Discussione:
[OT] Caduta e Declino dell'Italia
(troppo vecchio per rispondere)
e***@gmail.com
2005-11-29 21:46:58 UTC
Permalink
Il times esce con un bell'articolo (....) sul declino dell'Italia, e su
come la Cina è pronta a spazzarci via...

http://www.time.com/time/asia/covers/501051205/index.html


Dico.... ma l'avete vista la copertina ???

Da adesso in poi associerò sempre il times a pessimismo e fastidio...
Gianluca Riccardi
2005-11-29 22:30:15 UTC
Permalink
***@gmail.com wrote:
[cut]
...pessimismo e fastidio...
e da non trascurare la beffa:

http://www.time.com/time/asia/covers/501051205/common.html
[AKUMA] from home
2005-11-29 22:59:30 UTC
Permalink
Post by Gianluca Riccardi
[cut]
...pessimismo e fastidio...
http://www.time.com/time/asia/covers/501051205/common.html
poco male detta da chi , in effetti, sta rovinando il mondo intero.
Hanger Freisen
2005-11-30 05:01:19 UTC
Permalink
Post by Gianluca Riccardi
http://www.time.com/time/asia/covers/501051205/common.html
Con i politici che abbiamo, con i mass media che fanno credere di
trasmettere TG ed invece non sono nient'altro che dei rotocalchi
imbonitori e finche il vaticano preme affinche' l'italia rimanga natural
durante sempre piu' Stato Papalino e finche il popolo bue e suddito crede
ciecamente, anche avanti all'evidenza, che i suddetti siano la voce e
verita' del mondo ... beh non vedo alcuna via d'uscita ... anzi.

Stanotte, ma lo sentirete e leggerete domani (oggi), poi ho sentito per
caso che alcuni quotidiani italiani siano palesemente in contrasto,
indicando il contrario dei primi con i secondi, fra di loro in merito a
quanto il The Economist ha scritto in merito alla economia italiana che
altresi', come da TG3, e' in contrasto con la stessa OCSE!

Non mi meraviglierei che infine siano gli stessi giornalisti nostrani
facenti sede ai quotidiani italiani, chissa' forse solo per opportunismo
o per piacere alle parti, a non aver tradotto (con il traduttore :-)) e
letto bene quanto hanno invece scritto sia l'economist e l'ocse.

Infatti secondo alcuni quotiani scrivono che l'economist indica che
l'italia ha superato il periodo di magra mentre altri quotidiani sulla
stessa recensione dell'economist scrivono l'esatto contrario mentre TG3
indica che l'OCSE prevede ancor piu' magra mentre altri mass media
commentano a pro o contro sulla base e secondo chi e' nel frattempo
presente ai rispettivi "show".

Senza poi cio' che nel frattempo commentano chi facenti capo a varie
associazioni, alle varie lobby o albi, ai sindacati ecc. ... quanto meno
sarebbe da mettersi le mani fra i capelli per le cazzate che ho, di volta
in volta, ascoltato mentre lavoravo (ma chi me lo fa fa'!) ... tanto che
a quel punto non capivo piu' chi rappresentava la sx, la dx, gli
industriali, i sindacati ecc. o se era invece una festa in "maschera"
visto che di volta in volta si invertivano fra loro i ruoli ... che c'e'
altro da aggiungere ... ah si, a dir tanto, se si continua cosi', se
tutto va bene siamo veramente nella ...

Saluti
n.n
2005-11-30 08:55:18 UTC
Permalink
Post by Hanger Freisen
Post by Gianluca Riccardi
http://www.time.com/time/asia/covers/501051205/common.html
Con i politici che abbiamo, con i mass media che fanno credere di
trasmettere TG ed invece non sono nient'altro che dei rotocalchi
imbonitori e finche il vaticano preme affinche' l'italia rimanga natural
durante sempre piu' Stato Papalino e finche il popolo bue e suddito crede
ciecamente, anche avanti all'evidenza, che i suddetti siano la voce e
verita' del mondo ... beh non vedo alcuna via d'uscita ... anzi.
Stanotte, ma lo sentirete e leggerete domani (oggi), poi ho sentito per
caso che alcuni quotidiani italiani siano palesemente in contrasto,
indicando il contrario dei primi con i secondi, fra di loro in merito a
quanto il The Economist ha scritto in merito alla economia italiana che
altresi', come da TG3, e' in contrasto con la stessa OCSE!
Non mi meraviglierei che infine siano gli stessi giornalisti nostrani
facenti sede ai quotidiani italiani, chissa' forse solo per opportunismo
o per piacere alle parti, a non aver tradotto (con il traduttore :-)) e
letto bene quanto hanno invece scritto sia l'economist e l'ocse.
Infatti secondo alcuni quotiani scrivono che l'economist indica che
l'italia ha superato il periodo di magra mentre altri quotidiani sulla
stessa recensione dell'economist scrivono l'esatto contrario mentre TG3
indica che l'OCSE prevede ancor piu' magra mentre altri mass media
commentano a pro o contro sulla base e secondo chi e' nel frattempo
presente ai rispettivi "show".
Senza poi cio' che nel frattempo commentano chi facenti capo a varie
associazioni, alle varie lobby o albi, ai sindacati ecc. ... quanto meno
sarebbe da mettersi le mani fra i capelli per le cazzate che ho, di volta
in volta, ascoltato mentre lavoravo (ma chi me lo fa fa'!) ... tanto che
a quel punto non capivo piu' chi rappresentava la sx, la dx, gli
industriali, i sindacati ecc. o se era invece una festa in "maschera"
visto che di volta in volta si invertivano fra loro i ruoli ... che c'e'
altro da aggiungere ... ah si, a dir tanto, se si continua cosi', se
tutto va bene siamo veramente nella ...
I dati OCSE sono numeri.

Il Corriere dice :
Siamo duori dalla Recessione. C'0e' ripresina

I Dati parlano di una crescita 0.2 quest'anno e intorno e 1% infuturo.
Spesso hanno sbagliato nel passato e le cose sono andate peggio.

Comunque un 1 qualsiasi paese civile che viaggia fra 0 e 1 lo consedera
gravissima crisi e da mano a riforme enormi,

Noi ormaiu siamo rasseganri a morire e ci va bene morire a 0.2 in 10 anni
anziche a -4 in 2 anni

I quotidiano possono divergere sulle opinioni, ma i numeri purtroppo sono un
pugno in faccia :(

N

--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
Gianluca Riccardi
2005-11-30 10:55:25 UTC
Permalink
[cut]
Post by Hanger Freisen
tutto va bene siamo veramente nella ...
Saluti
mi trovo d'acordo.

forse l'hai gia' letto:

http://www.economist.com/surveys/displaystory.cfm?story_id=5164061


un caso, ma laconclusione e' un paragone a cui spesso penso

ciao,
Gianluca
Vincent Vega
2005-11-29 22:42:21 UTC
Permalink
Post by e***@gmail.com
Dico.... ma l'avete vista la copertina ???
Che ha?
DarkPulsar
2005-11-29 22:56:11 UTC
Permalink
Post by e***@gmail.com
Il times esce con un bell'articolo (....) sul declino dell'Italia, e su
come la Cina è pronta a spazzarci via...
ho avuto una collega cinese x 2 anni, laueratasi in informatica in cina,
chi pensa che i cinesi siano stupidi non ha capito un cazzo..anzi meno...
sono furbi,molto furbi...me lo disse..tra un pò arriviamo...
Stefano Bodini
2005-11-29 23:11:29 UTC
Permalink
Post by DarkPulsar
chi pensa che i cinesi siano stupidi non ha capito un cazzo..anzi meno...
sono furbi,molto furbi...me lo disse..tra un pò arriviamo...
Non ci vuole molto a fregare il mercato giocando con regole diverse,
non e' questione di furbizia.
Inizia a dare garanzie ai lavoratori e diritti, poi vediamo se la
produzione cinese puo' mantenere i costi prossimi allo zero come ora.

Guarda Taiwan.
15 anni fa Taiwan era la Cina odierna, produzione a prezzi
ignobilmente bassi.
Tutti compravano da Taiwan.
Poi i lavoratori piano piano hanno (giustamente) ottenuto migliori
salari e garanzie sociali.
Ed ora Taiwan non e' piu' ne' meno competitiva degli USA e dell'Europa
e infatti non la caga piu' nessuno se non per le infrastrutture
costruite nel "boom".

Peccato che troppi imprenditori in Italia credono che la soluzione ai
problemi di vendita sia, specie nel nostro settore, dare come
stipendio una ciotola di riso e un calcio in culo a chi protesta.

Anziche' esportare civilta', importano la barbarie.

C'ya
STeve
--
Legge di Flon
Non c'e' linguaggio in cui sia difficile scrivere cattivi programmi.
FAQ del gruppo : http://www.sen.it/faq/it.lavoro.informatica.faq.html
DarkPulsar
2005-11-29 23:20:21 UTC
Permalink
Post by Stefano Bodini
Non ci vuole molto a fregare il mercato giocando con regole diverse,
non e' questione di furbizia.
Inizia a dare garanzie ai lavoratori e diritti, poi vediamo se la
produzione cinese puo' mantenere i costi prossimi allo zero come ora.
Non alludevo a quello,ho parlato di stupidità...siccome molti pensano che i
cinesi hanno il cervello piccolo
per natura io ti posso dire che ho avuto la prova contraria standoci a
contatto e lavorandoci nell'ambiente informatico...ho visto italiani molto +
stupidi sia in termini di personalità che di intellighenzia pura :)
Come ho lavorato con gli indiani, (non gli indiani d'america,gli indiani
d'india) che sono avanti...
Un amico invece ha una web agency,lo sviluppo del codice (tutti i tipi di
codice) lo fanno tutto in bulgaria perchè pare che i bulgari siano molto +
veloci e proattivi (cazzo che bella parola,una delle preferite delle aziende
lìder italiane) degli italiani
Stefano Bodini
2005-11-30 02:33:10 UTC
Permalink
Post by DarkPulsar
Non alludevo a quello,ho parlato di stupidità...siccome molti pensano che i
cinesi hanno il cervello piccolo
Continuo a non capire il fatto che i cinesi non sono stupidi, con il
loro boom economico.
Che ci sia gente che nasconde la testa sotto la sabbia, dicendo e
credendo che sono stupidi per minimizzare il "pericolo" direi che e'
un dato di fatto.
Che questi hanno successo solo perche' chi lavora prende un millesimo
di quello che si prende in occidente, direi che e' altrettanto
sacrosanto.
Post by DarkPulsar
per natura io ti posso dire che ho avuto la prova contraria standoci a
contatto e lavorandoci nell'ambiente informatico...ho visto italiani molto +
stupidi sia in termini di personalità che di intellighenzia pura :)
Non faccio fatica a crederlo. La stupidita' pero' ti assicuro e' una
malattia diffusa a livello planetario :-(
Post by DarkPulsar
Come ho lavorato con gli indiani, (non gli indiani d'america,gli indiani
d'india) che sono avanti...
??? Avanti dove ?
Sono ne' piu' ne' meno degli occidentali, non sono certo dei genii, ci
ho lavorato e ci lavoro quasi quotidianamente.
Specie all'inizio gli indiani accettavano paghe che un occidentale
considerava da fame, da li' la nomea.
A parita' di capacita' ovvio che gli imprenditori considerano migliore
chi fa un lavoro a un decimo del prezzo.
Post by DarkPulsar
Un amico invece ha una web agency,lo sviluppo del codice (tutti i tipi di
codice) lo fanno tutto in bulgaria perchè pare che i bulgari siano molto +
veloci e proattivi
Seee come no.
Tutti nati geni.
Sorry ma queste sono leggende metropolitane per consolare gli sfigati.
Non esiste una razza "migliore" per fare il nostro (e altri) lavori e
ho una discreta esperienza in questo.
Lavoro con colleghi da tutto il mondo da molti anni e onestamente non
ho trovato qualcuno migliore di un altro solo perche' nato in un certo
posto.

Aspetta che i bulgari arrivino a richiedere quanto chiediamo in
occidente e poi vedremo quanto "sono bravi".
Saranno considerati ne' piu' ne' meno come noi, come deve essere.

C'ya
Steve
--
Legge di Flon
Non c'e' linguaggio in cui sia difficile scrivere cattivi programmi.
FAQ del gruppo : http://www.sen.it/faq/it.lavoro.informatica.faq.html
ErPotenza
2005-11-30 08:28:49 UTC
Permalink
On Tue, 29 Nov 2005 20:33:10 -0600, Stefano Bodini
Post by Stefano Bodini
Tutti nati geni.
Sorry ma queste sono leggende metropolitane per consolare gli sfigati.
Ultimamente si punta a far passare l'Italia come un paese di
analfabeti totali ...
DarkPulsar
2005-11-30 09:00:35 UTC
Permalink
Post by Stefano Bodini
??? Avanti dove ?
Sono ne' piu' ne' meno degli occidentali, non sono certo dei genii, ci
ho lavorato e ci lavoro quasi quotidianamente.
Specie all'inizio gli indiani accettavano paghe che un occidentale
considerava da fame, da li' la nomea.
A parita' di capacita' ovvio che gli imprenditori considerano migliore
chi fa un lavoro a un decimo del prezzo.
hai un visione troppo ristretta,il discorso della preparazione e capacità
non centra una fava con le paghe.
L'india ha i suoi problemi e lo stato economico è quello che è.
Ti posso dire un'altra cosa: mio padre,ora in pensione,lavorava in una
azienda sperimentale
elettro-energetica italiana ma che opera in tutto il mondo.
Fin dagli anni 80 in italia avevano ingegneri e personale indiano con i
contromaroni
+ degli italiani...e li andavano a cercare (perchè li andavano a cercare,te
lo assicuro)
Post by Stefano Bodini
Post by DarkPulsar
Un amico invece ha una web agency,lo sviluppo del codice (tutti i tipi di
codice) lo fanno tutto in bulgaria perchè pare che i bulgari siano molto +
veloci e proattivi
Seee come no.
Tutti nati geni.
Sorry ma queste sono leggende metropolitane per consolare gli sfigati.
Non esiste una razza "migliore" per fare il nostro (e altri) lavori e
ho una discreta esperienza in questo.
Lavoro con colleghi da tutto il mondo da molti anni e onestamente non
ho trovato qualcuno migliore di un altro solo perche' nato in un certo
posto.
Aspetta che i bulgari arrivino a richiedere quanto chiediamo in
occidente e poi vedremo quanto "sono bravi".
Saranno considerati ne' piu' ne' meno come noi, come deve essere.
Sinceramente non sono per niente d'accordo,
ho girato l'europa x 3 anni su progetti vari quando stavo a t.i.,
a volte in giro per 3 giorni altri 15-20.
Non la metterei sulla razza migliore ma sul modo di fare e affrontare che si
riconduce alla cultura.
Lavorare in casa tua e quindi in italia con uno straniero non è come farlo a
casa sua dove sei immerso nella sua cultura,il suo modo di pensare
affrontare,risolvere,decidere....i suoi tempi,tutto..il modo di rapportarsi
al mondo che è diverso.
E' lo stesso esatto discorso con cui mi confronto ora nel settore musicale
lavorando con l'estero
e andando all'estero per questo.
Tu lo sai che la dance tipicamente made in italy con il tipico stampino
italiano al di fuori dell'italia non la vuole nessuno ? (gli unici forse
sono gli spagnoli,gli altri la chiamano spaghetti dance in modo
dispregiativo)
Non la vogliono perchè i produttori del sound italiano non si schiodano da
determinate idee
e schemi (se ci fai caso la cosiddetta "commerciale" tipicamente italiana è
morta anche in italia,surclassata dall'attuale electro che può piacere o no
ma di fatto non è italiana).Posso anche dirti che pochi qui in italia sono
in grado di seguire il mercato globale perchè bisogna pensare le canzoni in
modo diverso,serve mentalità aperta che evidentemente la maggior parte non
ha.
Gli olandesi e gli inglesi in questo invece sono molto ma molto + ricettivi
e innovatori degli italiani,
infatti il mercato della dance in europa lo guidano loro (e io lavoro con
loro,oltre che con qualche scheggia italiana impazzita).
Stefano Bodini
2005-11-30 12:34:10 UTC
Permalink
Post by DarkPulsar
hai un visione troppo ristretta,il discorso della preparazione e capacità
non centra una fava con le paghe.
Punti di vista differenti ...
Post by DarkPulsar
contromaroni
+ degli italiani...e li andavano a cercare (perchè li andavano a cercare,te
lo assicuro)
Beh che ci sia una scolarizzazione piu' incentrata sulla tecnologia
fuori dai confini italiani non e' un mistero.
Ribadisco solo il concetto che altri siano migliori solo perche' di
diversa nazionalita'.
Post by DarkPulsar
Post by Stefano Bodini
Saranno considerati ne' piu' ne' meno come noi, come deve essere.
Sinceramente non sono per niente d'accordo,
Legittimo :-)
Post by DarkPulsar
Non la metterei sulla razza migliore ma sul modo di fare e affrontare che si
riconduce alla cultura.
Questa e' una discussione piu' corretta IMHO.
Sicuramente la mentalita' tipica italiana non e' competitiva.
Post by DarkPulsar
Lavorare in casa tua e quindi in italia con uno straniero non è come farlo a
casa sua dove sei immerso nella sua cultura,il suo modo di pensare
Guarda che io lavoro fuori dall'Italia.
La mia esperienza di lavoro con altre culture avviene fuori
dall'Italia, e ho pututo toccare con mano l'incompetenza o, meglio, la
mancanza di genialita', in molti tecnici provenienti dal resto del
mondo.
Post by DarkPulsar
Tu lo sai che la dance tipicamente made in italy con il tipico stampino
italiano al di fuori dell'italia non la vuole nessuno ? (gli unici forse
:-)
Sono il primo ad evitarla :-)

MA non cambia di una virgola la mia idea.
Gli altri sono come noi, a parita' di condizioni.
I piu' richiesti in genere sono quelli che chiedono meno.

C'ya
STeve
--
Legge di Flon
Non c'e' linguaggio in cui sia difficile scrivere cattivi programmi.
FAQ del gruppo : http://www.sen.it/faq/it.lavoro.informatica.faq.html
tornado
2005-12-02 12:37:56 UTC
Permalink
Post by Stefano Bodini
Gli altri sono come noi, a parita' di condizioni.
appunto, a parita' di condizioni.

conosco bene i cinesi (sia di taiwain che della mainland), questi hanno
un senso del dovere non paragonabile al nostro (danno molto di piu' sul
lavoro perche'... devono, senza altre ragioni), hanno un sistema
scolastico migliore (a 21 anni sono ingegneri meglio preparati di me
quando ne avevo 25), ed entrambi i paesi hanno politiche piu'
lungimiranti per quanto riguarda ricerca e sviluppo.

poi conoscono la poverta' meglio di noi, sanno quali sono i vantaggi di
un impiego "prestigioso" e sanno difendere questi vantaggi.

imho, questo mix di fattori ne fa dei lavoratori migliori degli
occidentali.
Post by Stefano Bodini
I piu' richiesti in genere sono quelli che chiedono meno.
gli italiani prendono quasi un cazzo, e nessuno li cerca comunque...
n.n
2005-12-02 12:45:42 UTC
Permalink
Post by tornado
conosco bene i cinesi (sia di taiwain che della mainland), questi hanno
un senso del dovere non paragonabile al nostro (danno molto di piu' sul
lavoro perche'... devono, senza altre ragioni), hanno un sistema
scolastico migliore (a 21 anni sono ingegneri meglio preparati di me
quando ne avevo 25), ed entrambi i paesi hanno politiche piu'
lungimiranti per quanto riguarda ricerca e sviluppo.
poi conoscono la poverta' meglio di noi, sanno quali sono i vantaggi di
un impiego "prestigioso" e sanno difendere questi vantaggi.
imho, questo mix di fattori ne fa dei lavoratori migliori degli
occidentali.
Post by Stefano Bodini
I piu' richiesti in genere sono quelli che chiedono meno.
gli italiani prendono quasi un cazzo, e nessuno li cerca comunque...
Secondo me leggete troppe favole e sociologia psicologia del cazzo.

L'economia e' come un auto da gara.
Se non funziona si carbura si modifica si sperimenta

La cina era povera fino alla morte.
Orfa ha importato le ricette liberiste scritte dai premi nobel
e sta girando

Lo stesso in Irlanda, lo stesso avvenne in Inghilterra negli anni 60

In Italia abbiamo un sistema Economico che e' una auto ingolfata.
Tutto quello che ci consigliano diciamo che sono menzogne inventate per
fregarci
siamo come pinocchio che ammazza il grillo parlante.
Oggi qualcuno ha detto che l'economist sono dei buffoni.
Mi dica chi e' affidabile ? sua mamma e sua sorella immagino.

GLi italiano quando sono nelle condizioni dfi potyer gareggiari sono ottimi
ricercatori ottimi lavoratori come hanno dimoastrato per 500 anni a piu'
riprese, fino all'altro ieri.

Oggi e' il mopmento di adeguarci a un nuovo mercato globale.
Purtroppo oggi si e' diffusa una mentalita' anticompetitiva che porta a non
voler gareggire.
Questa e'ì la reralta' geneticamente il cervello cinese e italiano e'
perfettamente identico.
Ancora nessuno studio scientifico ha dimostrato differenze razziali a
livello di potenzialita'0 intellettive e fisiche.
Tanto e' vero che alle olimpiadi le medaglie si distribuiscono omogeneamente
a parita' di scuole.

Nicola




--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
tornado
2005-12-02 12:52:59 UTC
Permalink
Post by n.n
Oggi e' il mopmento di adeguarci a un nuovo mercato globale.
Purtroppo oggi si e' diffusa una mentalita' anticompetitiva che porta a non
voler gareggire.
Questa e'ì la reralta' geneticamente il cervello cinese e italiano e'
perfettamente identico.
Ancora nessuno studio scientifico ha dimostrato differenze razziali a
livello di potenzialita'0 intellettive e fisiche.
Tanto e' vero che alle olimpiadi le medaglie si distribuiscono omogeneamente
a parita' di scuole.
mi faresti vedere dove ho parlato di differenze genetiche perpiacere?
n.n
2005-12-02 13:02:02 UTC
Permalink
Post by tornado
Post by n.n
Oggi e' il mopmento di adeguarci a un nuovo mercato globale.
Purtroppo oggi si e' diffusa una mentalita' anticompetitiva che porta a non
voler gareggire.
Questa e'ì la reralta' geneticamente il cervello cinese e italiano e'
perfettamente identico.
Ancora nessuno studio scientifico ha dimostrato differenze razziali a
livello di potenzialita'0 intellettive e fisiche.
Tanto e' vero che alle olimpiadi le medaglie si distribuiscono omogeneamente
a parita' di scuole.
mi faresti vedere dove ho parlato di differenze genetiche perpiacere?
Tu dici che si sanno adattare all apoverta' meglio di noi.
Sinceramente mi pare genetica sta cosa.

Io so che loro fino a 30 anni fa erano poveri ora hanno cambiato sistema
economico e galoppano.

Noi viceversa abbiamo un sistema economico in crisi marcia , l'unica cosa e'
che non vogliamo cambiarlo

tutto qua.

Non esiste uno che sa soffrire di + la poverta' e uno meno
La poverta' la soffre chiunque.


N



--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
tornado
2005-12-02 13:27:22 UTC
Permalink
Post by n.n
Tu dici che si sanno adattare all apoverta' meglio di noi.
Sinceramente mi pare genetica sta cosa.
ho scritto che "conoscono" la poverta' meglio di noi.
la prossima volta che accusi qualcuno di leggere "troppe favole e
sociologia psicologia del cazzo." assicurati almeno di aver capito
quello che ha letto tu.
Post by n.n
Io so che loro fino a 30 anni fa erano poveri ora hanno cambiato sistema
economico e galoppano.
taiwain e india non hanno mai cambiato regime dalla loro indipendenza,
eppure crescono quasi come la cina.
Post by n.n
Noi viceversa abbiamo un sistema economico in crisi marcia , l'unica cosa e'
che non vogliamo cambiarlo
tutto qua.
Non esiste uno che sa soffrire di + la poverta' e uno meno
La poverta' la soffre chiunque.
la poverta' noi abbiamo dimenticato cosa sia. loro no, hanno visto i
loro genitori siffrirla (o in parecchi casi la hanno sofferta loro
stessi) e anche per questo si sbattono come delle anguille.
n.n
2005-12-02 13:51:15 UTC
Permalink
Post by tornado
Post by n.n
Tu dici che si sanno adattare all apoverta' meglio di noi.
Sinceramente mi pare genetica sta cosa.
ho scritto che "conoscono" la poverta' meglio di noi.
la prossima volta che accusi qualcuno di leggere "troppe favole e
sociologia psicologia del cazzo." assicurati almeno di aver capito
quello che ha letto tu.
Post by n.n
Io so che loro fino a 30 anni fa erano poveri ora hanno cambiato sistema
economico e galoppano.
taiwain e india non hanno mai cambiato regime dalla loro indipendenza,
eppure crescono quasi come la cina.
Post by n.n
Noi viceversa abbiamo un sistema economico in crisi marcia , l'unica cosa e'
che non vogliamo cambiarlo
tutto qua.
Non esiste uno che sa soffrire di + la poverta' e uno meno
La poverta' la soffre chiunque.
la poverta' noi abbiamo dimenticato cosa sia. loro no, hanno visto i
loro genitori siffrirla (o in parecchi casi la hanno sofferta loro
stessi) e anche per questo si sbattono come delle anguille.
Hai uno studio scientificvo che avvalora questa teoria ?

Io si ho parecchi testi di economia che sostengono che applicandfo
determinate formule economiche l'economia cresce.
Sono tutti premi nobel.

Vorrei sapere la teroia delle "anguille" che spiega la crescita della Cina
se l'hai letta e dove oppure tu la mattina a colazione ne parli coi bambini,
cosa che credo facciano il grosso della nostra popolazione, convinta che i
"questi strani esserei cinesi" dormono 2 ore al gioeno mangiano insetti e
lavorano sotto la frusta.

N


--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
tornado
2005-12-02 14:36:00 UTC
Permalink
Post by n.n
Hai uno studio scientificvo che avvalora questa teoria ?
no. semplicemente conosco un po' di ingegenri cinesi e ci sono stato un
paio di volte.
Post by n.n
Io si ho parecchi testi di economia che sostengono che applicandfo
determinate formule economiche l'economia cresce.
Sono tutti premi nobel.
tutti cretini quelli che non applicano queste formule, vero?
Post by n.n
Vorrei sapere la teroia delle "anguille" che spiega la crescita della Cina
se l'hai letta e dove oppure tu la mattina a colazione ne parli coi bambini,
cosa che credo facciano il grosso della nostra popolazione, convinta che i
"questi strani esserei cinesi" dormono 2 ore al gioeno mangiano insetti e
lavorano sotto la frusta.
respira a fondo, conta fino a dieci e riscrivila meglio perche' non ho
capito cosa vuoi dire adesso.
n.n
2005-12-02 14:44:27 UTC
Permalink
Post by tornado
Post by n.n
Hai uno studio scientificvo che avvalora questa teoria ?
no. semplicemente conosco un po' di ingegenri cinesi e ci sono stato un
paio di volte.
haaaaa, allora scusa.
Post by tornado
Post by n.n
Io si ho parecchi testi di economia che sostengono che applicandfo
determinate formule economiche l'economia cresce.
Sono tutti premi nobel.
tutti cretini quelli che non applicano queste formule, vero?
Decisamente e oggettivamente si cvisto che si stanno suicidando lentamente,
e neanche tanto lentamente
Post by tornado
Post by n.n
Vorrei sapere la teroia delle "anguille" che spiega la crescita della Cina
se l'hai letta e dove oppure tu la mattina a colazione ne parli coi bambini,
cosa che credo facciano il grosso della nostra popolazione, convinta che i
"questi strani esserei cinesi" dormono 2 ore al gioeno mangiano insetti e
lavorano sotto la frusta.
respira a fondo, conta fino a dieci e riscrivila meglio perche' non ho
capito cosa vuoi dire adesso.
Il concetto e' semplice.
Il popolo viene imbittito di storie e storielle sulle altre nazioni.
Gli svedesi che si suicidano, gli americani che mettono tutti in carcere, i
cinesi che lavorano 16 ore al giorno gratis, eccetera.
E si creano le leggende e le mitologie, addirittura ogni tanto non e' manco
un processo causale ma sono slogan che alcuni triescono a fare passare per
ottenere consenso.

Il rsiultato sono queste convinzioni :
"i Cinesi lavorano come anguille perche da piccoli hanno sofferto"

in una discussione sul perche' decade l'Italia ......



--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
tornado
2005-12-02 15:04:18 UTC
Permalink
Post by n.n
Il popolo viene imbittito di storie e storielle sulle altre nazioni.
Gli svedesi che si suicidano, gli americani che mettono tutti in carcere, i
cinesi che lavorano 16 ore al giorno gratis, eccetera.
a shanghai lavorano 8 ore al giorno + 4 al sabato per 350 euro al mese
(da neolaureati, oltre non sono riuscito a scoprirlo) di cui il 20% va
in tasse. a taiwan intorno ai 4-500 lordi, hanno il sabato libero ma la
citta' e' sensibilmente piu' cara. entrambi hanno meno di una settimana
di ferie all'anno.
lo so perche' li ho visitati qualche volta.
Post by n.n
E si creano le leggende e le mitologie, addirittura ogni tanto non e' manco
un processo causale ma sono slogan che alcuni triescono a fare passare per
ottenere consenso.
"i Cinesi lavorano come anguille perche da piccoli hanno sofferto"
scusami ma non ho capito una cosa: tu, oltre a non capire un cazzo di
quel che dico, accusarmi di credere alle favole e aver sostenuto di
aver letto una volta che con le formule di alcui premi nobel l'economia
cresce (senza ovviamente darne alcun riferimento) hai anche qualche
cosa di concreto da dire o ti vuoi limitare a queste cazzate?
n.n.
2005-12-02 15:42:18 UTC
Permalink
Post by tornado
scusami ma non ho capito una cosa: tu, oltre a non capire un cazzo di
quel che dico, accusarmi di credere alle favole e aver sostenuto di
aver letto una volta che con le formule di alcui premi nobel l'economia
cresce (senza ovviamente darne alcun riferimento) hai anche qualche
cosa di concreto da dire o ti vuoi limitare a queste cazzate?
Mi limito a credere alle cazzate scritti suilibri di economia e agli studi
comparati.

So che si diceva lo stesso dell'India 10 anni fa che lavoravano a 1 euro
al giorno

Oggi a Bangalore guadagnano piu' di noi.
C'e' un VISA di ingresso che rende difficile agli italiani che volessero
emigrare la di entrare.
Ci sono un sacco di Aziendone di Software in piena salute e sinceramente
solo un idiota preferirebbe lavorare in Italia,
Semplicemente la' non puo' andare perche non sa l'Inglese e/o non lo
pigliano e/o non e' sufficientemente bravo nel suo lavoro

A SHangai sta andando tale e quale.

N
--
questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
tornado
2005-12-02 16:06:30 UTC
Permalink
Post by n.n.
Post by tornado
scusami ma non ho capito una cosa: tu, oltre a non capire un cazzo di
quel che dico, accusarmi di credere alle favole e aver sostenuto di
aver letto una volta che con le formule di alcui premi nobel l'economia
cresce (senza ovviamente darne alcun riferimento) hai anche qualche
cosa di concreto da dire o ti vuoi limitare a queste cazzate?
Mi limito a credere alle cazzate scritti suilibri di economia e agli studi
comparati.
ci faresti vedere per esempio una formula dei premi nobel, cosi' giusto
per continuare il discorso?
Post by n.n.
So che si diceva lo stesso dell'India 10 anni fa che lavoravano a 1 euro
al giorno
Oggi a Bangalore guadagnano piu' di noi.
ho come l'impressione con soltanto con me, ma nemmeno con gli studi
comparati tu ci capisca granche':

AVERAGE ANNUAL PAY-INDIA
Project manager: £5,220
Software engineer: £5,344
Accountant: £2,956
Sales rep: £2,464
Production worker: £964

http://news.bbc.co.uk/2/hi/business/4436692.stm
Post by n.n.
C'e' un VISA di ingresso che rende difficile agli italiani che volessero
emigrare la di entrare.
c'e' in tutti gli stati del mondo tranne che nella cee, se per questo...
--
questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
n.n
2005-12-02 17:08:40 UTC
Permalink
Post by tornado
Post by n.n.
Post by tornado
scusami ma non ho capito una cosa: tu, oltre a non capire un cazzo di
quel che dico, accusarmi di credere alle favole e aver sostenuto di
aver letto una volta che con le formule di alcui premi nobel l'economia
cresce (senza ovviamente darne alcun riferimento) hai anche qualche
cosa di concreto da dire o ti vuoi limitare a queste cazzate?
Mi limito a credere alle cazzate scritti suilibri di economia e agli studi
comparati.
ci faresti vedere per esempio una formula dei premi nobel, cosi' giusto
per continuare il discorso?
Post by n.n.
So che si diceva lo stesso dell'India 10 anni fa che lavoravano a 1 euro
al giorno
Oggi a Bangalore guadagnano piu' di noi.
Formule ?????????
Bo va be io chiudo.
Siamo in pubblico. Le teorie liberiste sono arcinote.
GLi USA le applicano da sempre, UK irlanda e oggi Cina le applicano
Se vuoi discutere come un idiota lasciamo stare.

Se contesti come fanno molti che il Liberismo porta si ricchezza ma
ingiustizia eccetera, come moltissimi qua in Italia, ok mi sta meglio e
semplicemente ognuno fa le sue scelte .
Qua si sta scegliendo di vivere a sviluppo basso o nullo o recessivo perche
non ci piace il modello liberista.
Questo e' tutto.

Che i cinesi lavorano 16 ore al giorno come le anguille perche da piccoli
hanno sofferto mi pare un'argomentazione poco stimolante.
Post by tornado
ho come l'impressione con soltanto con me, ma nemmeno con gli studi
AVERAGE ANNUAL PAY-INDIA
Project manager: £5,220
Software engineer: £5,344
Accountant: £2,956
Sales rep: £2,464
Production worker: £964
L'India ha 1 miliardo di abitanti
sei d'accordo che se a dheli pigliano 10 euro al mese a bangalore pigliano
100k ?

Comunque la conclusione quale e' ?
Che in Cina ci sara' la poverta' e in Italia la ricchezza ?
Ci crede ancora qualcuno ?
La sensazione di tutti e' l'esatto contrario.

N

--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
tornado
2005-12-04 17:56:01 UTC
Permalink
Post by n.n
Formule ?????????
Bo va be io chiudo.
Siamo in pubblico. Le teorie liberiste sono arcinote.
GLi USA le applicano da sempre, UK irlanda e oggi Cina le applicano
Se vuoi discutere come un idiota lasciamo stare.
non so, "Io si ho parecchi testi di economia che sostengono che
applicandfo
determinate formule economiche l'economia cresce. " lo hai scritto tu.
controlla pure sopra.
Post by n.n
Che i cinesi lavorano 16 ore al giorno come le anguille perche da piccoli
hanno sofferto mi pare un'argomentazione poco stimolante.
e di nuovo, mi fai vedere dove ho parlato di 16 ore?
Post by n.n
Post by tornado
ho come l'impressione con soltanto con me, ma nemmeno con gli studi
AVERAGE ANNUAL PAY-INDIA
Project manager: £5,220
Software engineer: £5,344
Accountant: £2,956
Sales rep: £2,464
Production worker: £964
L'India ha 1 miliardo di abitanti
sei d'accordo che se a dheli pigliano 10 euro al mese a bangalore pigliano
100k ?
no.

felice_pago
2005-12-02 15:29:16 UTC
Permalink
Il 02 Dic 2005, 15:44, ***@libero.it (n.n) ha scritto:
[cut]
Post by n.n
Il concetto e' semplice.
Il popolo viene imbittito di storie e storielle sulle altre nazioni.
Gli svedesi che si suicidano, gli americani che mettono tutti in carcere, i
cinesi che lavorano 16 ore al giorno gratis, eccetera.
E si creano le leggende e le mitologie, addirittura ogni tanto non e' manco
un processo causale ma sono slogan che alcuni triescono a fare passare per
ottenere consenso.
"i Cinesi lavorano come anguille perche da piccoli hanno sofferto"
quanto tieni raggione !

il vino italiano e' il migliore del mondo :))

mai bevuto vino californiano ?
sudamericano ?
israeliano/giordano ?

e non ho meso dentro francia/spagna
Post by n.n
in una discussione sul perche' decade l'Italia ......
sara' anche questo il motivo ?

che ci sbrodoliamo addosso un po' troppo,
ed invece di combattere contro un mondo
migliore del nostro , crediamo di combattere
contro un mondo peggiore del nostro ?

d'altronde di esempi ne abbiamo :(
va' tutto bene, da un po' di tempo a questa parte,
uno slogan dell'attuale governo ?
no no di OGNI governo da quando c'era lui in poi,
ma direi anche prima.

mio padre cantichia sempre:
britagna mia cara britagna,
tu si tosta ma l'italia ti magna !

credo che anche solo l'elenco telefonico,
di londra all'epoca, era pari all'elenco telefonico,
di tutta italia !


felice_pago

--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
Vincent Vega
2005-12-02 18:15:13 UTC
Permalink
Post by felice_pago
il vino italiano e' il migliore del mondo :))
Sei rimasto indietro coi luoghi comuni. Ormai sono più di 20 anni (dallo
scandalo del metanolo) che non abbiamo più nemmeno il coraggio di alzare
la cresta. E dire che alcuni vini italiani sono fra i migliori del
mondo, a gusto mio alcuni italiani sono sottovalutati e altri stranieri
emergenti sono sopravvalutati. Ma non sono un intenditore, solo un
profano che apprezza :P
Post by felice_pago
mai bevuto vino californiano ?
sudamericano ?
israeliano/giordano ?
Si, ma che vini? vino "californiano" o "sudamericano" non vuol dire
nulla, non mi pare che questi paesi abbiano vitigni autoctoni. Puoi bere
un ottimo cabernet californiano come una grande ciofeca.
L'unico paese che IMHO si può fregiare di essere un produttore di grande
vino, qualunque sia, è la Francia.
E l'Italia secondo me non è messa affatto peggio dei paesi che hai citato.
Dionisio
2005-12-03 11:36:31 UTC
Permalink
Post by n.n
Ancora nessuno studio scientifico ha dimostrato differenze razziali a
livello di potenzialita'0 intellettive e fisiche.
Tanto e' vero che alle olimpiadi le medaglie si distribuiscono
omogeneamente
Post by n.n
a parita' di scuole.
...cosa? mai vista la finale dei 100m? son al 90% di colore.
E la finale dei 100m stile libero, son quasi tutti bianchi!
suvvia, questi sono dati di fatto

--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
Tommy
2005-12-04 14:12:22 UTC
Permalink
Post by n.n
Post by n.n
Ancora nessuno studio scientifico ha dimostrato differenze razziali a
livello di potenzialita'0 intellettive e fisiche.
Tanto e' vero che alle olimpiadi le medaglie si distribuiscono
omogeneamente
Post by n.n
a parita' di scuole.
...cosa? mai vista la finale dei 100m? son al 90% di colore.
E la finale dei 100m stile libero, son quasi tutti bianchi!
suvvia, questi sono dati di fatto
:-)
In realtà io sapevo che studi scientifici dimostrano la netta superiorità fisica degli africani, in
generale.
Non ho fonti e se incrocio un amico studioso di antropologia e archeologia mi faccio dare dei
riferimenti. Se qualcuno ne trovasse sarei curioso di sapere se sono storie vere o solo leggende,
ricordo di aver letto una cosa del genere sul web chissà dove, ma chissà la fonte se era autorevole.
tornado
2005-12-02 11:09:40 UTC
Permalink
Post by Stefano Bodini
??? Avanti dove ?
Sono ne' piu' ne' meno degli occidentali, non sono certo dei genii, ci
ho lavorato e ci lavoro quasi quotidianamente.
Specie all'inizio gli indiani accettavano paghe che un occidentale
considerava da fame, da li' la nomea.
A parita' di capacita' ovvio che gli imprenditori considerano migliore
chi fa un lavoro a un decimo del prezzo.
toglimi una curiosita': coma mai alle conferenze meta' dei ricercatori
porta come nome ashok, ravinda, sheng, wung o roba del genere?
--
questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
Freddy Krueger
2005-11-30 07:49:40 UTC
Permalink
On Tue, 29 Nov 2005 17:11:29 -0600, Stefano Bodini
Post by Stefano Bodini
Guarda Taiwan.
15 anni fa Taiwan era la Cina odierna, produzione a prezzi
ignobilmente bassi.
Tutti compravano da Taiwan.
Poi i lavoratori piano piano hanno (giustamente) ottenuto migliori
salari e garanzie sociali.
SNIP
Non vorrei contraddirti, ma leggevo un bel'articolo su come si fanno
le piastra madri alla Asustek.

Il controllo ottico sulla qualita' delle saldature dei componenti SMD
(e' la prima fase dell'assemblaggio di una piastra) preferiscono farlo
fare ad un operatore umano con lente di ingrandimento perche' il
macchinario che potrebbe farlo in automatico costa 200k dollari,
mentre l'operaio specializzato ne prende 100 al mese e riesce a
controllare due piastre nello stesso tempo.

Quindi se il miglioramento del salario ha attestato gli stipendi sui
100 dollari per uno specialista che ripara a mano una piastra madre
difettata armato di sonde e oscilloscopio (non si butta via niente
visto che una singola piastra magari la vendono a 50 dollari), la
competitivita' e' ancora molto piu' alta della nostra.

peccato per gli ideogrammi e la pronuncia ostica, perche' la lingua e'
comunque interessante. :)

Saluti.
--
Rimetta a posto la candela...
Yeah
2005-11-30 00:19:52 UTC
Permalink
Tra l'altro la Cina sta diventando pericolosa non soltanto per le merci
a basso prezzo (che preoccupano l'economia da terzo mondo del Belpaese)
ma per la crescita nelle produzioni tecnologiche (che preoccupano i
paesi realmente avanzati, USA in testa). Stanno investendo tantissimo
in ricerca e sviluppo, e i primi risultati si cominciano a vedere. Piu'
o meno come fece la corea del sud, solo che li' sono molti di meno!!!!!

Credo che l'Italia si trovi nei guai, e da nessuna parte (politica)
vedo proposte valide. La qual cosa mi mette molta paura.
Luca Menegotto
2005-11-30 07:19:46 UTC
Permalink
Post by Yeah
Tra l'altro la Cina sta diventando pericolosa non soltanto per le merci
a basso prezzo (che preoccupano l'economia da terzo mondo del Belpaese)
ma per la crescita nelle produzioni tecnologiche (che preoccupano i
paesi realmente avanzati, USA in testa). Stanno investendo tantissimo
in ricerca e sviluppo, e i primi risultati si cominciano a vedere. Piu'
o meno come fece la corea del sud, solo che li' sono molti di meno!!!!!
Credo che l'Italia si trovi nei guai, e da nessuna parte (politica)
vedo proposte valide. La qual cosa mi mette molta paura.
Io concordo, e sono convinto che se l'Italia vuole venirne fuori deve
lasciar perdere la produzione e puntare massicciamente su tecnologia
avanzata e su servizi.

Dico questo perché forse in questo settore un po' di tempo l'abbiamo
ancora. In fin dei conti ora come ora si importa dalla Cina materiale di
qualità abbastanza bassa, per via del prezzo. Ma credo non ci vorrà
molto perché arrivi materiale di qualità o tecnologicamente
concorrenziale con quanto si trova in Europa o in USA.

Comunque credo che la rogna grossa, che fa si che l'Italia abbia un
declino abbastanza rapido, è che l'incapacità della classe
imprenditoriale e della classe politica ha fatto si che i competitors
con cui non si riesce a fare i conti le aziende italiane le trovano in
Europa, non solo fuori.
--
Ciao!
Luca
Marco
2005-11-30 07:39:31 UTC
Permalink
[SNIP]
Post by Luca Menegotto
Io concordo, e sono convinto che se l'Italia vuole venirne fuori deve
lasciar perdere la produzione e puntare massicciamente su tecnologia
avanzata e su servizi.
Potresti spiegare meglio cosa intendi per "lasciar perdere la
produzione"
e magari quali sono i "servizi" a cui ti riferisci ?

[SNIP]
Post by Luca Menegotto
Comunque credo che la rogna grossa, che fa si che l'Italia abbia un
declino abbastanza rapido, è che l'incapacità della classe
imprenditoriale e della classe politica ha fatto si che i competitors
con cui non si riesce a fare i conti le aziende italiane le trovano in
Europa, non solo fuori.
Su questo concordo al 100%.

Ciao,
Marco.
--
Posted via Mailgate.ORG Server - http://www.Mailgate.ORG
Luca Menegotto
2005-11-30 08:25:54 UTC
Permalink
Post by Marco
[SNIP]
Post by Luca Menegotto
Io concordo, e sono convinto che se l'Italia vuole venirne fuori deve
lasciar perdere la produzione e puntare massicciamente su tecnologia
avanzata e su servizi.
Potresti spiegare meglio cosa intendi per "lasciar perdere la
produzione"
e magari quali sono i "servizi" a cui ti riferisci ?
Ammetto, sono stato un po' criptico.
Produzione. Via quella di basso livello o non concorrenziale. Possiamo
fare quel che vogliamo, produrre un capo di abbigliamento che non sia
alto di gamma o di firma costerà sempre meno all'estero. Già oggi polo
di ottima fattura arrivano in italia al prezzo di un euro, spese comprese.

Cosa si tiene?
Tecnologia. Ci sono realtà di eccellenza in Italia. Si deve lavorare a
che queste realtà non siano poche e con difficile presenza sul mercato,
ma che sia agevolata la ricerca a tutto spiano, in modo che si possa
continuare ad avere prodotti innovativi.
Produzione di alta gamma, dove il marchio Made in Italy può ancora pesare.
Turismo. Siamo una delle mete più ambite al mondo, con un patrimonio
storico e artistico che il mondo ci invidia, e in molti casi abbiamo
servizi per il turismo da terzo mondo, senza contare che ancora oggi il
turista è visto da molti come un pollo da spennare.

Produzione di macchinari. L'Italia esporta molto in Cina e nel sud est
asiatico, in termini di macchinari. Questo è pero' un fattore
transitorio. Non ci sono stupidi, da quelle parti, anzi, sanno bene come
copiare per poi milgiorare.

Logistica. Anche qui abbiamo aziende a livello di eccellenza. Purtroppo
non abbiamo un sistema portuale e di trasporto a terra adeguato e che
corrisponda a queste aziende; ciò non ostante il poco che abbiamo è
sotto utilizzo a causa di miopia, col risultato che le merci transitano
per altri posti (vedi Slovenia).

Servizi avanzati. L'Italia ha grandi competenze, informatiche ma non
solo, che non sfrutta. Non sono solo un costo, come vorrebbe credere
qualcuno, sono una ricchezza che sta li a marcire o che se ne va all'estero.

So che sono stato generico, ma io non sono un economista ;) . Certo
pero' che se non si punta su settori differenti rispetto a quanto fatto
finora, non se ne va fuori!
--
Ciao!
Luca
n.n
2005-11-30 09:00:45 UTC
Permalink
Post by Luca Menegotto
Post by Marco
[SNIP]
Post by Luca Menegotto
Io concordo, e sono convinto che se l'Italia vuole venirne fuori deve
lasciar perdere la produzione e puntare massicciamente su tecnologia
avanzata e su servizi.
Potresti spiegare meglio cosa intendi per "lasciar perdere la
produzione"
e magari quali sono i "servizi" a cui ti riferisci ?
Ammetto, sono stato un po' criptico.
Produzione. Via quella di basso livello o non concorrenziale. Possiamo
fare quel che vogliamo, produrre un capo di abbigliamento che non sia
alto di gamma o di firma costerà sempre meno all'estero. Già oggi polo
di ottima fattura arrivano in italia al prezzo di un euro, spese comprese.
Cosa si tiene?
Tecnologia. Ci sono realtà di eccellenza in Italia. Si deve lavorare a
che queste realtà non siano poche e con difficile presenza sul mercato,
ma che sia agevolata la ricerca a tutto spiano, in modo che si possa
continuare ad avere prodotti innovativi.
Produzione di alta gamma, dove il marchio Made in Italy può ancora pesare.
Turismo. Siamo una delle mete più ambite al mondo, con un patrimonio
storico e artistico che il mondo ci invidia, e in molti casi abbiamo
servizi per il turismo da terzo mondo, senza contare che ancora oggi il
turista è visto da molti come un pollo da spennare.
Produzione di macchinari. L'Italia esporta molto in Cina e nel sud est
asiatico, in termini di macchinari. Questo è pero' un fattore
transitorio. Non ci sono stupidi, da quelle parti, anzi, sanno bene come
copiare per poi milgiorare.
Logistica. Anche qui abbiamo aziende a livello di eccellenza. Purtroppo
non abbiamo un sistema portuale e di trasporto a terra adeguato e che
corrisponda a queste aziende; ciò non ostante il poco che abbiamo è
sotto utilizzo a causa di miopia, col risultato che le merci transitano
per altri posti (vedi Slovenia).
Servizi avanzati. L'Italia ha grandi competenze, informatiche ma non
solo, che non sfrutta. Non sono solo un costo, come vorrebbe credere
qualcuno, sono una ricchezza che sta li a marcire o che se ne va all'estero.
So che sono stato generico, ma io non sono un economista ;) . Certo
pero' che se non si punta su settori differenti rispetto a quanto fatto
finora, non se ne va fuori!
Ormai e' piu' facile fare tecnologia in Pieno Sahara.
L'Italia e' out :

1. L'Universita' e' allo sbando, fra l'altro 99 % statale, unico paese al
mnondo
2. La Ricerca e' 0
3. Le multimnazionali se ne sono andate.
4. C'e' la tassazione sulla persona Fisica PIU' ALTA DEL MONDO
5. La chiesa ha creato leggi cghe bloccano COMPLETAMENTE i settori di punta
della ricerca
(biogenetica)
6. I verdi hanno bloccato gli altri ( nucleare, OGM )

La partitra della Tecnologia e' persa per sempre :(
Mettetetivi l'animo in pace, la Cina ormai ce la sognamo di raggiungerla.
hanno meno tasse, piu' aziendse, costo del alvoro+ basso,, + ricerca
Ciao sono un'altra categoria, sono sogni chge noi competiamo con loro

N



--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
balda
2005-11-30 09:18:09 UTC
Permalink
Post by n.n
5. La chiesa ha creato leggi cghe bloccano COMPLETAMENTE i settori di punta
della ricerca
(biogenetica)
6. I verdi hanno bloccato gli altri ( nucleare, OGM )
Questi ultimi due punti sono veri propri calci ai co...ni dello sviluppo
della nostra nazione.
Due entita' vecchie, stantie, ancorate alla loro retorica anti-storica. A
questi, tanto, non frega una beneamata mazza, cosi ben stretti alle loro
poltrone!
Bene, teniamoci pizza & mandolino. 'o sole e napule e il ponentino de' Roma!
Teniamoci tutta 'sta paccottiglia retorica che siamo il piu' bel paese del
mondo!
Scusate lo sfogo...

--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
Marco
2005-11-30 09:19:54 UTC
Permalink
[SNIP]
Post by balda
Questi ultimi due punti sono veri propri calci ai co...ni dello sviluppo
della nostra nazione.
Due entita' vecchie, stantie, ancorate alla loro retorica anti-storica. A
questi, tanto, non frega una beneamata mazza, cosi ben stretti alle loro
poltrone!
A te forse non aver avuto Chernobyl in Italia interessa poco.

Io preferisco che non ci sia stato.

Ciao,
Marco.
--
Posted via Mailgate.ORG Server - http://www.Mailgate.ORG
balda
2005-11-30 09:31:03 UTC
Permalink
Post by Marco
A te forse non aver avuto Chernobyl in Italia interessa poco.
Non mi riferivo al nucleare. Si stava parlando per macro argomenti. Io,
all'epoca, votai no ma oggi, quasi sicuramente, direi si. Direi si perche'
l'Italia da sempre eccelle nella fisica nucleare (ricordi i ragazzi di via
panisperna). E sono sicuro che si potrebbero realizzare centrali assai
sicure. Ma non e' il mio campo e di piu' non azzardo.Certo oggi la ricerca e
l'universita' languono in questo campo, mentre spopolano lauree sulla
comunicazione (ma che c...mai dobbiamo comunicare??? Si chiacchiera e
basta...).
Cmq, lasciando da parte questo ostico argomento, c'e' in Italia una forte
ritrosia all'evoluzione, alla globalizzazione, e guarda caso chi rema contro
sono proprio quelli che la loro ideologia cosi ferma e intransigente, la
spendono con il lro bel posto assicurato al governo per loro e le proprie
future generazioni. Tante belle parole che ci stanno lasciando indietro su
parecchie cose....


--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
Uomo Mascherato
2005-11-30 11:11:37 UTC
Permalink
Post by balda
Post by Marco
A te forse non aver avuto Chernobyl in Italia interessa poco.
Non mi riferivo al nucleare. Si stava parlando per macro argomenti. Io,
all'epoca, votai no ma oggi, quasi sicuramente, direi si. Direi si perche'
l'Italia da sempre eccelle nella fisica nucleare (ricordi i ragazzi di via
panisperna).
Peccato che le centrali che volevano installare qui da noi erano modello
1945 o giù di li. in realtà vecchi progetti dismessi dalle grosse
società americane. I fisici teorici sono ben al di là della costruzione
di una rozza centrale a fissione. Con una valutazione seria del
rischio/convenienza sarebbe stato opportuno fare una scelta verso il
nucleare nel tempo giusto (25 anni fa) per potere impegnare risorse
nell'ottimizzazione delle tecnologie per il risparmio energetico.
Ma questo interessava poco ai nostri politici e secondo me ancora meno,
visto che si va ancora a fare la guerra per il petrolio (e noi ci siamo
checchè ne dica il nanerottolo).
Siamo il paese del bel sole e usiamo il gas o peggio il petrolio per
scaldarci l'acqua per la doccia, paghiamo la benzina il quadruplo degli
americani ma usiamo automobili che consumano come un carro armato.
Impiegando tecnologie tutt'altro che avveniristiche potremmo risparmiare
un bel po di risorse e rendere anche più vivibile il nostro pianeta.
balda
2005-11-30 09:31:11 UTC
Permalink
Post by Marco
A te forse non aver avuto Chernobyl in Italia interessa poco.
Non mi riferivo al nucleare. Si stava parlando per macro argomenti. Io,
all'epoca, votai no ma oggi, quasi sicuramente, direi si. Direi si perche'
l'Italia da sempre eccelle nella fisica nucleare (ricordi i ragazzi di via
panisperna). E sono sicuro che si potrebbero realizzare centrali assai
sicure. Ma non e' il mio campo e di piu' non azzardo.Certo oggi la ricerca e
l'universita' languono in questo campo, mentre spopolano lauree sulla
comunicazione (ma che c...mai dobbiamo comunicare??? Si chiacchiera e
basta...).
Cmq, lasciando da parte questo ostico argomento, c'e' in Italia una forte
ritrosia all'evoluzione, alla globalizzazione, e guarda caso chi rema contro
sono proprio quelli che la loro ideologia cosi ferma e intransigente, la
spendono con il lro bel posto assicurato al governo per loro e le proprie
future generazioni. Tante belle parole che ci stanno lasciando indietro su
parecchie cose....


--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
Luca Menegotto
2005-11-30 09:43:35 UTC
Permalink
Post by Marco
A te forse non aver avuto Chernobyl in Italia interessa poco.
Questo è stato un argomento utilizzato più volte, e il famoso referendum
è passato proprio sull'onda dell'emozione del dopo Chernobyl. Il fatto è
che 1) l'Italia aveva una tecnologia nucleare seconda solo a quella
degli Stati Uniti e a pari di quella francese, e 2) a detta di tutti gli
esperti, Chernobyl era un esempio di come non costruire una centrale
nucleare.

Ora, io ritengo il nucleare superato (si potrebbe fare molto col
fotovoltaico e con la termovalorizzazione), però non posso dimenticare
che, grazie a scelte dissennate, noi per decenni abbiamo acquistato
energia dalla Francia, che la produceva e la produce - guarda caso - con
centrali nucleari, molte delle quali sono a ridosso dei confini con
l'Italia.
--
Ciao!
Luca
Marco
2005-11-30 10:36:06 UTC
Permalink
Post by Luca Menegotto
Post by Marco
A te forse non aver avuto Chernobyl in Italia interessa poco.
Questo è stato un argomento utilizzato più volte, e il famoso referendum
è passato proprio sull'onda dell'emozione del dopo Chernobyl. Il fatto è
che 1) l'Italia aveva una tecnologia nucleare seconda solo a quella
degli Stati Uniti e a pari di quella francese, e 2) a detta di tutti gli
esperti, Chernobyl era un esempio di come non costruire una centrale
nucleare.
Il problema dell'Italia non e' mai stata la mancanza di tecnologia,
quanto la mancanza di cultura imprenditoriale, o meglio la presenza
di una cultura imprenditoriale in base alla quale ad esempio qualsiasi
fattore di sicurezza conta meno di zero a fronte del risparmio che
ottieni trascurando quella sicurezza. E se negli anni 70 il programma
nucleare fosse andato avanti non ho alcun dubbio che la mentalita'
imprenditoriale italiana avrebbe prevalso anche in quel caso,
nonstante Chernobyl con risultati facilmente immaginabili
(tra parentesi, cosa succede ancora oggi dalle parti di Chernobyl
e' sconosciuto ai piu', ma sarebbe altamente educativo saperlo).
Post by Luca Menegotto
Ora, io ritengo il nucleare superato (si potrebbe fare molto col
fotovoltaico e con la termovalorizzazione), però non posso dimenticare
che, grazie a scelte dissennate, noi per decenni abbiamo acquistato
energia dalla Francia, che la produceva e la produce - guarda caso - con
centrali nucleari, molte delle quali sono a ridosso dei confini con
l'Italia.
Su questo concordo, specialmente sul fatto che le centrali siano
al confine con l'Italia. Anzi, quando ero all'ultimo anno di
istituto tecnico, nel 1986 andai in gita scolastica a visitarne una.

Pero'

a- la mentalita' imprenditoriale francese non credo che sia
del tutto assimilabile a quella italiana.

b- non saprei come impedire che altri stati facciano centrali nucleari
vicine ai confini italiani.

c- la Germania senza il nucleare (anche meno che in Italia)
ha sicuramente meno problemi dell'Italia (a differenza di quanto
raccontano in molti), nonostante l'accoglimento di circa 20 milioni
di persone che per quasi 50 anni hanno vissuto in regime comunsta
(quello vero). Quindi sicuramente il nucleare non
puo' essere una scelta determinante.

Ciao,
Marco
--
Posted via Mailgate.ORG Server - http://www.Mailgate.ORG
jesus_n
2005-11-30 10:58:58 UTC
Permalink
Post by Marco
c- la Germania senza il nucleare (anche meno che in Italia)
ha sicuramente meno problemi dell'Italia (a differenza di quanto
raccontano in molti), nonostante l'accoglimento di circa 20 milioni
di persone che per quasi 50 anni hanno vissuto in regime comunsta
(quello vero). Quindi sicuramente il nucleare non
puo' essere una scelta determinante.
Marco qua e' inutile discutere sulle singole questioni.
Si puo' campare senza nucleare e si puo' campare senza fare una guerra
ogni 3 anni.
Sono d'accordissimo.

Quello che non si puo' fare e quello che facciamo noi.

Siamo ormai un paese che assomiglia a un circolo di vecchi perdenti.
Ci lamentiamo di tutto. Siiamo contro tutto sempre e comunque
no al nucelare
no all'ogm
no alla competizione selvaggia
no a licenziare
no
no
no

Non sono cattivi i giornali straNIERI CHE CI DANNO MORTI.
quando andavamo bene erano i primi a festeggiarci.
Oggi e' cosi' siamo morti dentro.

Il nuovo millenio si e' prentato e ci ha proposto uina partita nuova,
tutta diversa.
A noinon piace.

Non e' una questione di imprenditori.
GLi imprenditori non sono marzianio sono gente che ha dei liquidi o delle
idee, va a scuola e studia l'economia.
L'economia gli dice che se apre in Cina o USA fa soldi si diverti crea
lavoro.
In Italia non conviene piu', per sempre.
Il sistema e'ostile all'investimento , sotto tuttiissimi i punti di vista

tasse
tasse indirette
tasse diu tutti i tipi
leggi
inefficienza
scuole scadenti
popolazione che ti guarda male

c'e' poco da fare un imprenditrore sano non verra mai piu' qua


In Cina hanno deci so di giocare la partita e stanno facendo tutte quelle
riforme estremamente liberiste che piacciono tanto alle Aziende.
E le Aziende vanno la.
E le scuole si spostano la
La ricerca si sposta la

Che ci piaccia o meno la ricetta e' unica.
Usa e Cina la applicano

A noi non piace e amen.
Staremo alla finestra a vedere gli altri giocare.
Pero' non lamentiamoci se ci sara' i declino.
Non c'e' molta alternativa

o cosi'
o USA/CIna


N
--
Nicola

questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
Stefano Bodini
2005-11-30 12:27:32 UTC
Permalink
Post by jesus_n
Marco qua e' inutile discutere sulle singole questioni.
Si puo' campare senza nucleare e si puo' campare senza fare una guerra
ogni 3 anni.
Sono d'accordissimo.
[...]
Post by jesus_n
Non c'e' molta alternativa
o cosi'
o USA/CIna
EHI !!!!
Sono io quello che deve passare per "realista" ! :-)
Non vale se ti ci metti pure te ! :-)
--
Legge di Flon
Non c'e' linguaggio in cui sia difficile scrivere cattivi programmi.
FAQ del gruppo : http://www.sen.it/faq/it.lavoro.informatica.faq.html
Marco
2005-11-30 13:13:01 UTC
Permalink
Post by jesus_n
Marco qua e' inutile discutere sulle singole questioni.
Si puo' campare senza nucleare e si puo' campare senza fare una guerra
ogni 3 anni.
Sono d'accordissimo.
Quello che non si puo' fare e quello che facciamo noi.
Questo dovresti dirlo agli imprenditori italiani da sempre
abituati a guadagnare 100 lavorando zero.
Post by jesus_n
Siamo ormai un paese che assomiglia a un circolo di vecchi perdenti.
Ci lamentiamo di tutto.
Siiamo contro tutto sempre e comunque
Non so bene a chi tu ti riferisca con "siamo".
Puo' anche essere che intrecciando i vari argomenti venga
fuori quello che dici tu. Io ti posso riportare i miei no
Post by jesus_n
no al nucelare
su questo io sarei contro anche oggi
Post by jesus_n
no all'ogm
su questo avrei l'unico problema (non piccolo) di non volere i brevetti.
Post by jesus_n
no alla competizione selvaggia
Questa la vorrei eccome. Qui sono decisamente
le aziende e gli imprenditori che non la vogliono
minimamente.
Post by jesus_n
no a licenziare
Se vedi i miei post passati io sarei per l'abolizione del t.i.,
per cui figurati.
Pero' se il no alla legge Biagi viene spacciato come "no a licenziare"
allora un po' mi altero.
Post by jesus_n
no
no
no
Non sono cattivi i giornali straNIERI CHE CI DANNO MORTI.
quando andavamo bene erano i primi a festeggiarci.
Oggi e' cosi' siamo morti dentro.
Il nuovo millenio si e' prentato e ci ha proposto uina partita nuova,
tutta diversa.
A noinon piace.
Non e' una questione di imprenditori.
GLi imprenditori non sono marzianio sono gente che ha dei liquidi o delle
idee, va a scuola e studia l'economia.
No. Gli imprenditori in Italia sono gente che talvolta ha dei
liquidi talaltra no, ma che riesce in modo incredibile a
fare un sacco di soldi lavorando *zero*
(o vuoi che ti faccia conoscere qualche b.r. con capitale
sociale di 20.000.000 Lire che ha fatturato miliardi di lire lucrando
sulle persone che mandava dai clienti ? Io di imprenditori
italiani conosco questi come maggioranza piu' che assoluta
e non solo in ambito informatico; direi anche
che spesso a scuola ci sono stati poco [che poi l'esserci stato
poco sia un male non lo so])
Post by jesus_n
L'economia gli dice che se apre in Cina o USA fa soldi si diverti crea
lavoro.
Eppure io tutte queste aziende che delocalizzano negli USA non le
vedo.
Viceversa conosco almeno una grande azienda USA che delocalizza in
India (e proprio per le attivita' di analisi e sviluppp software).
L'azienda in questione e' HP.
Post by jesus_n
In Italia non conviene piu', per sempre.
Questo puo' essere.
Post by jesus_n
Il sistema e'ostile all'investimento , sotto tuttiissimi i punti di vista
tasse
tasse indirette
tasse diu tutti i tipi
Hai presente l'ultima "riduzione delle tasse" ?
L'ho fatta io o l'ha fatta un imprenditore, anzi
quello che si era presentato per portare in politica
i principi che governano un'azienda. E direi che lo ha
fatto piu' che chiaramente.
Post by jesus_n
leggi
Hai presente le leggi fatte nell'ultimo periodo ?
Le ho fatte io o le fatte un imprenditore ?
Post by jesus_n
inefficienza
scuole scadenti
Dunque,
visto che le scuole sono scadenti che vogliamo fare ?
Eliminare anche quelle che ci sono ?

Privatizzare mantentendo o meglio aumentando l'attuale pressione
fiscale sui lavoratori a favore degli "imprenditori" che apriranno
scuole private o magari finanziando con i soldi pubblici
*solo* le scuole cattoliche (NB io sulla privatizzazione non ho
nulla in contrario, ne' relativamente alle scuole ne' ad altri
enti. Ho molto in contrario se la privatizzazione di *tutto*,
pensioni comprese non e' accompagnata a partire da subito
dall'ingresso nelle mie tasche di tutto o quasi quello che pago
attualmente in tasse) ?
Post by jesus_n
popolazione che ti guarda male
Questa non l'ho proprio capita.
Post by jesus_n
c'e' poco da fare un imprenditrore sano non verra mai piu' qua
Qualsiasi imprenditore "sano" non va nemmeno negli Stati Uniti.

Viceversa ci sono molti imprenditori che vanno in Brasile,
Ungheria, Pakistan, Romania ecc.
Post by jesus_n
In Cina hanno deci so di giocare la partita e stanno facendo tutte quelle
riforme estremamente liberiste che piacciono tanto alle Aziende.
Scommetti che se io, te e tutti gli altri accettiamo
uno stipendio "cinese" le aziende vengono anche qua ?
Post by jesus_n
E le Aziende vanno la.
E le scuole si spostano la
La ricerca si sposta la
Che ci piaccia o meno la ricetta e' unica.
Usa e Cina la applicano
Mi fai qualche esempio di azienda che delocalizza negli USA ?
Post by jesus_n
A noi non piace e amen.
Piu' Semplicemente trovo banalmente falso che le aziende
si spostano in questi posti per le riforme liberiste (contro
cui non avrei nulla tra l'altro [ovviamente intendo
*riforme liberiste*, non *legge Biagi*]). E mi sembra anche che il
no al nucleare c'entri pochissimo con la gestione liberista
dell'economia).
Post by jesus_n
Staremo alla finestra a vedere gli altri giocare.
Pero' non lamentiamoci se ci sara' i declino.
Non c'e' molta alternativa
o cosi'
o USA/CIna
Ma...
continuo a non capire dove vedete tutto questo interesse per
gli USA (come luogo dove delocalizzare) da parte di aziende non
americane.


Senza contare che gli USA possono permettersi (a differenza
di noi) di sostenere il debito pubblico piu' alto del mondo senza
che nessuno abbia nulla da ridire (o vuoi forse fare concorrenza
agli USA sul piano militare) ?

Ciao,
Marco.
--
Posted via Mailgate.ORG Server - http://www.Mailgate.ORG
n.n.
2005-11-30 13:51:41 UTC
Permalink
Post by Marco
Ma...
continuo a non capire dove vedete tutto questo interesse per
gli USA (come luogo dove delocalizzare) da parte di aziende non
americane.
Apri il corriere di oggi ( o il giornale che vuoi )
i dati parlano chiaro

Gli stati uniti sono cresciuti mostruosamente negli ultimi 30 anni
Le stime per il prossimo 20ennio sono rosee

La Cina e' il nuovo faro e avra' il boom stratosferico

UK
Spagna
Itrlanda

e molti altri avranno forte espansione

l'Italia e' ferma
Francia e Germania un po' meglio ma sempre arrancando

Ormai non c'e' piu' tempo per saperimentrare formule magiche
Pare che l'unioco modello funzionante sia uno e uno solo.
Il modello e' esportabile in pochi anni , come e' stato fatto in varie
parti del Mondo.

C'e' solo da decidere se importarlo, oppure scegliere di crepare + o - con
calma nella poverta'.


Gli stati
--
questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
Marco
2005-11-30 09:18:10 UTC
Permalink
Post by n.n
Ormai e' piu' facile fare tecnologia in Pieno Sahara.
1. L'Universita' e' allo sbando, fra l'altro 99 % statale, unico paese al
mnondo
2. La Ricerca e' 0
3. Le multimnazionali se ne sono andate.
4. C'e' la tassazione sulla persona Fisica PIU' ALTA DEL MONDO
Questa e' sicuramebte una cavolata.
In Germania, tanto per dirne una, sicuramente la tassazione non
e' inferiore a quella dell'Italia.
In Svezia immagino che sia ancora piu' alta.
Post by n.n
5. La chiesa ha creato leggi cghe bloccano COMPLETAMENTE i settori di punta
della ricerca
(biogenetica)
6. I verdi hanno bloccato gli altri ( nucleare, OGM )
Sul nucleare personalmente ho dei dubbi che l'averlo bloccato sia
un male (secondo me se si andava avanti su quanto intrapreso negli
anni 70, oggi potremmo non nominare solo Chernobyl come
esempio di catastrofe).
Sugli OGM, se si eliminassero i brevetti potrei anche concordare
con l'introduzione.
Post by n.n
La partitra della Tecnologia e' persa per sempre :(
Io ho serissimi dubbi che OGM, nucleare e biogenetica
siano gli unici aspetti della tecnologia.
Post by n.n
Mettetetivi l'animo in pace, la Cina ormai ce la sognamo di raggiungerla.
hanno meno tasse, piu' aziendse, costo del alvoro+ basso,, + ricerca
Ciao sono un'altra categoria, sono sogni chge noi competiamo con loro
Se le cose vanno come devono andare, tra un po'
la Cina se la sogneranno tutti di raggiungerla.

La sfida Italia-Cina con 60 milioni di abitanti contro oltre un miliardo
non e' nemmeno proponibile, in condizioni normali.

Ciao,
Marco
Post by n.n
N
--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
--
Posted via Mailgate.ORG Server - http://www.Mailgate.ORG
n.n
2005-11-30 09:24:57 UTC
Permalink
Post by Marco
Post by n.n
Ormai e' piu' facile fare tecnologia in Pieno Sahara.
1. L'Universita' e' allo sbando, fra l'altro 99 % statale, unico paese al
mnondo
2. La Ricerca e' 0
3. Le multimnazionali se ne sono andate.
4. C'e' la tassazione sulla persona Fisica PIU' ALTA DEL MONDO
Questa e' sicuramebte una cavolata.
A parte che la Germania sta come noi se non peggio come sviluppo, e
addirittura sta facendo un governo di unita' nazionale , che sono misure
estreme gravissime. Se un governo di unita' nazionale fallisce puo'
l'alternativa sono estremismi vari e anarchia sostyanziale.
Post by Marco
In Germania, tanto per dirne una, sicuramente la tassazione non
e' inferiore a quella dell'Italia.
In Svezia immagino che sia ancora piu' alta.
Non ho i dati ma credo che Sulla persona fisica siamo campioni del mondo in
negativo.
Comunque se non siamo primi siamo sempre li a giocarci il titolo.
Chiaramente le Aziende qua non tornerannmio mai piu' e questo e' il motivo
n.1
Post by Marco
La sfida Italia-Cina con 60 milioni di abitanti contro oltre un miliardo
non e' nemmeno proponibile, in condizioni normali.
Non e' il numero.
In Africva sono 1 miliardio
L'erupoa estesa e' enorme.
La russia e' enorme.

La Cina sta impostando un progetto sulle basi corrette
Cioe sta replicando il sistema Statunitense tale e quale
in 20 anni saranno la superpotenza insiem a loro, che comunque vanno
benissimo e le riforme recenti garantiranno 50 anni sereni a tassi di
crescita sempre altissimi

N

--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
Marco
2005-11-30 12:37:23 UTC
Permalink
Post by n.n
Post by Marco
Post by n.n
Ormai e' piu' facile fare tecnologia in Pieno Sahara.
1. L'Universita' e' allo sbando, fra l'altro 99 % statale, unico paese
al
Post by Marco
Post by n.n
mnondo
2. La Ricerca e' 0
3. Le multimnazionali se ne sono andate.
4. C'e' la tassazione sulla persona Fisica PIU' ALTA DEL MONDO
Questa e' sicuramebte una cavolata.
A parte che la Germania sta come noi se non peggio come sviluppo,
Dal punto di vista politico puoi aver ragione.
Dal punto di vista economico ti posso garantire
che tra noi e la Germania c'e' un abosso molto piu' colossale
di quello che si possa immaginare, a differenza di quanto vogliono
far credere. In ogni caso il 90% dei problemi della Germania
e' di carattere politico, riassumibile con la parola
"riunificazione" (qui ci lamentiamo di 10.000 Albanesi che sbarcano
sulle coste della puglia ma li ne hanno presi 20.000.0000
in condizioni tristi).
Post by n.n
addirittura sta facendo un governo di unita' nazionale , che sono misure
estreme gravissime. Se un governo di unita' nazionale fallisce puo'
l'alternativa sono estremismi vari e anarchia sostyanziale.
Il governo di unita' nazionale lo vedrei piu' come un problema
politico che un problema di collasso dell'economia.
Post by n.n
Post by Marco
In Germania, tanto per dirne una, sicuramente la tassazione non
e' inferiore a quella dell'Italia.
In Svezia immagino che sia ancora piu' alta.
Non ho i dati ma credo che Sulla persona fisica siamo campioni del mondo in
negativo.
Dunque...
una mia amica tedesca circa un anno e mezzo fa mi diceva che lo stato
preleva dal suo stipendio il 42% in tasse. Lei fa la segretaria in
una azienda.

4-5 settimane fa un signore con contratto quadro qui nella
multinazionale dove lavoro, mi diceva che lo stato preleva dal suo
stipendio il 42%.
Post by n.n
Comunque se non siamo primi siamo sempre li a giocarci il titolo.
Chiaramente le Aziende qua non tornerannmio mai piu' e questo e' il motivo
n.1
Se sei disposto a lavorare per 10 centesimi di Eruo/ora vedi come
tornano in massa.
Post by n.n
Post by Marco
La sfida Italia-Cina con 60 milioni di abitanti contro oltre un miliardo
non e' nemmeno proponibile, in condizioni normali.
Non e' il numero.
In Africva sono 1 miliardio
L'erupoa estesa e' enorme.
La russia e' enorme.
La russia credo abbia circa 150.000.000 di abitanti,
sicuramente non paragonabili con quelli della Cina (nessuno
stato al mondo credo abbia un numero di abitanti paragonabile
a quello della Cina. Forse l'India ma non saprei con certezza).

In ogni caso quando dicevo "in condizioni normali" mi riferivo
a posti non oppressi da forme di tirannia/dittatura/sfruttamento,
ecc. come sono stati sia la Cina che l'Unione Sovietica che
l'Africa (che secondo me quanto a tirannia sfruttamento e' oppressa
ancora oggi senza che a nessuno interessi una mazza).

Comunque
L'Africa (sulla quale molto ci sarebbe da dire) e l'Europa
sono continenti, non singoli stati. Tra l'altro se l'Europa e'
ben lontana dall'essere politicamente unita, figuriamoci l'Africa.
Post by n.n
La Cina sta impostando un progetto sulle basi corrette
Cioe sta replicando il sistema Statunitense tale e quale
in 20 anni saranno la superpotenza insiem a loro, che comunque vanno
benissimo e le riforme recenti garantiranno 50 anni sereni a tassi di
crescita sempre altissimi
Puo' essere, ma o tu porti subito anche qua il tenore di vita medio dei
cinesi (per non parlare del tenore di vita di chi ancora oggi vive
nelle campagne cinesi) oppure una cosa del genere non la
puoi fare e anche se la fai non potrai avere gli stessi risultati
(a parte che anche la multinazionale dove lavoro io ha investito molto
in Cina negli ultimi anni, ma ultimamente si sta orientando di piu'
verso Brasile, Ungheria e Pakistan che sembrano essere posti in cui
il costo del lavoro e' ancora piu' basso che in Cina).

Ciao,
Marco.
--
Posted via Mailgate.ORG Server - http://www.Mailgate.ORG
SyNko
2005-11-30 13:47:11 UTC
Permalink
Post by Marco
qui ci lamentiamo di 10.000 Albanesi che sbarcano
sulle coste della puglia ma li ne hanno presi 20.000.0000
in condizioni tristi).
no sei tu che sbagli! ragionare in numeri assoluti non significa nulla,
percentuali please!!
Post by Marco
(che secondo me quanto a tirannia sfruttamento e' oppressa
ancora oggi senza che a nessuno interessi una mazza).
e di che cosa ti devi interessare??? ci sono posti dove la gente muore
di fame è una realtà consolidata. Pultroppo come tu puoi ben vedere
l'Italia riesce ad accogliere + o - solo quelli che arrivano fino alle
nostre coste. Inoltre siamo partecipi a molte operazioni umanitarie.
Post by Marco
Tra l'altro se l'Europa e'
ben lontana dall'essere politicamente unita, figuriamoci l'Africa.
Che centra, anche con delle federazioni le cose possono evolversi verso
il meglio
Post by Marco
Puo' essere, ma o tu porti subito anche qua il tenore di vita medio dei
cinesi (per non parlare del tenore di vita di chi ancora oggi vive
nelle campagne cinesi) oppure una cosa del genere non la
puoi fare e anche se la fai non potrai avere gli stessi risultati
(a parte che anche la multinazionale dove lavoro io ha investito molto
in Cina negli ultimi anni, ma ultimamente si sta orientando di piu'
verso Brasile, Ungheria e Pakistan che sembrano essere posti in cui
il costo del lavoro e' ancora piu' basso che in Cina).
Ricordati che è una ruota che gira e si chiama progresso. Anche i
cinesi diventeranno esigenti.
Marco
2005-12-02 00:08:27 UTC
Permalink
Post by SyNko
Post by Marco
qui ci lamentiamo di 10.000 Albanesi che sbarcano
sulle coste della puglia ma li ne hanno presi 20.000.0000
in condizioni tristi).
no sei tu che sbagli! ragionare in numeri assoluti non significa nulla,
percentuali please!!
Popolazione Germania Ovest = circa 60.000.0000
Popolazione Germania Est = circa 20.000.0000

incremento percentuale nella popolazione -> circa il 30%

Popolazione Italia = circa 60.000.000
Popolazione Albania = circa 3.000.000

Se anche venissero *tutti*

incremento percentuale della popolazione -> meno del 6%

Vedi tu se come percentuali ti piacciono.
Post by SyNko
Post by Marco
(che secondo me quanto a tirannia sfruttamento e' oppressa
ancora oggi senza che a nessuno interessi una mazza).
e di che cosa ti devi interessare??? ci sono posti dove la gente muore
di fame è una realtà consolidata. Pultroppo come tu puoi ben vedere
l'Italia riesce ad accogliere + o - solo quelli che arrivano fino alle
nostre coste. Inoltre siamo partecipi a molte operazioni umanitarie.
Mi sa che non hai capito molto di quello che dicevo io.

In Genere negli ultimi tempi va di moda dire che "la Germania
sta peggio di noi". Il mio ragionamento sulla Germania
vuole solo dimostrare che non c'e' nulla di piu' falso di quanto
sopra.

Io dicevo solo che la Germania che ha un modello sociale molto diverso
da quello USA e molto (ma molto, molto piu' di quanto si immagini)
piu' costoso del nostro si e' potuta permettere di accogliere 20.000.000
di nullatenenti dando a tali nullatenenti tutte le tutele
dello stato sociale tedesco (autostrade gratis, dentista gratis,
elevata indennita' di disoccupazione [vedi fine mail], ecc.)
I tedeschi dell'ovest hanno pagato molte tasse negli anni
per avere tale stato sociale (e pensa come dovevano
essere messi bene alla fine della 2. guerra mondiale).
Quelli dell'est hanno pagato *zero* e lo stato tedesco si e' accollato
tutti i costi di questi 20 milioni di persone! Tra l'altro vedi fine
mail per capire quanto noi italiani siamo bravi emigranti e quanto
diamo una mano.
Post by SyNko
Che centra, anche con delle federazioni le cose possono evolversi verso
il meglio
Le "federazioni" che vanno bene in genere sono "politicamente unite".
Le "federazioni" non politicamente unite credo che abbiano scarsissime
probabilita' di dare buoni risultati.

[SINP]
Post by SyNko
Ricordati che è una ruota che gira e si chiama progresso. Anche i
cinesi diventeranno esigenti.
E Vedrai che in quel momento le aziende non cinesi avranno pochissimo
interesse a delocalizzare la. Io rispondevo solo che se si vuole
che aziende non italiane vengano a delocalizzare in Italia e'
necessario portare gli stipendi a valori da fame e non c'e' nient'altro
che possa funzionare.


[Sempre sulla Germania]

Se non ti bastassero le percentuali sugli immigrati,
ti posso dire che una caratteristica degli emigrati italiani in
Germania e' (o meglio era) la seguente:

<premessa>
la Germania da` (o meglio dava) una indennita' di disoccupazione
a chi e' iscritto al collocamento tedesco (anche agli immigrati).
L'indennita' di disoccupazione e' piuttosto alta. Non mi
ricordo la percentuale ma credo un 60% di uno stipendio medio
</premessa>

Gli italiani (brava gente) emigrati in Germania
si iscrivono al collocamento tedesco, stanno un po' in Germania
per avere diritto a tale indennita' e poi (mentre sono iscritti
al collocamento tedesco e percepiscono un reddito dallo stato
tedesco) vengono in Italia a lavorare in nero.

In realta' questa cosa non la potranno fare piu' perche' Schroeder
ha introdotto una riforma secondo cui se il collocamento
offre al disoccupato un lavoro e questo rifiuta, al terzo rifiuto
perde l'indennita' di disoccupazione (mentre prima poteva
rifiutare all'infinito). Per cose come questa ha anche perso
le elezioni.

Figurati se la Germania puo' essere ritenuta in condizioni peggiori
dell'Italia. Una volta che in Germania portassero lo stato sociale
a livello di quello Italiano ci fanno il fumo...

Ciao,
Marco.
--
Posted via Mailgate.ORG Server - http://www.Mailgate.ORG
n.n
2005-12-02 08:59:38 UTC
Permalink
Post by Marco
Figurati se la Germania puo' essere ritenuta in condizioni peggiori
dell'Italia. Una volta che in Germania portassero lo stato sociale
a livello di quello Italiano ci fanno il fumo...
Italia Francie e Germania, al di la' dell'Euro sono di fatto un mercato
unico
Prendi i dati dei PIL dei 3 paesi e troverai 3 curve sovrapposte..
La germania dei 3 e' sempre stata la locomotiva, non lo mette in fubbio
nessuno , anche se il Nord italia ha storicamente tassi di crescita al loro
livello cosi' come alcune regioni della Francia.

Inutile che continui a fare il confronto fra noi e la Germania.
Il Veneto esporta la, i nostri abiti li comprano loro, il nostro vino e i
mobili sono sempre andati innanzitutto la.
I nostri turisti erano loro e viceversa noi prensdiamo el audi e i
frigoriferi tedeschi eccetera.

I dati caro Marrco che continui a girare intorno ai problemi come uno
sciatore evita i paletti, sono che dal 1992 al 2005 compreso la UK ha una
crescita del PIL di circa 1.5 superiore al blooco I-F-D
GLi USA molto fi piu'.
Se conosci le percentuali composite sai che la differenza e' abissale.
LAsciamo stare i tassi cinesi che come sappiamo sono di altri ordini di
grandezza perche partono da 0, ma a breve ci staccano come tutti ben sanno.


Questa e' la realta' e non ce ne e' altra.
La decadenza non e' uno status con cui si puo' convivere perche arrivera' un
giorno che si azzera tutto, non sono infinite le nostgre aziende, anzi ...

N

--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
Marco
2005-12-03 08:37:14 UTC
Permalink
"n.n" <***@libero.it> wrote in message news:***@usenet.libero.it

[SNIP]
Post by n.n
Inutile che continui a fare il confronto fra noi e la Germania.
[SNIP]
Post by n.n
I dati caro Marrco che continui a girare intorno ai problemi come uno
sciatore evita i paletti, sono che dal 1992 al 2005 compreso la UK ha una
crescita del PIL di circa 1.5 superiore al blooco I-F-D
GLi USA molto fi piu'.
Volevo solo far notare che i miei discorsi, piu' che "girare intorno
ai paletti" sono delle banalissime constatazioni di dati di fatto.

Ad esempio il mio discorso sulla Germani era volto *solo
ed esclusivamente* a far rilevare la totale falsita' dell'affermazione

"la Germania sta peggio di noi"

che pare andare molto di moda da 1-2 anni a questa parte, pero'

a - E' una affermazione che non faccio io

b - e' un confronto tra noi e Germania (che non faccio io)


Che tale affermazione sia falsa mi pare banalmente palese (*dato di
fatto*, non *girare intorno ai paletti*),
anche se alcuni continuano a ostinarsi a ripeterla

Per gli USA invece in altri thread (forse anche in questo)
ho detto che

a - io non vedo tutta questa delocalizzazione negli USA da parte
delle aziende straniere (chiedevo lumi su questo perche'
non so esattamente. Magari ce ne sono che delocalizzano la'
pero' mi sembra strano di conoscere Nike e HP [la stessa
Microsoft che minaccia di delocalizzare in Asia] e non conoscere
nessuno che delocalizza negli USA e inoltre di conoscere
aziende che delocalizzano in Romania, Ungheria, Brasile,Pakistan,
Cina, Repubblica Ceca, ecc. Mi viene difficile pensare agli
USA come modello per attirare aziende straniere)

b -gli USA possono contare su alcune "cose" che in Italia
non si possono avere, tipo

1) una fortissima capacita' militare, maggiore di quella di chiunque
altro al mondo

2) il fatto che nessun economista vede il loro enorme
debito pubblico come un dato negativo per la loro
economia (a differenza di quanto accade per l'Italia), magari
anche in virtu' del punto 1).

Piu' che "girare intorno ai paletti" mi sembrano dati di fatto
lapalissiani (tranne per la situazione della
delocalizzazione negli USA da parte di aziende straniere
che non conosco esattamente).


Tutte le volte che mi si dice "facciamo come negli USA cosi'
attiriamo aziende straniere" io ho seri dubbi, soprattutto
a causa del punto a) (su cui forse mi sbaglio)

A me piace ragionare su fatti esistenti, non su ipotesi teoriche
venute da chissa' dove.

Se mi si dice:
"Facciamo come negli USA per aumentare di 1 punto percentuale il PIL"

posso anche essere pensare che possa accadere.

Se mi si dice invece :

"facciamo come negli USA per attirare aziende dall'estero"

ho seri dubbi che cio' possa accadere (e a motivazione di cio' porto
le mie conoscenze dei fatti reali, che magari sono errate o incomplete
ma "girare intorno ai paletti" non mi sembra l'espressione adatta).

Sempre guardando *la realta'* e non altro
deduco che per attirare aziende dall'estero bisogna fare
come Cina, Romania, Pakistan, Ungheria, ecc. ovvero portare gli
stipendi e il tenore di vita a livelli da fame.
Se per te la realta' e' un'altra non so che farci.
Dove vivo io la realta' e' questa (insieme a quella di immigrati
rumeni che mi dicono che quando erano in Romania per comprare
un PC al figlio hanno speso 100 Euro, ovvero un mese di stipendio
e che qua in Italia, da immigrati, sono contenti di guadagnare
4 Euro/ora lavorando 6 giorni/settimana 10/12 ore/giorno in un ingrosso
di frutta e verdura. Pero' sono contenti
perche' hanno un contratto regolare, ferie e malattie pagate e persino
la tredicesima).
Post by n.n
Se conosci le percentuali composite sai che la differenza e' abissale.
LAsciamo stare i tassi cinesi che come sappiamo sono di altri ordini di
grandezza perche partono da 0, ma a breve ci staccano come tutti ben sanno.
Questa e' la realta' e non ce ne e' altra.
Esatto.
Io guardo "solo ed esclusivamente" la realta', non mi metto certo
a fare ipotesi del tipo "il liberismo e' meglio del socialismo" o
viceversa che non guardano minimamente la realta' e sono, quelle si,
ipotesi "astratte" al 100% fatte da chi vuole ostinarsi a "girare
intorno ai paletti" e non affrontare mai la realta' vera.
Post by n.n
La decadenza non e' uno status con cui si puo' convivere perche arrivera' un
giorno che si azzera tutto, non sono infinite le nostgre aziende, anzi ...
Se abbiamo imprenditori per niente capaci se non di guadagnare
con la svalutazione della moneta (altra *realta'* incontestabile)
e una classe politica (elettori compresi)
che meno un imprenditore e' capace e piu'
lo premia (altra realta' certo non contestabile) e' colpa mia ?

O vogliamo continuare con "non siamo abbastanza liberisti",
"vogliamo la flessibilita'" e vai di legge Biagi a portare
il "vero liberismo", oppure "non vogliamo la globalizzazione" e
e vai a tirare pietre contro la polizia che cosi' siamo meno globali
e altre cazzate immani che guardano a tutto tranne che alla realta' ?

Ciao,
Marco.
--
Posted via Mailgate.ORG Server - http://www.Mailgate.ORG
SyNko
2005-12-03 11:11:23 UTC
Permalink
Ho ripreso oggi dopo 1g la lettura di questa interessante discussione e
ci rinuncio!!

con questa interfaccia non si capisce niente.... dovrei districare un
groviglio e non ciò più voglia di mettermi a seguire le varie
risposte in ordine temporale invece che logico.

alla prossima
Tommy
2005-12-04 14:13:21 UTC
Permalink
Post by SyNko
Ho ripreso oggi dopo 1g la lettura di questa interessante discussione e
ci rinuncio!!
con questa interfaccia non si capisce niente.... dovrei districare un
groviglio e non ciò più voglia di mettermi a seguire le varie
risposte in ordine temporale invece che logico.
alla prossima
?!?!?
Ma scusa provare ad usare thnderbird o qualsiasi altro newsreader per leggere i post no? :-)
Gianluca Riccardi
2005-11-30 10:59:32 UTC
Permalink
Luca Menegotto wrote:
[cut]
Post by Luca Menegotto
So che sono stato generico, ma io non sono un economista ;) . Certo
pero' che se non si punta su settori differenti rispetto a quanto fatto
finora, non se ne va fuori!
quoto in pieno (anche, ovviamente, il cut), ma quanto da te esposto e'
equipotenziale la capacita' di non apprezzare tali carattesristiche da
parte di chi dovrebbe, imprenditoria - politica ...

ciao,
Gianluca

p.s.
ma verifichi la posta? ;-)
Tommy
2005-11-30 11:02:05 UTC
Permalink
Post by Luca Menegotto
Io concordo, e sono convinto che se l'Italia vuole venirne fuori deve
lasciar perdere la produzione e puntare massicciamente su tecnologia
avanzata e su servizi.
Concordo perfettamente, soprattutto sui servizi.
Il fatto è che in Italia abbiamo una cultura creativa incredibile e la sfruttiamo poco. Dovremmo
impuntarci di più sull'arte, sul design, sulla gastronomia invece soprattutto i giovani insistono
sulla produzione, si specializzano nel produrre invece che nel creare e questo credo che ci sfianchi
molto.
Se l'Italia riuscisse a sfruttare di più la sua mentalità sarebbe eccezionale a mio avviso, solo che
ci impuntiamo sulla produzione quando per cultura e mentalità non siamo produttori e non sfruttiamo
a sufficienza la nostra identità e le nostre capacità creative, anche nella qualità dei servizi.
Francko
2005-11-30 00:00:14 UTC
Permalink
Post by e***@gmail.com
Il times esce con un bell'articolo (....) sul declino dell'Italia, e su
come la Cina è pronta a spazzarci via...
http://www.time.com/time/asia/covers/501051205/index.html
Dico.... ma l'avete vista la copertina ???
Da adesso in poi associerò sempre il times a pessimismo e fastidio...
Bella l'intervista a Calligari s. Avevo pensato anche io a un tavolo
Calligari s che in media costano intorno alle 1000 sterline (1500 euro).
Poi ne trovai uno altrettanto bello (molto molto simile fra l'altro) a 300
sterline (450 euro). Parlando con il negoziante mi dicono che vengono
dalla Polonia. Voglio vedere ancora quanta gente e' disposta a pagare 1500
euro per un tavolo, seppure possa avere una migliore qualita' (ma a occhio
nudo bisogna ammettere che la differenza non si nota proprio). Purtroppo
la qualita' da sola non crea un'azienda sana, e' tempo anche che ci si
doti di uno spirito aziendale un po' piu' moderno, che purtroppo prevede
anche l'outsourcing laddove e' necessario.
--
questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
Marco
2005-11-30 07:41:46 UTC
Permalink
[SNIP]
Post by Francko
dalla Polonia. Voglio vedere ancora quanta gente e' disposta a pagare 1500
euro per un tavolo, seppure possa avere una migliore qualita' (ma a occhio
nudo bisogna ammettere che la differenza non si nota proprio). Purtroppo
la qualita' da sola non crea un'azienda sana, e' tempo anche che ci si
doti di uno spirito aziendale un po' piu' moderno, che purtroppo prevede
anche l'outsourcing laddove e' necessario.
Potresti chiarire a chi ti riferisci quando dici

"e' tempo anche che ci si doti di uno spirito aziendale un po'
piu' moderno"

ovvero chi e' che dovrebbe dotarsi di tale spirito ?

Ciao,
Marco.
--
Posted via Mailgate.ORG Server - http://www.Mailgate.ORG
Francko
2005-11-30 08:43:27 UTC
Permalink
Marco ha scritto:

[CUT]
Post by Marco
Potresti chiarire a chi ti riferisci quando dici
"e' tempo anche che ci si doti di uno spirito aziendale un po'
piu' moderno"
ovvero chi e' che dovrebbe dotarsi di tale spirito ?
Non volevo parlare di preciso di Calligari s, di cui effettivamente non ne
conosco l'evoluzione economica, solo perche' conosco i suoi prodotti, ma
di tutte quelle piccole-medie aziende che non vogliono e non possono
crescere. Pero' l'idea di prodotti che diventano troppo costosi e
eventualmente fuori mercato mi suggerisce che qualcosa non va. Purtroppo
quello che ha funzionato nel passato non significa funzionera' sempre. E
per crescita non intendo necessariamente quella del personale ma anche
tecnologica, di capitale, di immagine, ecc. ecc.. Sono finiti i tempi del
cummenda e tutti gli operai a lavorare di notte che cosi' si produce e si
fanno tanti profitti.
--
questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
Luca Menegotto
2005-11-30 07:13:02 UTC
Permalink
Post by e***@gmail.com
http://www.time.com/time/asia/covers/501051205/index.html
Il grave non è che ci siano gli articoli che ci paragonano alla Cina, il
grave è che siamo finiti di fatto a competere con la Cina. Dovevamo
andare avanti, e invece abbiamo vissuto per anni sugli allori. E ora ne
paghiamo le conseguenze.
--
Ciao!
Luca
Marco
2005-11-30 07:44:08 UTC
Permalink
Post by Luca Menegotto
Post by e***@gmail.com
http://www.time.com/time/asia/covers/501051205/index.html
Il grave non è che ci siano gli articoli che ci paragonano alla Cina, il
grave è che siamo finiti di fatto a competere con la Cina. Dovevamo
andare avanti, e invece abbiamo vissuto per anni sugli allori. E ora ne
paghiamo le conseguenze.
Piu' che altro e' molto strano che i cinesi si siano decisi solo
ora, dopo non so quanti secoli di isolamento, a competere con il
resto del mondo.

Essendo probabilmente piu' numerosi degli europei e dei nordamericani
sommati insieme, e' difficile pensare che possano perdere la
competizione contro chiunque.

Ciao,
Marco.
--
Posted via Mailgate.ORG Server - http://www.Mailgate.ORG
TiConZero
2005-11-30 07:43:55 UTC
Permalink
Post by e***@gmail.com
Il times esce con un bell'articolo (....) sul declino dell'Italia, e su
come la Cina è pronta a spazzarci via...
http://www.time.com/time/asia/covers/501051205/index.html
e leggere giornali più seri no?
Post by e***@gmail.com
Dico.... ma l'avete vista la copertina ???
si, che ha?
Post by e***@gmail.com
Da adesso in poi associerò sempre il times a pessimismo e fastidio...
USA e l'Europa tutta sono preoccupate per l'ascesa di cina ed india ed
anzi hanno più da perdere gli altri paesi che non l'italia...che in fin
dei conti ha sempre avuto poco (a partire dal suo ridicolo impero
coloniale).
SyNko
2005-11-30 10:45:33 UTC
Permalink
Apri il cervello:(con le mie supposizioni)
E' OVVIO CHE IL TIMES CINESE DICA CHE GLI ITALIANI FANNO CAGARE E CHE I
MANGIARISO SONO PIù BRAVI. E' BUSINESS!!!!

SE DEVI FARTI SIMPATICO UN POSTO CHEFFAI GLI DICI CHE NON SONO CAPACI
DI LAVORARE???????


La Verità è che l'informazione vera, quella che conta realmente, è
il due per cento del mare delle notizie, il resto è acqua avvelenata
apposta per tagliare le gambe alla concorrenza.
Se tutti avessero la percezione di cosa stà accadendo realmente quanto
sarebbe aggressivo il mercato? un inferno. Invece con l'info drogata
molti si autodistruggono diminuendo i cervelli in gara e quindi
l'aggressività della corsa.

Io non mi baserei mai su di un Times Asia!!!!
DarkPulsar
2005-11-30 11:21:59 UTC
Permalink
Post by SyNko
La Verità è che l'informazione vera, quella che conta realmente, è
il due per cento del mare delle notizie, il resto è acqua avvelenata
apposta per tagliare le gambe alla concorrenza.
Se tutti avessero la percezione di cosa stà accadendo realmente quanto
sarebbe aggressivo il mercato? un inferno. Invece con l'info drogata
molti si autodistruggono diminuendo i cervelli in gara e quindi
l'aggressività della corsa.
Io non mi baserei mai su di un Times Asia!!!!
hai ragione,l'informazione è drogata...infatti quando penso che l'italia è
nella merda fino al collo
e molto oltre non lo penso basandomi sull'informazione proposta da organi
italiani...
mi baso su quello che vedono i miei occhi muovendomi di quà e di là per
l'europa,
per lavoro e per vacanza.
un piccolo esempio nella miriade che si potrebbero fare:
Questa estate sono stato in vacanza su un'isola greca vicino mykons ma
totalmente differente per struttura e tipo di turismo colonizzata da
inglesi,olandesi tedeschi e qualche americano.
bhè, sono + avanti della nostra sardegna e fino a ieri, prima dell'europa,
quasi non avevano le auto...
hanno anche l'energia eolica, pannelli solari sulle case/alberghi e quasi
tutte le costruzioni sono equipaggiate con piccoli serbatoi per riserve
d'acqua...costo di 7 giorni solo pernottamento in un alberghetto a 3
stelle,carino,pulito,senza casino,con una vista mozzafiato sul mare: 178euro
a testa...(sto parlando di costo dell'albergo e basta)
che cazzo me ne frega a me di andare in sardegna se esistono posti così (e
dal punto di vista naturalistico anche + belli) dove con pochi soldi si fa
una vacanza da dio,dietro l'angolo oltretutto ?
L'italia non funziona,è inutile continuare a menarla di qua e di
la...intanto che qualcuno la mena gli altri vanno avanti,l'italia resta
indietro preoccupandosi solo di tanti bla bla e chi ne fa le spese sono solo
gli abitanti.
DarkPulsar
2005-11-30 11:30:56 UTC
Permalink
rettifica:

nel precedente messaggio quando scrivo "colonizzata" forse mi esprimo male.
per "colonizzata" intendo dal punto di vista dell'uso turistico,non della
proprietà...
la maggior parte delle proprietà sono dei locali quindi della popolazione
greca
Alex1980
2005-11-30 11:43:59 UTC
Permalink
Post by e***@gmail.com
Dico.... ma l'avete vista la copertina ???
La copertina è bella!

L'articolo... mah... è troppo lungo da scrivere e anche OT quindi
taccio.

Al3x
Continua a leggere su narkive:
Loading...