sul mercato.

*Hai voglia a dire puoi guadagnare su
addestramento/assistenza/personalizzazioni, basta poca professionalità
per questo e quindi pochi soldi.


*Per poca gente che sta bene, molti non staranno più bene.. e chi sono
questi ? Programmatori ! Tutti gli altri ci guadagnano. Si chiama
suicidio.




E in fine un esempio (lo so che e impossibile legalmente ecc... ma è
un esempio):

Se gli architetti amassero l'Open Project, diffonderebbero i loro
progetti in rete gratuitamente. Cosi un altro architetto prende un
progetto di un palazzo progettato per il canada, gli fa due ritocchi e
lo vende in Italia. Non è esattamente come il costruttore vorrebbe..
ma cavolo.. costa solo il tempo che impiega l'architetto a
modificarlo.. un centesimo rispetto all'originale.
Tutto bello ? NO ! E chi lo pagherebbe più un architetto ? Se devo
fare una casetta a due piani scarico una decina di progetti, scelgo il
migliore e la faccio costruire.

Perchè gli architetti non lo fanno ?

Perchè sanno che ci guadagnerebbero solo i costruttori e le agenzie
immobiliari, gli farebbero fare soldi a gratis.

Cosi Linux sta facendo fare soldi gratis a IBM, un mare di soldi, una
cosa che a dirla non ci si crede. Migliaia di sviluppatori che
migliorano il linguaggio dei miei server GRATUITAMENTE. E che lo
diffondono e lo rendono standard.
Loro muoiono di fame come prima e faccio i miliardi. Ci rendiamo conto
di questa cosa o no ?


L'open source è programmi, i programmi sono lavoro, chi regala i
proprio lavoro è stupido, meglio se va al mare.

Ma l'informatica è passione, per passione si fanno le cose gratis, è
figo programmare. Beati voi, vi passerà.. ma prima avrete rovinato un
mercato già schifoso....
Nick The Lurker
2004-08-03 22:57:51 UTC
Permalink
Post by Setec Astronomy
Post by Nick The Lurker
Certo, la luce del sole, l'aria.
Per l'aria, hai presente il protocollo di Kyoto?
Per il sole, dipende da cosa intendi per illimitato, hai presente la
notte?
Post by Nick The Lurker
Provo ad essere più sintetico, l'utente è indotto a pensare «se è
gratis, vuol dire che non vale nulla».
Seguendo il tuo ragionamento, l'aria non vale nulla, la luce del sole
non vale nulla.
Al massimo vuol dire che non costa nulla.
Ma io ho detto il contrario? Ho detto che beni che soddisfano un bisogno
vitale – come l’aria – hanno un *valore di mercato* nullo se disponibili in
quantità illimitata.
Non ci credi? Prova a riempire di aria un recipiente a tenuta stagna, e prova a
venderne il prezioso contenuto. Nessun’offerta? Strano, eppure senza aria non
si vive. Ma è disponibile in quantità illimitata, pertanto il suo *valore di
mercato* è zero.

Con l’esempio della notte, poi, mi dai un altro spunto: la luce la paghi solo
quando cala la notte, a mezzogiorno in spiaggia a ferragosto non saresti
disposto a comprare una torcia.
Post by Setec Astronomy
Post by Nick The Lurker
chi l’ha progettato/implementato [megacut]
Ma neppure ti sfiora il sospetto che chi fa soldi sul lavoro dei programmatori
open source/GPL, consideri questi ultimi solo degli ingenui da sfruttare?
Scommetto che per i 20mila volontari per i giochi olimpici a Torino, la cosa
appaia evidente, perché per il software non è così?
Post by Setec Astronomy
Se per te il compenso e' solo monetario allora ...
Direi che il punto su cui non possiamo essere d'accordo è questo: per me non è
ammissibile lavorare senza essere retribuiti.

--
--------
Nick The Lurker

Inviato da www.mynewsgate.net
Francesco
2004-08-07 21:22:33 UTC
Permalink
Post by Setec Astronomy
Secondo me è inevitabile, ogni volta che qualcuno è disposto a
lavorare sodo senza chiedere soldi in cambio, sicuramente qualcun
altro ne approfitterà per guadagnare alle sue spalle.
Se per te il compenso e' solo monetario allora ...
No certo, uno ti frega pure l'idea e lo studio che c'era dietro.
Francesco
2004-07-24 14:15:24 UTC
Permalink
Post by Nick The Lurker
Ma non è un po' svavorevole il modello open source (GPL), a meno che non vendi
servizi?
Se l'open source fosse applicato al settore della ristorazione e noi due
fossimo dei cuochi allora saremmo per definizione uno bravo quanto l'altro
perché la ricetta sarebbe la stessa non esistendo un quid particolare
scientificamente dimostrabile.

Inoltre, poiché io la penso diversamente da te, tu non puoi pensarla
diversamente da me, quindi ho il diritto di cambiare la tua ricetta per fare
le zucchine come le vorrei fare io, tanto, tutti cucinano uguale, non esiste
uno con più talento dell'altro e le zucchine trifolate le fanno buone tutti
nello stesso modo.

Inoltre un ristoratore spenderebbe un patrimonio in tegami e fornelli
dell'ultima generazione ( comprati con IL CAPITALE da aziende capitaliste ),
ma non prenderebbe mai uno chef, eresia, ma farebbe cucinare alla gente che
passa per la strada, un piatto a uno e un piatto all'altro, uno al cuggino,
uno al fratello, uno a quello che la pensa come lui e magari arriva un terzo
che decide che la ricetta per le zucchine trifolate non è quella quella che
ho deciso io ma è la variante che decide lui ( beh sempre su approvazione del
ristoratore, perchè lui sa ), e attenzione non sto parlando di una
manifestazione culinaria folkloristica ma semplicemente di un ristoratore
open source dove la gente va e paga per mangiare.

Magari la materia prima ( le zucchine ) la vengo a prendere anche dal tuo
orto e senza il tuo permesso perchè tanto quel che è tuo è anche mio e perchè
ognuno coltiva le zucchine nello stesso modo, infatti crescono sempre in
maniera uguale ovunque, sono tutte ugualmente buone, è scientificamente
dimostrabile ( il ristoratore lo sa ).

A sto punto non possiamo neanche permetterci di andare a mangiare le zucchine
trifolate come pare a caio nonostante ci fossimo illusi di vendere la nostra
competenza, perchè come cuochi non ci piglia nessuno, siamo troppo
egocentrici e poi tutti che vogliono fare i cuochi oggi, troppo comodo.

Ti pare favorevole questo modello per i cuochi? a me no.
andrea ferraris
2004-07-24 23:45:54 UTC
Permalink
Post by Nick The Lurker
Post by Giovanni Ceglia
Per quanto riguarda l'open source, certo che sono a favore dell'open source,
Ma non è un po' svavorevole il modello open source (GPL), a meno che non vendi
servizi?
Se non ho fraiteso la GPL, c'è scritto che NON puoi pretendere soldi per il
software (al più per la mera operazione di copia).
Non puoi pretendere soldi per distribuire il sw, eccetto quelli spesi
per questa operazione e devi distribuire anche i sorgenti.
Non sta scritto da nessuna parte che non puoi pretendere soldi per
sviluppare del sw che rilasci sotto GPL.
Quindi evidentemente il valore e/o prezzo di quel sw e` quanto si e`
pattuito per il suo sviluppo.

Andrea Ferraris
--
If this message isn't electronically signed (digital authentication),
then it could come from anybody, also from who appears as the sender.
Francesco
2004-07-24 13:51:19 UTC
Permalink
Post by Giovanni Ceglia
E' più illegale non pagare per un lavoro fatto. Tutto ha dei costi, se uno
Perchè no, se c'è qualcosa che non va e non sei un dipendente io posso sempre
aprire una contestazione; un mio conoscente che lavora in un'altro settore
ogni tanto lo trova quello che non paga ( ok vivo in una zona un pò
particolare ), e cosa credi che gli faccia? al massimo quando ne hai
collezionati tanti ( e sarebbe un segnale negativo ) puoi incaricare qualcuno
di fare un recupero crediti, se ti va bene, e solo perchè così ottimizzi il
costo fisso del recupero nella speranza che qualcuno saldi.
Post by Giovanni Ceglia
mi chiede qualcosa ma vuole pagare poco e dopo, allora ritengo che ho tutti
i diritti di tutelarmi, con le buone e con le cattive. Inoltre io non ho
ma chi ti dice di lavorare per poco, evitalo, guarda io non ce l'ho
assolutamente con te, ma la legge esiste affinchè uno non si faccia giustizia
da solo, altrimenti saremmo nel far-west, io sostengo che quella pratica sia
illegale, purtroppo in questo momento non ricordo precisamente il motivo ( ok
ti prego, fa troppo caldo!!! ), sarebbe da passare in it.diritto, ricordo
vagamente di cause andate a finire male per la software house perchè una
trappola del genere ha bloccato il lavoro di un'azienda, cmq questo lo posso
approfondire ma che gli individui si debbano uniformare alla legge ( che
ahimè non è sempre giusta ) è un dato di fatto ( e so di sw house per me
dalla parte della ragione e condannata con tanto di danni per cose moooolto
meno gravi, amenità perchè il tasto F11 fa una cosa invece dell'altra ).
Post by Giovanni Ceglia
detto che ho inserito un trojan, io ho detto che posso disattivare il
programma, il che significa che se uno non paga, è giusto che il servizio
gli viene troncato. Non ci vedo assolutamente niente di illegale. Perchè se
che sia giusto lo dici tu, lo capisco che tu non ci vedi niente di illegale,
anche io potrei non vederci niente di illegale ma alla fine conta quello che
ci vedrebbe un giudice, che non fa altro che interpretare la legge, in un
caso di contenzioso; evidentemente per fortuna non ci sono tanti perdi tempo
attacca brighe in giro ma se trovi quello buono, secondo me, per una cosa del
genere ti perseguiterebbe.
Post by Giovanni Ceglia
così non fosse, sarebbe illegale anche se ti staccano la corrente, perchè
non hai pagato.
Infatti per esempio sarebbe illegale se Telecom staccasse i telefoni di
un'azienda debitrice che non salda il pagamento delle bollette, se Telecom li
staccasse come può capitare che faccia basta andare da un'avvocato e senza
neanche arrivare fino al processo i rubinetti si riapriranno perchè per
legge, l'azienda debitrice per poter saldare il debito deve poter lavorare
quindi deve poter usare il telefono, di questo ne sono certo perchè l'ho
vissuto in prima persona.
Post by Giovanni Ceglia
"Se paghi hai il servizio, se non paghi non hai niente."
Si ok ma allora devi essere previdente in fase contrattuale, non so quanti
paracaduti automatici ci siano altrimenti.
Post by Giovanni Ceglia
Io gratis non ci lavoro, non sono mica Babbo Natale.
Sono due cose diverse, ci mancherebbe altro. Anzi ho guardato meglio quel
sito, effettivamente ci sono richieste nell'ordine di migliaia di dollari (
ho visto max 10.000 ), ma sono poche e mi sembra che spesso chiedano la luna,
per molte altre offerte sembra appunto che si lavori gratis, o quasi.
Post by Giovanni Ceglia
Per quanto riguarda l'open source, certo che sono a favore dell'open source,
ma quello è un'altro modello, è un modello più serio per lo sviluppatore.
Mah, per chi, per quei quattro gatti che sviluppano a casa dei big del
settore? il modello open source ( che non ha un corrispondente modello di
business, i grandi pensatori lo stanno ancora cercando, se c'è erudiscimi ) è
fatto apposta e volutamente per evitare che la gente guadagni sul software,
con quel modello nessun individuo o gruppo può seguire lo sviluppo di
qualcosa perchè chiunque con le sue ire e le sue preferenze e la sua
conoscenza può intervenire a sconvolgere tutto, bah, oltre a sembrarmi una
cosa molto comunista ma nel senso più becero del termine, non mi sembra
neanche giusto che chiunque possa venire a mettere le mani nella mia torta
mentre la sto cucinando, e se poi non ti piace non la mangi.

Se costruissero le case con il modello open source ognuno potrebbe illudersi
di essere un esperto muratore e permettersi di decidere per la mia casa, ma
che scherziamo?! e poi chissà cosa viene fuori, un mostro di casa.

Se l'open source riuscirà a distruggere il monopolio di MS sarebbe un bel
risultato, ma a guardar bene, chi ci guadagnerebbe, sarebbero i papaveroni
che sbandierano in giro che l'open source ( quello degli altri però, non il
loro ) è bene e ci guadagnerebbero sul lavoro caccoloso ( li hai visti i
sorgenti della bash? una schifezza immane ) fatto dagli smanettoni
""appassionati"" a gratis senza garanzie, che ovviamente non offrono nemmeno
i papaveroni ma che, in qualche modo miracoloso, funziona, e sempre pronti a
passare al closed quando l'odore dei dollari si fa sentire.

Senza dire che secondo me l'open source in perfetto stile soviet minimizza la
professionalità di ogni individuo e appiattisce i talenti e le capacità che
cambiano di persona in persona perchè chiunque può sindacare sulla singola
riga di codice e sul singolo punto e virgola scritto dal programmatore come
un branco di pirana che divora una preda; chi non accetta il volere del
branco di pinguini incazzati è tagliato fuori perchè non può lavorare in
closed source, è un pò come se qualcuno ti entrasse nel cervello e ti dicesse
"no così non va bene, sbagli come pensi"; e poi imho prendere come dogma
l'identazione e lo stile del codice di linux che è una vera schifezza è
equivalente a qualsiasi altro dogma closed source.
Post by Giovanni Ceglia
Quando mi chiedono le sorgenti, o di sviluppare qualcosa di open source, io
mi faccio pagare in anticipo o ad ore con contratto, ed è normale che si
in ANTICIPO? un commitente italiano? non ci credo, se è vero, complimenti,
sei un'eccezione.
Post by Giovanni Ceglia
lavora così, perchè il committente non può assolutamente pretendere di
ricevere il lavoro e pagare "poi", perchè altrimenti potrebbe sempre far
continuare il lavoro ad un'altro non pagando mai nessuno, per questo motivo
deve per forza pagare in anticipo, altrimenti c'è sempre il software
compilato per quei committenti che non vogliono pagare in anticipo.
a me sembra molto fantasiosa quest'ultima teoria.
eternita
2004-08-12 10:40:31 UTC
Permalink
On 2004-07-24 08:46:53 +0200, "Giovanni Ceglia"
Post by Giovanni Ceglia
Post by Francesco
Sei sicuro che questo sia legale? Io credo non sia tanto legale a meno che
non sia esplicitamente pattuito e controfirmato, anzi credo sia molto
pericoloso operare in questo modo, dal punto di vista legale, intendo,
ehi,
Post by Francesco
ma non sarai mica uno di quelli che propagandano l'open source???
E' più illegale non pagare per un lavoro fatto. Tutto ha dei costi, se uno
mi chiede qualcosa ma vuole pagare poco e dopo, allora ritengo che ho tutti
i diritti di tutelarmi, con le buone e con le cattive. Inoltre io non ho
detto che ho inserito un trojan, io ho detto che posso disattivare il
programma, il che significa che se uno non paga, è giusto che il servizio
gli viene troncato. Non ci vedo assolutamente niente di illegale. Perchè se
così non fosse, sarebbe illegale anche se ti staccano la corrente, perchè
non hai pagato.
"Se paghi hai il servizio, se non paghi non hai niente."
Io gratis non ci lavoro, non sono mica Babbo Natale.
Il tuo ragionamento non farebbe una piega ma se lo applichi in Italia e
non hai definito in fase contrattuale il limite che hai applicato ti
ritrovi con un bel problema ... informati meglio (ti possono chiedere i
danni causati dalla mancata consegna o interruzione del servizio
addicendo all'impossibilità di sfruttare il lavoro commissionato .. al
danno la beffa)

In passato a me è successo, oltre alle spese legali ci ho rimesso tutto
il guadagno ... e mi è andata ancora bene (meditate gente meditate)
Hanger Freisen
2004-07-24 19:14:08 UTC
Permalink
Post by Francesco
Post by Giovanni Ceglia
Solo che non sanno che io posso disattivare il mio programma premendo
1 bottone sul mio sito, infatti ho inserito una funzioncina che va a
chiedere prima l'autorizzazione al mio sito, se l'autorizzazione
viene data, il programma si sblocca per quella esecuzione, e
funziona, altrimenti si blocca e non funziona.
Sei sicuro che questo sia legale? Io credo non sia tanto legale a meno
che non sia esplicitamente pattuito e controfirmato, anzi credo sia
molto pericoloso operare in questo modo, dal punto di vista legale,
intendo, ehi,
Infatti!! Confermo della illegalita' di quanto attuato da Ceglia tanto che
se attua quanto in oggetto e' passibile a risarcimenti danni a non finire
anzi sarebbe l'illiade situazione per gli studi legali oltre ad altre
possibili azioni nei sui confronti in tema di sicurezza, privacy ecc.

... quanto oggetto fatto salvo di accordi ben chiari e firmati da entrambi
le parti ... ove anche in tal senso e' da verificare ben bene il contratto
e le ripettive clausole ove, contrariamente, a pena di nullita'.
Giovanni Ceglia
2004-07-24 19:23:01 UTC
Permalink
Post by Hanger Freisen
Infatti!! Confermo della illegalita' di quanto attuato da Ceglia tanto che
se attua quanto in oggetto e' passibile a risarcimenti danni a non finire
anzi sarebbe l'illiade situazione per gli studi legali oltre ad altre
possibili azioni nei sui confronti in tema di sicurezza, privacy ecc.
... quanto oggetto fatto salvo di accordi ben chiari e firmati da entrambi
le parti ... ove anche in tal senso e' da verificare ben bene il contratto
e le ripettive clausole ove, contrariamente, a pena di nullita'.
Si bravo, allora io da domani non pago più nessuna bolletta. Quando staccano
dico che è illegale.

Dimmi una cosa. Se tu non paghi un servizio di hosting, cosa succede?
Hanger Freisen
2004-07-25 01:04:55 UTC
Permalink
Post by Giovanni Ceglia
Post by Hanger Freisen
Infatti!! Confermo della illegalita' di quanto attuato da Ceglia
tanto che se attua quanto in oggetto e' passibile a risarcimenti
danni a non finire anzi sarebbe l'illiade situazione per gli studi
legali oltre ad altre possibili azioni nei sui confronti in tema di
sicurezza, privacy ecc.
... quanto oggetto fatto salvo di accordi ben chiari e firmati da
entrambi le parti ... ove anche in tal senso e' da verificare ben
bene il contratto e le ripettive clausole ove, contrariamente, a pena
di nullita'.
Scusate, ma mi tocca riportare l'intero mio post visto che risulta un
caso di conclamata cecita' ... o forse e' proprio vero che non c'e' piu'
cieco di chi non vuol vedere.

Fatta la premessa.
Post by Giovanni Ceglia
Si bravo, allora io da domani non pago più nessuna bolletta. Quando
staccano dico che è illegale.
Fino a prova contraria qando firmi un "regolare contratto", nel caso, con
il gestore di turno, in si detto vengono specificate anche le clausole e
le azioni in caso di inadempienze contrattuali.

Se leggi il mio secondo paragrafo e' specificato al punto cui si fa cenno
al "fatto salvo ...".

E ti diro' di piu'.

Ad esempio, in caso di inadempienza fatta da una utenza domestica, ad
esempio nei confronti di un acquedotto, quest'ultimo per quanto sussiste
un regolare contratto, all'utenza ugualmente non e' possibile
interrompergli l'erogazione del servizio essendo esso, nel caso, una
necessita' primaria.

Oltre tutto, ritornando al tuo post, prima che ti venga "staccato" il
servizio, il gestore in ogni caso sara' tenuto d'apprima a provvedere a
fare regolare preavviso, facendo seguire sollecito con posa in mora e
solo dopo i tempi di rito potra' provvedere al, come tu scrivi,
"distacco".

Ma tutto quanto sopra deve essere regolato da un "regolare contratto" e
alla accettazione, con firma in calce delle parti in causa, ex art. 1341
e 1342 c.c. e delle rispettive clausole vessatorie.

Nel tuo caso invece, da quanto si deduce e tanto a mo' da far west,
vorresti invece tu stesso fare da polizia, da PM, da giudice e infine da
boia senza dare modo alla controparte ad alcuna eccezione.

Forse non ti sei ancora reso che qui siamo in occidente e, per quanto
siamo noi dell'occidente ancora lontani dalla perfezione ma almeno lo
ammettiamo, per ora non si tagliano le teste in modo sommario ... quello
lo fanno altri.

Pertanto la tua azione non e' solo vessatoria, che anche in sede
contrattuale ci sarebbe molto da discutere, ma risulta in tutti i sensi
illegale se non, per giusta causa, fonte di arrichimento nei tuoi
confronti per chi di mestiere.
Post by Giovanni Ceglia
Dimmi una cosa. Se tu non paghi un servizio di hosting, cosa succede?
Vedi sopra.

Saluti
Giovanni Ceglia
2004-07-25 01:48:59 UTC
Permalink
Non ci siamo proprio. Forse non ci arrivi o forse vivi nel paese dei
balocchi.

Allora rigiriamo l'esempio. Lasciamo stare l'acqua, la luce, ecc.. ecc...

Prendiamo un esempio più simile.

Prendiamo Windows, oppure prendiamo Delphi.

Mettiamo che io non pago Windows, e non pago Delphi, secondo te sono
autorizzato ad utilizzarli?

E secondo te è illegale se la Microsoft, o la Borland mi impediscono di
utilizzare la copia che mi sono procurato senza pagare 1 centesimo?

Se Windows XP non lo attivi entro 30 giorni, cioè non provi in pratica che
l'hai acquistato regolarmente e quindi hai il codice d'attivazione, si
blocca.

Se Delphi non lo registri, si blocca. Inoltre Delphi anche se lo registri,
se lo installi più volte e lo registri più volte si blocca.

A me risulta proprio il contrario quindi di quello che vai
fantasticando(roba da paese dei balocchi, per balocchi).

E' assolutamente illegale utilizzare software procurato illegalmente, e
richiedere un software e poi non pagarlo equivale al furto, ovvero equivale
a procurarsi una copia di software pirata.

Secondo la tua contorta mente, potrei tranquillamente utilizzare Windows
Pirata, e quando si blocca posso sfruttare la situazione, e non contento di
non aver pagato il lavoro di Microsoft, gli faccio causa, e magari al
giudice gli posso dire che "Mr. Hanger Freisen" ha detto che è illegale
bloccare le copie irregolari, e quindi Microsoft mi deve risarcire.

Ora che l'esempio è più semplice e concreto della bolletta, credo ti
dovrebbe entrare meglio nella zucca.
Francesco
2004-07-25 03:53:50 UTC
Permalink
Post by Giovanni Ceglia
Non ci siamo proprio. Forse non ci arrivi o forse vivi nel paese dei
balocchi.
Allora rigiriamo l'esempio. Lasciamo stare l'acqua, la luce, ecc.. ecc...
Rigiriamo l'esempio? Cosa significa rigirare l'esempio? L'ordinamento
giuridico italiano dice (molte, forse troppe) cose chiare e limpide (datemi
licenza), e c'hanno pensato altre persone prima di te a girare e rigirare gli
esempi, non aspettano certo te.
Post by Giovanni Ceglia
Prendiamo un esempio più simile.
Prendiamo Windows, oppure prendiamo Delphi.
No, tu non puoi dire che se nel software funziona in un certo modo allora la
società telefonica dovrebbe agire nello stesso modo.

Caso mai, se vuoi rigirare gli esempi, potresti -per ipotesi- applicare la
legge per analogia ( è una faccenda tecnica ) e quindi applicare le norme a
cui sottostanno le società dei telefoni anche a quelle che si occupano del
software, ma questo in via puramente ipotetica per tua speculazione
personale.

Ma comunque, SE NON MI SBAGLIO ( mi sbaglio? ) questo non c'entra un fico
secco perchè il contratto con il quale tu accetti di utilizzare i prodotti di
Microsoft e Delphi è sotto la legislazione americana e non italiana, ora non
mi dirai che te ne intendi anche di quella americana dato che già quella
italiana mi sembra che tu la ignori abbastanza?

"THE SOFTWARE IS SOLD AS IT IS WITHOUT ANY WARRANTY" è una americanata, è
un'idea americana, non è sicuramente la traduzione in inglese di un'idea
partorita da una mente europea.

Scusa sai, ma se anche questo non fosse vero c'è una bella differenza tra una
società che fornisce un servizio come quello della connettività fonia e dati,
e tra un'azienda d'oltreoceano che ti vende un tool di sviluppo, boh, forse
dovrei essere più preciso, forse sarà che tu non hai la minima cultura
giuridica e civica, sarà mica che sei anche tu un troll? senza la minima
offesa!!!
Giovanni Ceglia
2004-07-25 12:08:55 UTC
Permalink
Si, tutto quello che dici vale sepre per il paese dei Balocchi.
Hanger Freisen
2004-07-25 18:04:48 UTC
Permalink
Francesco <***@yahoo.it> wrote in news:***@powernews.libero.it:

Ops Errore.
Post by Giovanni Ceglia
Non ci siamo proprio. Forse non ci arrivi o forse vivi nel paese dei
balocchi.
:-))))) Ma hai fumato oppure fai sul serio?

Fai che non mi capiti di acquistare qualche tuo prodotto perche' poi si'
che i miei studi legali ci sguazzeranno a tal punto di farci, noi, anche le
vacanze a tue spese.

Saluti.


Scusa ho sbagliato dovevo indirizzarlo a Ceglia, scusa di nuovo Francesco.
Francesco
2004-07-26 02:41:07 UTC
Permalink
Post by Hanger Freisen
Scusa ho sbagliato dovevo indirizzarlo a Ceglia, scusa di nuovo Francesco.
E' ancora indirizzato a me : - ), non sarà mica che Giovanni abbia inserito
anche qui una funzioncina che va a chiedere prima l'autorizzazione al suo
sito, e se lui non ha premuto un bottone non funziona??? : ) : ) : )

(Tra l'altro sto provando Hogwasher, un newsreader per Mac -non sono
monomaniacale: uso anche linucs e winzozz- che visualizza pure l'albero degli
interventi per seguire il filo della discussione, e da li si vede benissimo
il collegamento tra i vari post, è una feature che vista al primo momento
sembrava una grande cavolata ma in generale mi sembra molto utile )
Hanger Freisen
2004-07-26 14:25:44 UTC
Permalink
Post by Francesco
Post by Hanger Freisen
Scusa ho sbagliato dovevo indirizzarlo a Ceglia, scusa di nuovo Francesco.
E' ancora indirizzato a me : - ),
Scusa quando si e' fusi :-)
Post by Francesco
non sarà mica che Giovanni abbia
inserito anche qui una funzioncina che va a chiedere prima
l'autorizzazione al suo sito, e se lui non ha premuto un bottone non
funziona??? : ) : ) : )
No no Giovanni non c'entra nulla, tra l'altro mi spiace che se la sia
presa, e' tutta colpa mia che nel correggere ho fatto ancora peggio ...
mha! :-)
Post by Francesco
(Tra l'altro sto provando Hogwasher, un newsreader per Mac -non sono
monomaniacale: uso anche linucs e winzozz- che visualizza pure
l'albero degli interventi per seguire il filo della discussione, e da
li si vede benissimo il collegamento tra i vari post, è una feature
che vista al primo momento sembrava una grande cavolata ma in generale
mi sembra molto utile )
Provero' anche quello ... vediamo ... da parte mia e' una vita che uso
XNews ...

Ciao
NC
2004-07-27 15:37:12 UTC
Permalink
Post by Hanger Freisen
Post by Francesco
(Tra l'altro sto provando Hogwasher, un newsreader per Mac -non sono
monomaniacale: uso anche linucs e winzozz- che visualizza pure
l'albero degli interventi per seguire il filo della discussione, e da
li si vede benissimo il collegamento tra i vari post, è una feature
che vista al primo momento sembrava una grande cavolata ma in generale
mi sembra molto utile )
Provero' anche quello ... vediamo ... da parte mia e' una vita che uso
XNews ...
io uso la stessa funzione in Mozilla Thunderbird (client posta/news
disponibili per tutte le maggiori piattaforme). Non male (piu' come
posta che come news visto che l'equivalente del killfile non esiste/
non funziona)
Hanger Freisen
2004-07-25 18:04:47 UTC
Permalink
Post by Giovanni Ceglia
Non ci siamo proprio. Forse non ci arrivi o forse vivi nel paese dei
balocchi.
:-))))) Ma hai fumato oppure fai sul serio?

Fai che non mi capiti di acquistare qualche tuo prodotto perche' poi si'
che i miei studi legali ci sguazzeranno a tal punto di farci, noi, anche le
vacanze a tue spese.

Saluti.
Hanger Freisen
2004-07-25 18:05:45 UTC
Permalink
Post by Giovanni Ceglia
Allora rigiriamo l'esempio. Lasciamo stare l'acqua, la luce, ecc.. ecc...
:-))))) Ma hai fumato oppure fai sul serio?

Fai che non mi capiti di acquistare qualche tuo prodotto perche' poi si'
che i miei studi legali ci sguazzeranno a tal punto di farci, noi, anche le
vacanze a tue spese.

Saluti.
Francesco
2004-07-25 03:38:39 UTC
Permalink
Post by Giovanni Ceglia
Si bravo, allora io da domani non pago più nessuna bolletta. Quando staccano
dico che è illegale.
Scusa ma il tuo atteggiamento mi pare poco professionale, se tu non paghi la
bolletta del "telefono" perchè sei pieno di debiti ma non sei ancora fallito
e puoi dimostrare che il servizio di erogazione è condizione necessaria e
sufficiente per rientrare del debito ( per esempio i tuoi introiti derivano
principalmente da un sito di e-commerce ) il giudice ordinerà di riaprire il
collegamento.

Se invece da domani non paghi più la bolletta per dispetto e per andare
kontro, beh, sono cavolacci tuoi.
Post by Giovanni Ceglia
Dimmi una cosa. Se tu non paghi un servizio di hosting, cosa succede?
Non te lo so dire, questo non significa che quanto detto sopra sia falso, e
non mi stupirei se si procedesse in modo analogo, chiedilo in it.diritto
Francesco
2004-07-25 03:33:28 UTC
Permalink
Post by Hanger Freisen
Infatti!! Confermo della illegalita' di quanto attuato da Ceglia tanto che
se attua quanto in oggetto e' passibile a risarcimenti danni a non finire
anzi sarebbe l'illiade situazione per gli studi legali oltre ad altre
possibili azioni nei sui confronti in tema di sicurezza, privacy ecc.
... quanto oggetto fatto salvo di accordi ben chiari e firmati da entrambi
le parti ... ove anche in tal senso e' da verificare ben bene il contratto
e le ripettive clausole ove, contrariamente, a pena di nullita'.
Appunto perchè clausole di questo genere potrebbero essere (lo sono)
vessatorie verso il cliente perchè lo mettono in una situazione di totale
svantaggio e inoltre non basta che sul contratto ci sia scritto qualsiasi
cosa affinché abbia valore ma ciò che stabilisce deve rispettare delle norme
fondamentali, per esempio non puoi strapparti i capelli perchè non puoi
possedere il denaro che qualcuno ti ha pagato per avergli hai venduto la luna
perchè, almeno fino ad adesso : ) , la una è un bene di cui non si può
disporre, come di un proprio organo, nessuno può vendere un rene, ma questi
sono discorsi da diritto.it, nozioni di diritto che si imparano già a
ragioneria.
Hanger Freisen
2004-07-25 17:55:44 UTC
Permalink
Appunto perchŠ clausole di questo genere potrebbero essere (lo sono)
vessatorie verso il cliente p
Tanto piu' se addirittura, udite udite, manca qualsiasi contratto in tal
senso.

Che dire di piu' ...
Alberto Favetta
2004-07-27 13:03:13 UTC
Permalink
Post by Giovanni Ceglia
Su rentacoder.com si lavora quasi gratis. Io sono riuscito a prendere 2
lavori, da 2 mesi, li ho finiti da 1 mese, ma non ho ancora visto 1
centesimo.
Chiedi al gestore, se lui sollecita il compratore e lo stesso non si
fa vivo allora può chiudere la pratica d'ufficio e rilasciare i soldi.
Post by Giovanni Ceglia
In pratica è anche vero che il compratore deve depositare i soldi,
Per cui in un certo sendo lo paga in anticipo.
Post by Giovanni Ceglia
per avere
il software, ma il software l'ottiene prima che chi l'ha fatto viene pagato.
Si, ma è così SEMPRE. Se nella vita reale mi commissioni un software
io prima te lo consegno e poi tu mi paghi... mica puoi acquistare a
scatola chiusa...
Post by Giovanni Ceglia
In pratica quei due si sono presi il mio programma, lo stanno utilizzando,
ma non hanno nessuna intenzione di rilasciare i soldi.
Gli hai rilasciato anche il sorgente vero? Senza il sorgente hanno il
pieno diritto di non rilasciare.
Post by Giovanni Ceglia
Solo che non sanno che io posso disattivare il mio programma premendo 1
bottone sul mio sito, infatti ho inserito una funzioncina che va a chiedere
prima l'autorizzazione al mio sito, se l'autorizzazione viene data, il
programma si sblocca per quella esecuzione, e funziona, altrimenti si blocca
e non funziona.
E loro non possono aver modificato il sorgente per disattivarlo?
Deduco dalla tua frase che il sorgente non l'hai rilasciato. Quindi
loro non autorizzano il pagamento.
Post by Giovanni Ceglia
Io penso che non è tanto affidabile rentacoder.com, prima ci sono problemi
Mah...
Post by Giovanni Ceglia
con la concorrenza degli indiani, poi se riesci a superare questo scoglio,
Gli indiani ed i cinesi fanno al 99% progetti di web applications.
Roba fatta in php, asp etc etc. Se vai a guardare i progetti "seri"
vengono fatti quasi tutti da occidentali. Insomma fanno i progetti da
"smanettoni" :)
Post by Giovanni Ceglia
ci sono compratori che mettono progetti, ma poi li cancellano senza mai
assegnarli,
Magari vedono che verrebbero a spendere più di quello che pensavano...
Post by Giovanni Ceglia
in pratica bisogna fare centinaia di offerte
perchè non hai un rating abbastanza alto...
I primi che ho fatto erano delle traduzioni (!) a 5-6 dollari...
Però appena avuto un po' di rating e *soprattutto* la certificazione
su expertrating ho cominciato a lavorare benino.

Ho guadagnato circa 700-800 dollari sul conto paypal. Uno non ci
vive... però almeno puoi comprarci qualcosa su amazon :)
Post by Giovanni Ceglia
favore del compratore, il che significa che il compratore potrebbe anche
mettertelo a quel posto.
Ma non è possibile! I soldi li ha già sborsati!
Post by Giovanni Ceglia
Ovvero prendersi i soldi, e non rilasciare mai i soldi, con la scusa deve
prima testare il software, considerando il prezzo dei lavori, dire che è una
fregatura è poco.
I soldi non li riavrà mai a meno di non avviare una "arbitration" al
quale partecipi tu, lui, e il gestore del sito (che è tutto tranne che
un pirla). A quel punto se il programma fa effettivamente quello che
viene richiesto il compratore non può avere i soldi indietro...
Post by Giovanni Ceglia
rentacoder.com è una autentica perdita di tempo, almeno che non hai qualcosa
di già pronto, ma in ogni caso devi perdere tempo per fare centinaia di
offerte prima di aggiudicartene una, e quando te ne aggiundichi una, il
compratore ci mette tutto l'impegno per farti perdere il più tempo
possibile.
Mi sa che tu sei rimasto scottato da una singola transazione andata
male...

Ciao,
Alberto
Giovanni Ceglia
2004-07-23 23:37:21 UTC
Permalink
Post by Marco
A proposito, ma non c'era il Ceglia che doveva uscire con una sua versione
italiana del rent a coder? Si è perso per strada?
In ogni caso il mio sito concorrente con rentacoder.com, sarà basato su
questo mio lavoro qui: http://www.glo-con.com/

In pratica penso che, darò la possibità di offrire i propri servizi, o
vendere il proprio software e le proprie soluzioni, in pratica sarà una
vetrina per chi ha servizi da offire, oppure software da offrire in licenza
o vendere. In più darò la possibilità di postare dei progetti, sui quali gli
iscritti potranno fare le loro offerte.

Tecnicamente non è molto complicato. IL complicato è portare la gente ad
usare il sistema, e questo è un lavoro duro. Rentacoder.com dietro ha 2
grossi siti di programmazione che offrono script gratuiti, e poi ha un
sistema di affiliazione.

IL sistema di affiliazione, sicuramente lo inserirò pure io, e per i 2 siti,
mi sto organizzando per creare dei siti di supporto.


Giuro che da settembre, comincerò a tirare i conigli dal cappello.
Continua a leggere su narkive:
Loading...